Dettagli Recensione

 
Accabadora
 
Accabadora 2012-01-11 10:35:15 EvaBlu
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
EvaBlu Opinione inserita da EvaBlu    11 Gennaio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il Talento di Murgia

La prima difficoltà in cui mi sono imbattuta iniziando a leggere questo libro è stato il titolo. Non c’era verso di ficcarmelo in testa.
Cosa stai leggendo? Abbacadora… Acabbadora… insomma, quello lì della Murgia.
Eppure l’avevo scorto dalla quarta di copertina che in spagnolo “acabar” significa finire e che in sardo “accabadora “ è colei che finisce. E come il titolo, in partenza, mi ci è voluto un discreto tempo di pagine per intrufolarmi nel linguaggio. In questo linguaggio nudo e crudo che non è prettamente sardo ma che cammuffa il sardo con un buon italiano in grado di richiamare luoghi e credenze, persone e vicende. Lo stile poi è di quelli che mi catturano: svelto, scorrevole, con delle descrizioni che mi piace chiamare “sul momento”, ovvero schizzi veloci e precisi come di un pittore che ha voluto fermare un particolare in un paesaggio; e soprattutto i dialoghi sono della lingua parlata, senza abbellimenti né ammanchi a quanto i personaggi hanno detto o avrebbero voluto dire.

Un mondo intero che prende forma sin dalla prime battute; e non è certo facile metterlo su; specie quando il senso di questo mondo, tutto racchiuso in una minuscola comunità sarda degli anni cinquanta, andrà a parare su uno dei temi più dibattuti degli ultimi decenni: la fine intenzionale della vita quando questa non ha più modo né possibilità d’essere vissuta.
Non ci sono volontà eticamente dottrinali nell’autrice, né tantomeno l'intento ipocritamente morale di prendere una posizione: ci sono solo queste due figure femminili incastrate in una ferrea realtà di usi e costumi, dove tutto ciò che è pratica culturalmente accettata è vita comune.

Maria rinasce così una seconda volta, senza trauma alcuno per essere stata strappata alla famiglia d'origine, quando Bonaria Urrai decide di prenderla come figlia d'anima; e rinasce una terza volta quando, in giovane età, prova a ricrearSi nel lontano continente per sfuggire a quella madre adottiva che le ha riconsegnato una vita ma che sa anche accompagnare la morte.
Non c'è soluzione, tuttavia, per fuggire da se stessi: e ciascuno si ritrova in un circolo continuo di amore dato e preso, di vita e, innegabilmente, di morte. Una morte che, a volte, necessita anche di un gesto pietoso d'amore.

I miei complimenti più appassionati vanno a questa autrice: per il modo intenso ed autentico attraverso cui ha saputo porgere la sua meravigliosa terra; per il coraggio nell'affrontare una tematica così delicata e controversa raccontando semplicemente la realtà di un tempo e di un luogo neppure troppo lontani; per il talento indiscutibile nel mettere tra le mani del lettore pagine in grado di prendere forma in base ai movimenti suscitati nell'animo di ciascuno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
...a chi ha voglia di leggere NON un romanzo qualsiasi – inteso nel senso più tecnico del termine - ed è disposto ad abbondanarsi ad una “lettura-canovaccio” sulla quale il proprio cuore ed il proprio sentire personale avranno modo di improvvisare.
Trovi utile questa opinione? 
222
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

16 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 

11 Gennaio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Nel leggerlo, tempo fa, commentavo tra me e me i temi di cui il romanzo tratta sorprendendomi per la particolarità e raffinatezza del talento della Murgia, sicuramente singolare. L'hai recensito ottimamente.
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
11 Gennaio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Accattatora Accattamanora Acc...
:-)
Bella rece Eva .
In risposta ad un precedente commento

11 Gennaio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Sconoscevo assolutamente questa figura. :)) accabache?!, ti chiedi appena lo scopri in libreria. Poi, però, lo compri, lo leggi e rifletti.
In risposta ad un precedente commento
gio gio 2
11 Gennaio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
concordo con Amy!!!Grande Eva!!!
Grazie Eva, l'ho letto un paio di mesi fa e non ho mai vinto la pigrizia per esprimere quello che tu hai espresso, come al solito, così bene;-)). L'ho trovato un racconto così pieno da essere quasi paradossalmente incompiuto, tanta era la voglia di vedere come gli eccezzionali elementi alla base della crescita della personalità Maria potevano poi influenzare la sua vita da adulta...
In risposta ad un precedente commento
EvaBlu
11 Gennaio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Ragazze!! Grazie infinite! :))...

Amy, Raoul, quindi l'vavete letto pure voi?? :))...mmmhhh sarei curiosa di chiedervi un parere sulla parentesi torinese, che per me ha avuto grande senso mentre ho letto in altri commenti che è stata un pò interpretata come una devizione inutile...

Raoul, in tutta sincerità non mi è stato semplice parlare di questo libro :))... quasi quasi la pigrizia prendeva pure me, hai tutta la mia comprensione! ;)
In risposta ad un precedente commento
dreamer
11 Gennaio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
La parentesi torinese è proprio l'esempio di quello che volevo esprimere: è essenziale perchè è la prima sbocciatura, che non poteva trovare terreno più fertile che quel ragazzo; mirabile per me la narrazione della progressiva consapevolezza di sè e di lui...

Seppure sembra che ti riesca così semplice quello che scrivi.. mi sa che siamo ancora d'accordo: la pigrizia è spesso una forma di salvezza! ;;-))
In risposta ad un precedente commento
EvaBlu
11 Gennaio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Hai espresso esattamente il mio pensiero Raoul!
Così forte quel rapporto che si crea, eppure così delicato... E vi è anche il dono innato dell'amore: quello di far schiudere le persone, di riportarle a loro stesse, alle loro origini, alla loro essenza... Maria si abbandona al sentimento puro nei confronti di quel ragazzo ritornato finalmente alla vita, e si dimentica così di difendersi da se stessa, consentendo il riafforare dei ricordi e di tutto ciò che aveva creduto di potersi lasciare alle spalle... Mi sono emozionata moltissimo!...non so descrivere quanto... Grazie per aver condiviso! :)
In risposta ad un precedente commento
dreamer
11 Gennaio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
ah, a me basta come descrizione... mò me la rileggo ..
In risposta ad un precedente commento
EvaBlu
11 Gennaio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
:)))
16 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli squali
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andiamo a vedere il giorno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Dove i pensieri non fanno rumore
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Crooner
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Senza mai arrivare in cima. Viaggio in Himalaya
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vincoli. Alle origini di Holt
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il Monaco di Mokha
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ricordi dormienti
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri