Dettagli Recensione

 
L'amore graffia il mondo
 
L'amore graffia il mondo 2013-06-18 12:24:30 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    18 Giugno, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Signorina non mollare mai

Signorina è il nome della protagonista di questo romanzo ambientato nella provincia italiana fra Belvedere e Castiglione, in una piccola stazione ferroviaria che è tappa obbligata per la piccola e media borghesia italiana che a partire dal ventennio fascista impara a godersi le vacanze alle terme. Signorina è anche il nome di una mitica locomotiva la 640,splendida e luccicante che Delmo, capostazione e padre della ragazza , guida con la sua professionalità quasi ogni giorno fra i binari, ed è proprio per tale motivo che quando la Maria , dopo due figli: Olmo e Severo, gli chiede che nome dare alla nascitura il vecchio ferroviere risponde :Signorina, dimostrando in fondo poca sensibilità, lui pensa ai suoi treni e al suo lavoro, chiama la figlia come una locomotiva, in quanto per una femmina non è necessario lambiccarsi il cervello, neanche per il nome con il quale battezzarla . Da queste prime annotazioni è facile intuire che almeno nella prima parte del romanzo la figura centrale della storia oltre a Signorina è proprio Delmo, padre padrone, che ha sposato in seconde nozze la Maria, amica della prima moglie morta di parto dando alla luce Ada che insieme a Leone sono gli altri due figli del capostazione. Ha sostituito le due donne come si sostituisce un panno liso con uno nuovo.Si tratta di un uomo burbero, vecchio stampo, che nega a Signorina come all'altra figlia un'istruzione superiore nonostante le raccomandazioni della maestra, che non si fa scrupolo di mettere fuori casa l'Ada quando scopre che si è invaghita di un ragazzo Mario,fascista della prima ora e considerato un poco di buono dal Delmo. Signorina al contrario della madre e della sorellastra dimostra fin da subito, un'intelligenza ,una tenacia e una sensibilità fuori dal comune. Nella sua giovane vita ci sono due incontri che la cambieranno per sempre. Il primo, fortuito le capiterà quando bambina, disubbidendo al padre, andando a giocare nella stazione diretta dal padre, s'imbatterà in un passeggero, uno sconosciuto dagli occhi a mandorla che le insegnerà a confezionare con la carta i vestiti della sua bambola. Il secondo alcuni anni dopo, quando adolescente sarà accompagnata dalla Maria nella scuola per sarte della Signora Mei;qui scoprirà di avere un grande talento per la realizzazione di magnifici vestiti che fin da bambina senza rendersene conto già aveva imparato a realizzare con i cartamodelli che confezionava con quello che per lei era il gioco insegnatole dal piccolo passeggero giapponese. Seguiamo grazie ad un linguaggio originale e una narrazione fluida la storia di Signorina lungo il ventennio fascista e poi la guerra. I suoi amori, quelli impediti dal padre padrone e quelli realizzati. La nascita del figlio Ivo, la sua malattia e la sua guarigione:voluta, cercata e graffiata alla morte dalla tenacia di questa donna. Un romanzo che consiglio a tutti coloro che amano i maestri della Letteratura Italiana.
di Luigi De Rosa



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Bella recensione Luigi!
In risposta ad un precedente commento
LuigiDeRosa
18 Giugno, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Glicine
In risposta ad un precedente commento
gracy
06 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
L'ho preso ed ho alte aspettative Luigi!!
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita
Grande meraviglia
Le altalene