Dettagli Recensione

 
Annabella Abbondante
 
Annabella Abbondante 2021-11-05 18:13:42 ornella donna
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    05 Novembre, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nuova donna giudice

Barbara Perna, nata a Napoli, è giudice civile. Ha lavorato nei tribunali di Lungonegro, Santa Maria Capua Vetere e Montepulciano. Attualmente è in servizio presso il tribunale di Roma, presso la sezione fallimentare. Con Annabella Abbondante è al suo primo romanzo, curioso, ironico, e molto avvincente.
Annabella Abbondante. La verità non è una chimera , racconta la storia di vita e non solo di Annabella Abbondante, giudice con un debole per i sofferenti:
“Di cognome faccio Abbondante. E non posso negare che mi rappresenti piuttosto bene. Di nome faccio Annabella, attaccato e senza virgole, mi raccomando. Mi chiamo Annabella Abbondante, esatto. Ma non basta. Mi chiamo Annabella Abbondante, porto la taglia quarantotto e sono sempre a dieta. Si, lo so. Assurdo. In un certo senso mi sento una predestinata. Con questo nome, direte voi. Si capisce il motivo per cui a sedici anni avevo pensato di fare l’attrice comica. Perché, invece, alla fine io abbia scelto di fare il magistrato si capisce meno. Insomma, presto servizio a Pianveggio, provincia di Lucca e faccio il giudice civile. Non sono sposata, non ho figli e sono felice così. E poi che dire? Ho tre dipendenze gravi da cui non riesco a liberarmi. La caffeina, i cannoli e la verità. So che tutte e tre possono farmi male. Ma proprio non riesco a farne a meno.”
Un giudice di stanza alla sezione civile, ma con un debole per gli intrighi e per i gialli. Quando l’avvocato Matilde Santangelo le chiede aiuto per trovare il fratello, fuggito da una clinica psichiatrica, non può esimersi dall’aiutarla. Ma facendo ciò, spesso cade in un territorio che non è il suo, pena la sua stessa vita. Ma ad aiutarla ci sono: il fido cancelliere Paolo detto Dolly, il commissario Nicola Carnelutti, e la giornalista Alice. Le incognite sono tante: dove è finito il fuggiasco? Cosa c’entra questa sparizione con l’incendio, appena verificatosi, di un capannone che lei stessa aveva messo all’asta? Incognite su incognite fino alla risoluzione finale, non priva di un certo fascino.
Un giallo che a tratti è anche commedia rosa, ricco di humour e di sottile ironia. La protagonista Annabella Abbondante, è descritta con minuzia di particolari. La trama è sapientemente costruita con incastri che solo al termine vengono sciolti. La prosa è fresca e ben caratterizzata. Una lettura di genere, sottile e precisa, che si legge con trasporto e passione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Sua Eccellenza perde un pezzo
Il sale sulla ferita
L'educazione delle farfalle
L'ultimo ospite
La morra cinese
Colpo grosso ai Frigoriferi Milanesi
Colpo di ritorno
Il figlio del mago
La banda dei carusi