Dettagli Recensione

 
XY
XY
 
XY 2013-08-24 23:55:40 Giulio Timillero
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Giulio Timillero    25 Agosto, 2013

inutile

finito il romanzo la prima cosa che viene in mente è di tirarlo in testa all'autore. Almeno, per me è stato così: l'altra cosa che potevo fare era cercare di indirizzare altri lettori verso lidi ben lontani da questo, il che mi porta a scrivere questa critica, critica in senso letterale, sul web: non servirà magari a molto ma è sempre meglio di aspettare l'autore sotto casa con uno squalo sul camion e una crosta di formaggio e strozzarlo, vero? (sono due particolari del libro... molto indicativi dell'assurdità della trama).

non credo nemmeno sia possibile parlare di scavo psicologico nella mente dei personaggi, o di riflessione pseudo mistica di precisione scientifica sul male: non è estraibile alcun filone interpretativo di quanto narrato in quanto qualsiasi tentativo di ricondurre a qualcosa di concreto la storia risulta in ogni caso "tirato", poco credibile, macchinoso...
Il problema è che da come è posto il racconto, carico di amarezza e tensione, farebbe pensare a uno scioglimento finale, una risoluzione di una storia così assurda che il lettore non si sogna nemmeno di chiudere il libro: avanza per trecento pagine aspettando "il bello" in quella successiva fino alle ultime pagine, quando si rende tristemente conto di essere piombato in un finale senza capo nè coda.

insomma, un libro che non lascia nulla, se non un gran rimpianto per il tempo perso a star dietro a questa storia. notate bene che chi scrive ben sopporta se non apprezza i romanzi che parlano di dolore o di fatica destinati a non risolversi (salvo casi estremi inaccettabili come i numeri primi di giordano), tuttavia questo romanzo non lascia nemmeno una presunta empatia del lettore con la storia o i personaggi: io almeno ci ho provato come faccio ogni volta che leggo (di solito non sbaglio letture quindi sono abituato a essere molto preso dalla storia e dalla lettura), con scarsi risultati.

forse un po' si salva l'elaboratezza nel costruire l'intreccio, se non fosse poi rovinata da uno stile in cui a una pesantezza senza pari della prima persona diretta del prete narratore si alternano dialoghi inopportuni e sequenze narrative buttate là per la protagonista femminile. (diciamo che avevo appena finito memorie di Adriano e non ero molto predisposto a una prosa meno ricca ed elaborata, ma gli ho dato comunque una chance ed invece è riuscito proprio ad irritarmi con parolacce e chiacchere telefoniche senza senso nella narrazione.)

insomma, il mio consiglio è di leggere: di leggere qualcos'altro, però!

per darvi l'idea di che tipo di lettore, o di persona, ha scritto questa recensione così accanita, vi posso di re che mi reputo un lettore abbastanza vorace, ho ventun anni e sono studente di medicina all'università.
buone letture a tutti!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le altalene
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Holly
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La setta delle ciambelle
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Beach road
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un'isola
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Colpo di ritorno
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il cognome delle donne
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Posto sbagliato, momento sbagliato
Valutazione Utenti
 
3.3 (2)
Non si uccide di martedì
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
La banda dei carusi
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Delitto impunito
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Colpo grosso ai Frigoriferi Milanesi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Le altalene
Rosso di fiamma danzante
Il cognome delle donne
La girandola degli insonni
Genitori cercasi
Panorama
Ragazze perbene
Astenersi principianti
Cuore puro
Quel che ci tiene vivi
Café Royal
Brick for stone
Cose che non si raccontano
Mi limitavo ad amare te
Del nostro meglio
La vita intima