Dettagli Recensione

 
La collina del vento
 
La collina del vento 2012-10-27 13:55:19 Bruno Elpis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    27 Ottobre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"La collina del vento" - Commento di Bruno Elpis

Il romanzo vincitore del premio Campiello 2012 è una storia nella storia: quella della famiglia Arcuri, calabrese, che attraversa - con nascite, amori e morti - il XX secolo: dal primo conflitto mondiale sino al secondo dopoguerra.
Durante la lettura ci si perde nella bellezza dei luoghi: Spillace, la spiaggia e il promontorio di punta Alice e soprattutto lei, la collina del Rossarco, con il bosco di Tripeti e il burrone della Timpalea. Una collina che custodisce mille segreti: personali, familiari, archeologici. Come l’antica cittadina, la misteriosa Krimisia, inseguita dalle ricerche dello studioso e appassionato Paolo Orsi.
“Krimisia era una piccola città della Magna Grecia e sorgeva tra l’attuale Cirò e il mare Jonio. Secondo lo storico Strabone, a fondarla fu il famoso arciere Filottete, che veniva dalla Tessaglia e aveva combattuto nella guerra di Troia.” Krimisia ricorre anche nella toponomastica locale: “Krisma. È la collina lunga, tagliata dalle timpe, che sta di fronte al paese nostro. Lo vedete quel bosco di ilici lassù? Quella è Krisma che scende di là della fiumara. Non può essere che Krimisa è stata storpiata in Krisma …?”
Una collina che si squarcia, per rivelare i suoi segreti. Che sono delitti, sparizioni e misteri della storia.
Alla collina gli Arcuri sono indissolubilmente legati. E per lei lottano.
Durante la lettura, si assaporano profumi, si assaggiano sapori, ci si perde nei colori. Del mare e della natura. Nel rosso del sangue e nel nero dei misteri che la collina seppellisce, anche grazie alla voce del vento: “Il vento ululava da lupo affamato …”
Lo stile è adeguato alla storia, con espressioni della parlata locale “Se l’imbidia fussa guàllara, ne vidìvi guallarùsi!”

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"Non tutti i bastardi vengono da Vienna" di Andrea Molesini, vincitore del premio Campiello 2011
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

E' proprio una recensione bellissima, sei riuscito a magnetizzarmi su questo libro!
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)
Chi dice e chi tace
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita
Grande meraviglia
Le altalene