Saggistica Politica e attualità Veleno. Una storia vera
 

Veleno. Una storia vera Veleno. Una storia vera

Veleno. Una storia vera

Saggistica

Editore

Casa editrice

Alla fine degli anni Novanta, in due paesi della Bassa Modenese separati da una manciata di chilometri di campi, cascine e banchi di nebbia, sedici bambini vengono tolti alle loro famiglie e trasferiti in località protette. I genitori sono sospettati di appartenere a una setta di pedofili satanisti che compie rituali notturni nei cimiteri sotto la guida di un prete molto conosciuto nella zona. Sono gli stessi bambini che narrano a psicologi e assistenti sociali veri e propri racconti dell'orrore. La rete dei mostri che descrivono pare sterminata, e coinvolge padri, madri, fratelli, zii, conoscenti. Solo che non ci sono testimoni adulti. Nessuno ha mai visto né sentito nulla. Possibile che in quell'angolo di Emilia viga un'omertà tanto profonda da risultare inscalfibile? Quando la realtà dei fatti emergerà sotto una luce nuova, spaventosa almeno quanto la precedente, per molti sarà ormai troppo tardi. Ma qualcuno, forse, avrà una nuova occasione. Nota: niente di quello che è scritto in questo libro è stato in alcun modo romanzato dall'autore.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuti 
 
4.0  (2)
Approfondimento 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Veleno. Una storia vera 2020-04-06 18:50:01 AndCor
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
AndCor Opinione inserita da AndCor    06 Aprile, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alla fine, chi sono i veri diavoli?

Gli anni Novanta rappresentano un periodo storico alquanto complicato a livello mondiale per il boom di Internet che fa da lasciapassare alle piaghe della pedofilia e della pedopornografia online.
Oltre al traffico di esseri umani - fra cui anche minori - nella zona di conflitto fra Kosovo e Jugoslavia, i casi più eclatanti vedono il Belgio sconvolto da due terribili casi di pedofilia che coinvolgono oltre trecento bambini fra il 1996 e il 1998, gli USA con i programmi televisivi - sebbene talvolta sensazionalistici - dedicati sempre di più ad asili e sette sataniche, e l'Italia con il caso dei Diavoli della Bassa Modenese, mentre la legge si sta adeguando con norme specifiche e il PM Pietro Forno compatta tutte le principali procure.
E' il 1997, e ci troviamo nel 'mosaico composto da decine di migliaia di tesserine irregolari verde smeraldo e giallo ocra' che separano Mirandola da Massa Finalese: le accuse di pedofilia e satanismo che il 'bambino zero' Dario indirizza alla famiglia naturale aprono cinque filoni di indagine che coinvolgono complessivamente sedici bambini e i rispettivi parenti e maestri di scuola.
Un 'carosello di memorie fantasiose, piene di maschere, di uccelli squartati, di torte fatte con escrementi, di giochi erotici filmati e di persone volanti', corredato da violenze, pugnali e uccisioni di almeno una dozzina di bambini a settimana, che verrebbe compiuto durante la notte nei cimiteri della zona da parte di una setta capeggiata da un prete molto conosciuto: nessuno, a parte i bambini, ha visto né sentito nulla, ma tanto basta a costruire un circolo vizioso di condanne, assoluzioni, perizie e controperizie che sembrava essersi chiuso con la dimostrazione di un palese conflitto di interessi, ma che ancora oggi continua a turbare il sonno dei vivi e dei morti.

Uno stile laconico dai toni forti e distinti caratterizza lo zibaldone di testimonianze, documenti, sentenze e verbali raccolto negli anni da Pablo Trincia, che tuttavia pecca di parzialità esattamente come il modus operandi antiscientifico della difesa: manca l'approfondimento circa le accuse di abuso domestico che sono state confermate per alcuni degli imputati, ed è prepotente la necessità di trovare a tutti i costi un capro espiatorio in una psicologa, che, per quanto la Cassazione definisca 'oggettivamente inesperta' e con un approccio 'assolutamente censurabile' insieme alle colleghe, fa parte del complesso quadro di servizi sociali, centri antiabuso, polizia e PM che si è macchiato di manipolazioni, classismo e superficialità. A partire da una ginecologa che, oltre ogni ragionevole dubbio, ancora oggi opera privatamente a Milano nonostante in quel processo avesse dichiarato che 'l'imene può riformarsi'.

