Dettagli Recensione

 
Orfani bianchi
 
Orfani bianchi 2017-06-16 19:18:10 Elena72
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Elena72 Opinione inserita da Elena72    16 Giugno, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

quando il destino si accanisce

Attirata dal titolo, dalla fama dell'autore e dalle positive recensioni, mi sono immersa nella lettura di questo romanzo piena di aspettative. Troppe o forse troppo elevate, il risultato è che il testo mi ha un po' delusa e non sono riuscita a scorgervi la profondità e la bellezza riscontrate da molti lettori.

Mirta è una giovane moldava giunta a Roma a lavorare per dare a se stessa e ai suoi cari rimasti in patria l'opportunità di una vita migliore. La morte improvvisa di sua madre la costringe a collocare suo figlio dodicenne, Ilie, in un orfanotrofio nel quale trovano ospitalità sia i bambini senza genitori, sia i casi come Ilie, definiti 'orfani bianchi'. Nella speranza di poter guadagnare abbastanza per consentire al figlio di raggiungerla in Italia, Mirta, con qualche sotterfugio riesce ad aggiudicarsi un impiego come badante presso la ricca famiglia di un'anziana colpita da ictus, ormai ridotta a “corpo in decomposizione” e stanca di vivere. Superate le prime difficoltà relazionali con l'inferma, la fortuna sembra arridere a Mirta: oltre ad un lavoro ben pagato, riceve infatti anche una seria proposta di convivenza da parte di un caro amico e si prospetta per lei e per il figlio l'opportunità di avere finalmente una casa e una famiglia. Ma quando tutto pare volgere al lieto fine, irrompe nella storia un duplice tragico evento che chiude improvvisamente e in modo drammatico l'intera vicenda.

L'intreccio è coinvolgente e le tematiche affrontate in questo romanzo sono attuali e complesse, inoltre non si può dire che a Manzini manchi la capacità di tenere il lettore incollato alle pagine dalla prima all'ultima riga; eppure, a mio avviso, qualcosa non va, ci sono diversi elementi che non mi hanno convinta.
Innanzitutto la caratterizzazione dei personaggi: fatta eccezione per Mirta, tutto sommato ben delineata, le altre figure risultano stereotipate, spesso costruite su discutibili luoghi comuni e poco approfondite dal punto di vista psicologico tanto da risultare scarsamente credibili. Cito, a titolo di esempio, l'anziana signora Eleonora, la donna di cui Mirta si occupa. Descritta come molto malata, incapace di muoversi e perfino di parlare (viene definita “mummia”) fa alla badante una serie di dispetti espletando ripetutamente le proprie funzioni fisiologiche, gettando a terra stoviglie, mordendole la mano con la dentiera. A questi fatti, discutibili, ma ancora plausibili, se ne aggiungono altri che rendono il personaggio incoerente: misteriosamente, di notte, Eleonora si muove e parla esprimendo non solo le proprie volontà, ma dando anche prova di acute riflessioni su ciò la circonda. La signora Eleonora, che avrebbe potuto svolgere un ruolo chiave nella vicenda, ne esce invece come una “macchietta” artefice di gag tragicomiche le quali, pur strappando un sorriso, fanno a mio avviso scadere il romanzo, soprattutto alla luce del tragico finale.
La conclusione del libro è poi un altro elemento che mi ha lasciata perplessa: presentati i personaggi, costruito l'intreccio e intavolate scottanti tematiche (l'inconsolabile disagio dei bambini lasciati dalle madri migranti nelle terre d'origine, la difficile convivenza tra culture ed etnie diverse, la drammatica solitudine degli anziani, il desiderio di poter porre fine alla propria vita quando non è più considerata dignitosa) Manzini tronca il tutto bruscamente con un colpo di scena in netto contrasto con l'atmosfera che stava delineando nel testo.

Pertanto pur avendo apprezzato di “Orfani bianchi” l'idea e le tematiche, sono rimasta delusa dal modo superficiale con cui l'autore le ha affrontate; avrei inoltre preferito maggiore coerenza stilistica e una conclusione meno precipitosa. Proverò a dare a Manzini un'altra possibilità leggendo uno dei suoi gialli, magari partendo con aspettative diverse.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Ciao Elena, non ho letto questo libro di Manzini ma ho trovato molto mediocri i gialli con Rocco Schiavone tanto amati dalla maggior parte dei lettori. De gustibus...
In risposta ad un precedente commento
Elena72
16 Giugno, 2017
Ultimo aggiornamento:
16 Giugno, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie per il supporto morale Chiara! quando non mi ritrovo nei giudizi altrui dubito sempre di non avere capito il libro, o di non averne colto lo spirito. Non avevo mai letto nulla di Manzini, ma francamente non mi è parso un autore imperdibile
Molto chiara, grazie. La mia lista ad ogni modo non è aperta ai contemporanei italiani, c'è tanto da leggere!
In risposta ad un precedente commento
Elena72
17 Giugno, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Forse ho letto questo libro nel momento sbagliato, o semplicemente mi aspettavo di più: ma l'aspetto che più mi ha delusa è che mi è sembrato costruito su una serie di luoghi comuni, quasi tutti molto discutibili
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri