Dettagli Recensione

 
Il male non dimentica
 
Il male non dimentica 2017-09-27 12:15:15 Vita93
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    27 Settembre, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sabbia e sangue, terza parte

Terzo e ultimo capitolo di una trilogia che ha consacrato Roberto Costantini come uno dei più apprezzati autori italiani di romanzi gialli degli ultimi anni, " Il male non dimentica " si propone di risolvere un mistero, avvenuto nel secondo romanzo della serie, che da più di quaranta anni rappresenta un chiodo fisso per l' ombroso Commissario Balistreri.

In una caotica Roma del 2011 tanto stupenda quanto colma di violenza, una serie di omicidi costringe Balistreri a confrontarsi dopo tanti anni con alcune vecchie conoscenze. Volti mai dimenticati come quelli del senatore Busi e di Monsignor Pizza. Gli stessi che Michele aveva imparato a conoscere da ragazzo negli anni vissuti a Tripoli, sempre intenti sin dai primi sussulti delle loro carriere a progettare affari e congetture politiche tra l' Italia e la Libia con il padre, il facoltoso ingegner Balistreri.
Riaffrontare i vecchi demoni sarà per il commissario l' occasione di dipanare la matassa di omissioni e menzogne che gli hanno sempre impedito di scoprire il volto dell' assassino della madre Italia, caduta in circostanze misteriose da una scogliera della costa libica nel 1969 e precipitosamente dichiarata suicida.
Lo stesso anno dell' ascesa al potere di Gheddafi. E sono proprio la Libia del 1969 e la Roma del 2011 i due teatri messi in scena dall' autore per scoprire una verità troppo a lungo celata.

Costantini si mantiene fedele ai due elementi principali che avevano contraddistinto i due precedenti e riusciti romanzi : l' alternanza temporale tra due epoche lontane ma accomunate dagli stessi personaggi, e l' utilizzo del genere investigativo di ampio respiro e imponente mole per evidenziare le contraddizioni e i lati oscuri di un paese nel corso degli ultimi decenni tra corruzione, intrighi politici e finanziari.
Uno stratagemma letterario che tra i tanti ha fatto la fortuna di un certo Stieg Larsson.
Ritroviamo nel Commissario Balistreri del 2011 un uomo che non ha mai smesso di fare i conti con gli errori e i fardelli del passato. Stanco e solitario ma tuttavia sereno, abituatosi a passare le giornate tra sigarette, whisky e cd di Leonard Cohen, in contrasto con l' energico e ribelle Michele degli anni libici.
Così come non tardiamo, durante la lettura, a riprendere confidenza con il brillante mix di misteri, colpi di scena, interessi politici e monetari, personaggi affascinanti che caratterizzano le circa 1800 pagine della trilogia.

Stavolta si accentuano alcuni difetti che nelle prime opere erano a malapena marginali, tra i quali un' eccessiva lunghezza della stesura in rapporto a ciò che succede, una certa predisposizione alla fanta-politica e una sospetta puntualità delle coincidenze che tuttavia non stonano completamente nel romanzo e soprattutto nel genere.
A mio avviso potevano essere gestite meglio le ripetizioni di alcuni fatti ambientati nella Libia degli anni '60 e '70 e già descritti in " Alle radici del male " . E con ripetizioni intendo interi pezzi di testo, a volte capitoli, ricopiati dal precedente romanzo. Un espediente che se da una parte facilita la comprensione della trama, dall' altra fa storcere la bocca a quei lettori perennemente affamati di novità tra un libro e l' altro di una stessa serie.

" Il male non dimentica " chiude dignitosamente una trilogia che ho letteralmente divorato e che consiglio a chiunque per qualità media dell' intreccio e spessore dei personaggi, pur risultando il capitolo meno riuscito e trascinante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Dalla parte del ragno
L'orizzonte della notte
Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Sua Eccellenza perde un pezzo
Il sale sulla ferita
L'educazione delle farfalle
Il cliente di riguardo
Il mistero della torre del parco
L'ultimo ospite

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232