L'unica certezza è che 'i concetti di reale e immaginario si erano irreversibilmente fusi in un unico, grande calderone di incubi, ansie e manie di persecuzione', mentre incredulità, interrogazioni parlamentari, childgrooming, Criteria-Based Content Analysis, cherry-picking, effetto Placebo, effetto disinformazione, istinto di autoconservazione e potenti benzodiazepine raccontano di tutta l'inadeguatezza dello Stato in una drammatica caccia alle streghe che 'era come un buco nero. Più ci guardavo dentro e meno i suoi meccanismi sembravano rispondere alle norme di comportamento sociali e umane e ai rapporti di causa ed effetto che fino a quel momento avevo dato per scontati'.

'Dove si nascondeva il confine tra reale e immaginario? Chi lo aveva stabilito? E come? Non c'era modo di capirlo'.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Veleno. Una storia vera 2019-07-07 15:02:17 Mian88
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    07 Luglio, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Verità o menzogna?

Siamo in provincia di Modena in due paesini che distano tra loro una ventina di chilometri, Massa Finalese e Mirandola, in quella fascia temporale che oscilla tra il 1997 e il 1998, quando la vicenda giudiziaria che coinvolge sedici bambini e i rispettivi genitori, amici e conoscenti di questi ultimi e talvolta perfino i loro stessi figli adulti, ha inizio. Una psicologa appena laureata, Valeria Donati e una serie di medici, assistenti sociali e case-famiglia, raccolgono le dichiarazioni di piccoli uomini e donne di età ricompresa tra i 7 e i 12 anni, dichiarazioni e susseguenti esami clinici, dai quali emerge con tutta evidenza ed oltre ogni ragionevole dubbio, che i suddetti sono stati oggetto di violenze. Ecco così che nell’estate del 1997, ad appena tre mesi dalle rivelazioni del piccolo Dario (il primo ma non ultimo delle presunte vittime), la rete dei pedofili (del diametro di una trentina di chilometri perché radicati tra Massa, Bondeno e Mirandola) viene identificata, le richieste di rinvio a giudizio partono e hanno luogo ben cinque processi che vedranno coinvolti uomini e donne con accuse di ogni genere (dalla pedofilia ai riti satanici) e a cui seguiranno suicidi, morti naturali a causa del dispiacere e condanne da scontare con anni e anni di carcere perché non c’è dubbio della reità delle prove addotte dall’accusa. Eppure, nella ricostruzione dei fatti, qualcosa non torna. Pablo Trincia se ne rende sempre più conto man mano che va avanti nella ricerca e man mano che inizia a leggere le carte, le sentenze e ogni atto meticolosamente raccolto in quei due decenni che si sono susseguiti tanto che non può sottrarsi all’investigazione, non può non interrogarsi su tutti quei buchi e quelle incongruenze disseminate tra un’inchiesta e l’altra. Perché tante sono le vite che sono state spezzate, talune tra loro collegate da un’amicizia, talaltre completamente sconosciute e tra loro assolutamente indipendenti e autonome. Cosa si nasconde dietro le dichiarazioni? I bambini sono stati sinceri? Oppure dietro le loro rivelazioni si celano forzature, induzioni da parte di quegli adulti che li hanno spinti nella ricostruzione su una determinata strada o che li hanno persuasi a credere in un qualcosa di fatto mai accaduto? E soprattutto, con e per quale interesse ciò sarebbe avvenuto?
Con dovizia e precisione certosina Pablo Trincia si cimenta nella ricostruzione di un’inchiesta che ha dello straordinario tanto è intricata e stratificata, una vicenda giudiziaria che non manca di conquistare il lettore e di tenerlo incollato alle sue pagine dall’inizio alla fine del componimento. Il risultato è quello di uno scritto capace di far riflettere su molteplici aspetti e che spinge a voler capire, a voler far chiarezza, a voler risolvere un mistero che ha condizionato l’esistenza di fanciulli cresciuti nel dubbio e senza i veri genitori e di adulti che hanno scontato pene ingiuste e che si sono visti portar via tutto quello che avevano. Dal lavoro, alla famiglia, alla dignità.
Un elaborato adatto a tutti, chiaro nell’esposizione, esaustivo nei contenuti e volenteroso di far luce su quell’ennesima ombra della nostra storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri