Dettagli Recensione

 
La cattiva strada
 
La cattiva strada 2022-08-21 14:22:17 Mian88
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    21 Agosto, 2022
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

On the road

Torna in libreria Paola Barbato con “La cattiva strada” edito da Piemme. Si tratta di un vero e proprio “thriller on the road” che si sviluppa e svolge sulla A1. Le nostre autostrade, cioè, questa volta si prestano a teatro di un romanzo che vede quale eroe principale un antieroe per eccellenza. Il protagonista Giosciua Gambelli è un giovane mai cresciuto, in lite e disaccordo costante con la famiglia che per campare fa “il mulo” ovvero trasporta scatole di cui non conosce il contenuto. Queste gli vengono affidate da altri per conto di altri poco raccomandabili. Si sente un po’ come il suo idolo Clint Eastwood ne “Il corriere”. Dai capelli stopposi, il sorriso largo e sghembo, le basette lunghe, ricorda molto i personaggi dei cartoni animati e mai si è posto grandi problemi su quel che trasporta.
Ma cosa potrebbe succedere se, un giorno, una di quelle scatole, per una ragione o un’altra, dovesse per qualche motivo aprirla? Sorgerebbero molti ma molti problemi ed è questo quel che accade. Oltretutto il personaggio è il classico soggetto che la vita non la vive e che attende che altri prendano decisioni per lui. Subisce gli eventi e scarica la responsabilità, concetto del vivere e del crescere che non vuol minimamente conoscere. Ne rifugge, lascia appositamente che siano altri a decidere per lui, perché non vuole alcuna forma di questa. Non stupisce, dunque, che ridotto sia il suo gruppo di “amici” e tutti appartenenti al mondo degli autogrill, luoghi che tra queste pagine vengono descritti in modo molto attento e preciso.
La carta vincente di questo titolo è racchiusa nella trama abbastanza originale per ambientazione e nel ritmo narrativo che ben si mixa ai continui colpi di scena. Non può gridarsi al capolavoro ma nel complesso, per chi ama il genere, è un gradevole romanzo. Trattiene, distrae e regala ore liete. Radicato nella sua struttura, destinato a un pubblico preciso ma nel complesso apprezzabile.

«Sei finito in una cosa troppo grossa e troppo brutta per te, fratello, ma adesso la facciamo passare.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
sì: per chi cerca romanzi di intrattenimento dalle tinte thriller
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Dalla parte del ragno
L'orizzonte della notte
Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Sua Eccellenza perde un pezzo
Il sale sulla ferita
L'educazione delle farfalle
Il cliente di riguardo
Il mistero della torre del parco
L'ultimo ospite

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232