Dettagli Recensione

 
L'arminuta
 
L'arminuta 2018-10-02 08:12:07 Valerio91
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    02 Ottobre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le madri perdute

Era da tempo che volevo leggere questo libro. Dopotutto, durante i miei giri in libreria sembrava attirarmi a sé in tutti i modi: la sua ubiquità, la copertina con quella ragazzina dallo sguardo magnetico, il titolo particolare, la fascetta del Premio Campiello; tutto sembrava gridare nella mia direzione: "Comprami! Leggimi!". Alla fine l'ho fatto, per dirvi quanto possa essere importante per un libro anche il modo in cui ti viene messo davanti agli occhi. Quando l'ho iniziato, infatti, non ero ben consapevole di cosa stessi andando a leggere, l'ho scoperto pian piano.
Poi ho scoperto che l'Arminuta è una parola del dialetto abruzzese che sta per "La ritornata". Quello di Donatella di Pietrantonio, infatti, è la storia di un ritorno e di un abbandono (o forse più di uno?). Lo stile dell'autrice è sicuramente particolare, che in certi tratti si avvale del dialetto abruzzese per caratterizzare la storia e dare un tocco di unicità all'ambiente e ai personaggi, senza mai risultare incomprensibile né richiedere un impegno particolare.
La cosa che più mi ha affascinato, tuttavia, sono i legami che l'autrice crea tra i personaggi: ben descritti, ben differenziati in base alle persone legate, credo siano il vero punto di forza di questa storia. Non si può non provare empatia e tenerezza per il rapporto che si crea tra la nostra protagonista e la sua "nuova" sorella; un rapporto d'amore sincero germogliato nel bel mezzo della lordura: "un fiore improbabile, cresciuto su un piccolo grumo di terra attaccato alla roccia".
Sono convinto, tuttavia, che questa storia possa emozionare di più le persone che hanno vissuto traumatici abbandoni; persone che siano maggiormente in grado di immedesimarsi nella protagonista e provare empatia per lei. Ecco, credo che questa sia quello che distingue un buon libro (quale è L'Arminuta) da un capolavoro: il grande scrittore si vede da come riesce a raccontare qualcosa in modo che il lettore la senta sua, anche se è un'esperienza che non ha mai vissuto. Molti grandi scrittori del passato erano d'accordo su quest'aspetto e anch'io, da lettore, sono d'accordo. Questo è quel che manca a "L'arminuta".
Inoltre, ho avuto anche qualche perplessità a livello narrativo, soprattutto per quanto riguarda i comportamenti di alcuni personaggi, in particolar modo la madre adottiva della protagonista.

La nostra protagonista è una ragazzina che, improvvisamente, è costretta a tornare dalla sua vera madre. Sì, perché la sua vera madre (che aveva già fin troppe bocche da sfamare), l'aveva affidata a una sua parente che non era in grado di avere figli. Ma adesso le cose sono cambiate; la sua famiglia adottiva non può più tenerla per motivi misteriosi (che scopriremo verso la fine) e la nostra protagonista è costretta a tornare dalla sua "vera" famiglia. Peccato che le cose siano molto diverse dal passato. Abituata a vivere in mezzo agli agi, a ricevere un'ottima educazione e a godersi il mare e la parte migliore della città, adesso l'arminuta si ritroverà a vivere di stenti. Il cibo è una rarità, l'igiene piuttosto precario, mentre l'affetto è una cosa di cui si deve fare praticamente a meno. La sua vera famiglia non è quello che si definirebbe un tranquillo focolare, bensì un gruppo di persone riunite tra quattro mura scrostate in cui ci si guadagna ogni cosa col duro lavoro e in cui la disciplina è impartita a suon di ceffoni.
Nulla si salva in quell'ambiente; nulla, a parte quel fiore cresciuto nell'oscurità e che rappresenta l'unico vero tesoro in un mare di melma.

"Nel tempo ho perso anche quell'idea confusa di normalità e oggi davvero ignoro che luogo sia una madre. Mi manca come può mancare la salute, un riparo, una certezza. È un vuoto persistente, che conosco ma non supero. Gira la testa a guardarci dentro. Un paesaggio desolato che di notte toglie il sonno e fabbrica incubi nel poco che lascia. La sola madre che non ho mai perduto è quella delle mie paure."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Ottima recensione Valerio e per me illuminante perché sto aspettando di poterlo prendere in biblioteca visto che non mi ha mai convinto fino in fondo al punto di comprarlo :)
Recensione molto chiara, bella e utile. Anch'io sono un stato per un po' 'perseguitato' da messaggi spam e vetrine di librerie che sparavano quello sguardo di ragazza così magnetico. Indubbiamente una bella copertina. Ora ne so un po' di più anche sul contenuto.
Ciao Valerio, ho letto questo romanzo alcuni mesi fa e non sono del tutto d'accordo con la tua accurata e lucida presentazione: personalmente non ho mai vissuto traumatici abbandoni eppure leggendo l'Arminuta ho sentito la storia "mia", proprio ciò che non è successo a te, almeno così mi sembra di aver capito. Lo stile dell'autrice mi ha letteralmente trascinato nella narrazione. Con questo non dico che sia o non sia un capolavoro, ma sicuramente è un libro molto coinvolgente.
Molto interessante, Valerio, la valutazione che ne dai. Penso che i grandi scrittori non siano molti, e io voglio leggere quelli, mentre forse ci sono parecchi autori a livello medio-buono. Questo libro, nonostante il successo commerciale che ha avuto, non rientra fra i libri che mi attraggono.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
02 Ottobre, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Luana, grazie!
Credo sia una lettura che può piacere e anche tanto, ma credo che più di altre sia soggetta al gusto personale. Io l'ho apprezzata, ma non tanto da innalzarla a capolavoro; tuttavia non troverei aliena un'opinone che metta questo romanzo su di un piedistallo...

Vale.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
02 Ottobre, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Pierpaolo, grazie! Sì, credo sia una cosa alla quale siamo stati soggetti tutti... c'è stato un periodo in cui mi è parso di vedere questo libro anche dal salumiere. Forse è stato proprio questo a lasciarmi un po' con l'amaro in bocca... è probabile che mi aspettassi di più!

Vale.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
02 Ottobre, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Chiara, credo che in questo discorso (come accade sovente) rientri molto anche il gusto personale. Io ho apprezzato la storia ma, vuoi per eccessive aspettative o effettivamente per mio gusto, non l'ho sentita esplodere dentro, non mi ha toccato come mi è successo in altre occasioni.
Sul fatto che sia un libro coinvolgente, sono d'accordo riguardo al fatto che ti prende, ma senza chiamare in causa troppe emozioni. Ripeto, questo vale per me :)

Vale.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
02 Ottobre, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio, quello che mi ha attratto di questo libro infatti va oltre qualsiasi presentazione contenutistica. Einaudi ha fatto un lavoro di promozione pauroso, su questo libro; tuttavia quando l'ho acquistato non ne sapevo praticamente nulla. È stato un acquisto a pelle, che il marketing aggressivo mi ha quasi imposto (un po' me ne vergogno). Per quanto brava, credo che Donatella Di Pietrantonio non possa essere (almeno non ancora) considerata una grande scrittrice, nonostante i premi e il successo.

Vale.
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il mantello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri