Dettagli Recensione

 
Bloody Mary
 
Bloody Mary 2020-10-10 11:23:43 Belmi
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    10 Ottobre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Erano gli uomini le belve

Marek è di Cracovia, pur avendo studiato non riesce a trovare un lavoro, lui e sua madre vivono ai limiti della miseria. È un ragazzo che cerca il suo riscatto e crede di averlo trovato il giorno in cui legge su un giornale che in Italia cercano persone per raccogliere i pomodori e che la paga è ottima, tutto sembra girare per il verso giusto fino a quando non scopre che al peggio non c'è mai fine.

"Eccola, l'Italia. Intorno a lui centinaia di mani staccavano i pomodori dalle piante e li gettavamo nelle ceste... testa bassa, niente chiacchiere, piscerai dopo, non ti fermare, quanto ci metti a bere? Pomodori, centinaia, migliaia, milioni di pomodori. Sarebbero finiti nelle fabbriche di pelati, nei supermercati di mezza Europa, e poi nella pasta, sulle pizze, nei tubetti di concentrato, nei sughi pronti. Ma tutto cominciava lì, tra le schiene piegate, in mezzo al sudore. Pomodori rossi come sangue fresco, caldi e pieni di succo. Ci si faceva il Bloody Mary, con i pomodori. Un nome davvero azzeccato."

Aleya è nigeriana, è cresciuta dallo zio perché orfana. Aleya ha davvero un grosso problema, è di una bellezza fuori dal normale, una bellezza che sarà la sua rovina.

"C'erano altri italiani, vestiti molto bene, e stavolta non la trattarono male. Ma si sentì addirittura peggio, perché non sopportava quell'alternanza, era come l'inferno dei riti magici, in cui i diavoli prima di accarezzano e poi ti frustavano con le verghe piene di spine."

Vichi e Gori propongono un romanzo davvero forte, se il secondo autore mi è sconosciuto, Vichi invece l'avevo già conosciuto con il Commissario Bordelli e sapevo già che non è uno che le manda a dire. Il tema è davvero toccante, da una parte la raccolta dei pomodori, dall'altra la prostituzione. Due storie che viaggiano in parallelo, raccontate da due voci che si alternano, ma che piano piano si avvicinano sempre di più.

È un libro che non mi sento di consigliare a tutti per i temi molto forti, ma dall'altra mi rendo conto che bisogna aprire gli occhi e vedere che il marcio purtroppo non è poi così lontano da noi.

Intenso, tragico e reale.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Fede ma che titolo curioso che ci proponi. Eh, adesso devo leggerlo, c’è poco da fare. Bravissima!
In risposta ad un precedente commento
Belmi
11 Ottobre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Maria, anche per me è stata una lettura diversa ma molto interessante...aspetto le tue impressioni.
Fede
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri