Dettagli Recensione

 
La ragazza di Bube
 
La ragazza di Bube 2020-01-26 14:23:31 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    26 Gennaio, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mara e Bube

«”È cattiva la gente che non ha provato il dolore” disse Mara. “Perché quando non si prova il dolore, non si può voler male a nessuno.”»

Toscana, Valdelsa. L’appassionata atmosfera della Resistenza da poco conclusasi con la liberazione regna ancora tra i cuori e gli animi di coloro che ne sono stati diretti protagonisti. Cappellini Arturo, detto Bube e in arte “Vendicatore”, ormai diciannovenne, è tornato a casa dopo il lungo periodo della “macchia”. La sua vita è stata interamente caratterizzata dalla lotta, da valori politici ben radicati, da convinzioni indissolubili che lo hanno portato sempre ad agire nella convinzione di muoversi nel giusto e soprattutto di rispecchiare quella immagine di sé che così tanto sente rappresentarlo. Giovane, timido, inetto, rude, elementare e impreparato alla vita, continua a sentirsi il Vendicatore anche se da quelle montagne ormai è sceso da diverso tempo. Quando incontra Mara, sorella del suo amico compagno di resistenza, se ne innamora a prima vista. Di umili origini, privato sin dai tre anni del padre e cresciuto con una madre dedita al lavoro per mantenere i figli, egli inizia a lavorare già ad undici anni e non conosce altro che quella esistenza così radicata e instradata. Mara rappresenta per lui l’amore ma anche una nuova possibilità, la possibilità di un riscatto, di una nuova occasione. Tuttavia, non lo comprende subito, lo capisce quando il danno è stato fatto e non ha più possibilità di porvi rimedio. Tra i due nasce un sentimento che diventa sempre più forte con il divenire. Ella all’inizio è una ragazza di sedici anni sciocca e materialista che non pensa altro che al farsi regalare delle scarpe col tacco o una borsetta di cui vantarsi con la cugina e che vive il rapporto con Bube quasi con distacco, quasi rifuggendo all’impegno che ha preso con lui. Ma il tempo passa e con il suo trascorrere accadono anche tanti avvenimenti che li portano ad avvicinarsi e a far fiorire quell’amore sincero che poi li accompagnerà per tutta la vita. Mara riuscirà a far breccia nella scorza di quel giovane così provato da un’esistenza dura, dolorosa e fatta di regole, un giovane così incapace di lasciarsi andare alla fragilità, al sentimento. Dal suo canto Bube insegnerà alla fanciulla a crescere, le insegnerà i valori, le insegnerà a vedere la realtà che la circonda da una prospettiva diversa, più aperta, a trecentosessanta gradi. Trascorreranno degli anni, prima tre, poi degli altri ancora, sette ed ancora quattordici. La loro relazione sarà messa in discussione da fattori esterni che li porteranno a stare lontano, ci saranno delle incertezze e tanti dubbi, ma alla fine l’uno rappresenterà per l’altro l’unica certezza, l’unica vera costante. Si aspetteranno, si ameranno, sogneranno. Due vite diversamente disgraziate, due vite segnate da circostanze inconsapevoli.
I protagonisti che abbiamo conosciuto all’inizio dell’opera si evolveranno con l’evolversi della stessa. Mara si riscoprirà essere una donna forte, fedele, fiera e tenace che sacrifica la propria giovinezza con un gran spirito di rassegnazione ma anche con una grande consapevolezza e con un gran senso del dovere dato dall’aver fatto una promessa che cocciutamente vuole mantenere, Bube, costretto alla fuga, esiliato e poi espulso in Francia, condannato al carcere, mediterà sui fatti, mediterà sul trascorso e imparerà a far trapelare quella fragilità da sempre celata anche e semplicemente con lacrime silenziose o con parole carezzevoli così difficili e così improponibili all’inizio del componimento.
Siamo nell’Italia semi-analfabeta del Secondo Conflitto Mondiale, le sorti del paese sono ancora incerte, la minaccia dei fascisti è ancora una certezza, il boom economico è un qualcosa di molto lontano, siamo in un’Italia fatta di principi, in un’Italia dove c’era poco ma quel poco era tantissimo. Un libro che è intriso di sentimenti, di amore, di valori, di piccole e grandi cose, un romanzo che trae origine da una storia vera, quella di Nada Giorgi e di Renato Ciandri detto “Il baffo” e che ci fa destinatari di una fotografia ancora vividissima che cattura e che conquista anche a distanza di così tanti anni.
Un elaborato che si divora, che non si dimentica, che resta.

«Ma non fu che un momento: perché ancora una volta quella forza che l’aveva assistita in tutte le circostanze dolorose della vita, la sorresse e le ridiede animo. Mara rimase a lungo sveglia, con gli occhi aperti, e pensava che aveva fatto la metà del cammino, e che alla fine della lunga strada ci sarebbe stata la luce…»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Letto tre anni fa. Ricordi sfumati, sicuramente molto scorrevole. Mi sono segnata da un po’ dello stesso autore “Fausto e Anna” e “Il taglio del bosco”...non nell’imminenza , ma nelle intenzioni...;)
Letto e riletto anche per motivi professionali, lo considero un bel romanzo e parecchio rappresentativo per la nostra letteratura.
Notevole la rappresentazione della protagonista femminile nella sua evoluzione psicologica ed esistenziale.
Grazie per la recensione:) Un libro da (ri)scoprire direi.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
29 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Me li sono segnata anch'io :) Spero di poterli approfondire quanto prima.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
29 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Esatto Emilio, sono d'accordo con te, totalmente. Protagonista femminile che si evolve e raggiunge livelli altissimi.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
29 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Gabri, di cuore. Scoprire e riscoprire.
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)
Chi dice e chi tace
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita
Grande meraviglia
Le altalene