Dettagli Recensione

 
Tre volte all'alba
 
Tre volte all'alba 2014-01-09 14:34:45 mia77
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
mia77 Opinione inserita da mia77    09 Gennaio, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tre volte all'alba di Alessandro Baricco

Interessante libro suddiviso in tre racconti diversi, dove i due protagonisti si incontrano e interagiscono. Solo in uno dei tre (il primo) hanno quasi la stessa età. Negli altri due racconti uno dei due è molto giovane ( 13 o 16 annI) e l'altro abbastanza vecchio ed il vecchio cerca di salvare il più giovane da un destino sfortunato.
Elementi comuni, che si trovano in tutti e tre i racconti sono un albergo, come luogo di incontro per i due protagonisti e l'alba: l'ora adatta, che sembra poter cambiare le sorti di ogni vita. L'alba, preludio di un nuovo giorno, può essere la promessa per l'inizio di una nuova vita. Rivediamo l'alba quando qualcuno ci ama gratuitamente, salvandoci.
I personaggi di questo libro sembrano personaggi onirici e mi ha affascinata la familiarità che sembra esserci tra loro, dopo pochi minuti di dialogo. I due protagonisti, sconosciuti fino a quel momento, dopo poche battute sembrano essere così uniti, da rivelare all'altro il proprio vissuto, senza filtri.
La scrittura è fluida, sintetica e molto chiara.
L'autore con questo libro mi ha affascinata: sicuramente voglio approfondire la sua conoscenza.
Alcune frasi che mi sono piaciute più di altre:
Dal primo racconTo:
"Non era più tanto giovane, ma questo le donava, come succede talvolta alle donne che non hanno mai avuto dubbi sulla propria bellezza";
"Ma la donna disse che gran parte della gente sogna di ricominciare da capo...in realtà quasi nessuno, poi, ricomincia da capo davvero, ma non si ha idea di quanto tempo la gente passi a fantasticare di farlo...";
"Disse che per il solo fatto di pensare a tutto questo le si scioglieva qualcosa dentro e le prendeva una serenità, come se davvero avesse risolto qualcosa";
"... cambiare carte è impossibile, non resta che cambiare il tavolo da gioco";
"Poi chiese alla donna se lei ce l'aveva una casa.
Quattro muri e un letto? Certo.
Non in quel senso. Una casa veramente. Nelle sua testa.
Non sono mica sicura di capire.
Qualcosa che lei sta costruendo, il suo compito.
Ah, quello.
Sì, quello."
Nel secondo racconto, parlando dell'alba, il vecchio dice alla ragazzina:
"Non è questione di ore, è una questione di luce.
Che cavolo dice?
E' l'ora giusta per tornare a casa, è fatta apposta per quello.
La luce?
Non c'è luce migliore per sentirsi puliti. Andiamo.";
Nel terzo racconto, sempre a proposito dell'alba:
"E in effetti dallkorizzonte si era alzata una luce cristallina a riaccendere le cose e a rimettere in movimento il tempo.";
"Stava pensando alla misteriosa permanenza dell'amore, nella corrente mai ferma della vita".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il nostro grande niente
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita
Grande meraviglia
Le altalene
Rosso di fiamma danzante