Dettagli Recensione

 
Io che amo solo te
 
Io che amo solo te 2013-12-05 11:57:06 SARY
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
SARY Opinione inserita da SARY    05 Dicembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amo solo te (ma ho un'altra)

Siamo a Polignano, nella bella Puglia, in una deliziosa casupola arrampicata sugli scogli.
Affacciata alla finestra Ninella contempla il mare, tra le labbra carnose la sua segreta consolazione, la sigaretta, che fumata di nascosto procura un piacere maggiore. Ninella è sommersa dai preparativi per le imminenti nozze della figlia maggiore, Chiara, promessa sposa dell’infedele Damiano, figlio del ricco Mimì Scagliusi, mancato marito di Ninella, accalappiato dalla First Lady Matilde.
Una situazione imbarazzante e paradossale, consuoceri innamorati fin dalla gioventù, separati forzatamente dalle rispettive famiglie. Ecco giunto il momento del riscatto, per l’onore e l’amore. È palpabile la tensione per questo evento organizzato in pompa magna, carico di significato non solo per gli sposi, ma anche per chi sta dietro le quinte.
Trulli, salsedine, vento, sole, bianco, queste sono le immagini che evoca il libro. Una lettura frizzante, leggera e romantica. Una piacevole compagnia in grado di strappare sorrisi e donare spensieratezza. Personaggi comuni, ben descritti caratterialmente e fisicamente, con i loro sogni, guai, pregi e difetti. Una saga familiare, ogni componente è chiamato in causa con giusti spazi e precisi ruoli.
Scritto con semplicità ed arricchito, qua e là, da parole dialettali pugliesi. Il libro è diviso in tre parti: la vigilia delle nozze caratterizzata da ansia e paure, il matrimonio con eventi a sorpresa e il giorno seguente, nel quale è obbligatorio tirare le somme.
Concludendo, una commedia all’italiana da leggere in modalità relax.

“ I sentimenti muoiono nel momento in cui si danno per scontati”
“ Se nella vita non vorrai avere problemi, gli uomini lasciali comandare, o almeno lasciaglielo credere. L’amore è innanzitutto non rompere i co…cocomeri”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Sary, che trama originale....sembra la perfetta sceneggiatura di un film....brava, la tua recensione l'ha introdotta perfettamente.
In risposta ad un precedente commento
SARY
05 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Marcella!
Mi piace !
Bel commento :-)
In risposta ad un precedente commento
SARY
06 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie C.U.B.!
Mi hai proprio fatto immaginare e "sentire"il racconto!Bravissima!Aggiungo in wl!
In risposta ad un precedente commento
SARY
06 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mille Alessia!
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Le mogli hanno sempre ragione
Ellissi
Nonostante tutte
La meccanica del divano
Conservatorio di Santa Teresa
Beati gli inquieti