Dettagli Recensione

 
L'estate del cane bambino
 
L'estate del cane bambino 2016-09-28 19:28:28 Anna_Reads
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    28 Settembre, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Senza Filtro.

L’Estate del Cane Bambino – Mario Pistacchio, Laura Toffanello, 2014

Affine alle atmosfere di “The Body” di King (da cui il film – altrettanto bello – Stand by Me), ma con un retrogusto diverso e particolare.
Difficile da spiegare, ma…
Ogni tanto mi piace leggere nella stessa lingua in cui è pensata un’opera. Non per sminuire il lavoro dei traduttori, ci mancherebbe, ma proprio per vivere un’esperienza “senza filtro”.
Questo romanzo si è prestato particolarmente bene, perché complice l’adolescenza dei protagonisti, l’ambientazione in un piccolo paesino alle porte di Venezia (e qui ci sta anche un minimo di autobiografismo, ammettiamolo), i temi e gli eventi che trovano facili appigli nelle esperienze di ognuno, il sapore schietto e sincero me lo sono proprio gustato alla grande.
Senza filtro, appunto.
La storia racconta l’ultima estate spensierata di un gruppo di ragazzini di Brondolo. Scuola finita, piccole incombenze (compiti, lavori nei campi, fratellini rompiscatole a cui badare) e smania di avventure, di cose nuove, di storie paurose e della fantasia che trasforma uno spiazzo sassoso e cinque bambini con un pallone scalcagnato nello stadio di San Siro, nell’Inter di Mariolino – Mandrake – Corso con tanto di telecronaca di Sandro Ciotti.
Alle spalle di Vittorio, Michele, Ercole, Stalino e Menego le loro famiglie e il paese.
Una piccola comunità apparentemente tranquilla, dove ognuno ha un soprannome e una lunga storia di famiglia, ma – come sempre – anche qualcosa di non detto. O che non si può dire.
Diffidenze, ostilità, sottili ipocrisie.
Fino a che la vita non sterza, e bruscamente.
Un bambino scompare. Si tratta di Narciso, il fratellino rompiscatole e spione di Ercole.
Nello stesso momento appare un cane, Huodini.
La vita sterza, si diceva. E con essa sterzano i “cattivi” e anche i “buoni”.
La famiglia e la comunità si sfaldano e – inaspettatamente – si rompe anche il gruppo dei (ormai nostri) ragazzini; per usare un termine caro al King della Torre Nera, si spezza il ka-tet.
Solo molti anni dopo un foglio a quadretti riporta a casa chi era andato via e prova – in parte – a sistemare le cose.
Ma più di questo, ciò che mi è rimasto nel cuore, è stato il compleanno di Staino, il nonno Cestilio e Ercole. A San Servolo, da solo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita