Dettagli Recensione

 
Il mistero dei massi avelli
 
Il mistero dei massi avelli 2016-08-26 10:26:31 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    26 Agosto, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bentornato Giordan ..

Tornano in questo secondo capitolo le avventure del commissario Giordan e della sua deliziosa quindicenne spalla, Gabriella. Siamo sul Lago di Como, il Natale è alle porte e con esso si respirano le atmosfere tipiche dei giorni di festa.
Un omicidio interrompe la quiete e la magia di questi dì; una morte sin ab initio tutt’altro che accidentale e che potrebbe rivelarsi collegata ad un altro decesso, avvenuto circa dieci anni prima. Sul luogo del delitto segue infatti il ritrovamento dei resti di un cadavere, appartenente ad una donna e che a seguito dell’autopsia risulta essere venuta a mancare intorno agli anni duemila. Immediatamente prendono campo le indagini di rito, e ben presto l’acume del nostro Commissario porta alla risoluzione di un caso affatto lineare e con contenuti, riferibili all’universo del sovrannaturale, capaci di sorprendere il lettore.
Ma non è soltanto l’enigma da dipanare a colpire chi legge. A differenza de “Il carnevale dei delitti” né “Il mistero dei Massi Avelli” assistiamo anche ad un’evoluzione del personaggio, ad una sua maturazione. Dopo anni e anni di solitudine a seguito di quell’amore finito male, il protagonista sembra essere pronto ad abbracciare una nuova storia, una relazione pura, semplice, che si sviluppa senza pretese con la genuinità propria di quelle esperienze di vita che capitano una volta sola…
Onde evitare di “svelarvi” troppo sulla trama, mi fermo qui. Mi limito semplicemente a dirvi che, seppur possiate giungere ad intuire “chi è l’assassino”, cosa che nei gialli può capitare se non essere addirittura svelata sin dalle prime battute, non fermatevi alle apparenze, non interrompetevi nella lettura; la ratio del delitto è infatti ben lontana da una spiegazione scontata o prevedibile. Non vi deluderà..
Stilisticamente l’opera è intrisa della penna di Bruno Elpis, ovvero è caratterizzata da periodi brevi, secchi, e per questo capaci di mantenere viva la suspense delle vicende narrate, periodi che si connubiano perfettamente ad un linguaggio pacato ed erudito che accompagna il curioso scopritore degli avvenimenti pagina dopo pagina.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Sono molto curioso di leggerlo anch'io.
Bel commento, Maria.
Il nome dell'autore non mi è ignoto.
Maria! Che bella sorpresa di fine agosto! Grazie per il tuo prezioso commento, sei una lettrice così esperta e completa... un caro saluto (e quando torno dal mare, il tuo commento finisce dritto dritto su www.brunoelpis.it con qualche foto dedicata) :-)
Cara Maria,
con un po' di ritardo ho pubblicato il tuo commento anche su www.brunoelpis.it
Ti dedico le mie foto che ho scelto per il tuo commento (tra queste, una Lucia, sulla quale immagino di fare un girolago con te) a questo link:
http://www.brunoelpis.it/il-mistero-dei-massi-avelli/1467-il-commento-di-mian88
Ciaooo
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Guardando il sole
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il cuore e la tenebra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cuori fanatici. Amore e ragione
Valutazione Redazione QLibri
 
1.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Certe fortune
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'isola dell'abbandono
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I nomi epiceni
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Elevation
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sospettato
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Fedeltà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
2.3 (3)
Noi siamo tempesta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Morto che cammina
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri