Saggistica Scienza e tecnica Ballando nudi nel campo della mente
 

Ballando nudi nel campo della mente Ballando nudi nel campo della mente

Ballando nudi nel campo della mente

Saggistica

Editore

Casa editrice

Nobel per la chimica nel 1993, Kary Mullis è divenuto una leggenda per la scoperta della PCR (Polymerase Chain Reaction), una tecnica che ha rivoluzionato il mondo della chimica e della genetica. Esperto surfista e contestatore nella Berkeley negli anni Sessanta, Mullis è l'unico Nobel ad aver descritto un possibile incontro con gli alieni. Scienziato dalle curiosità senza limiti, Mullis si è spesso scontrato con le posizioni ortodosse della scienza, rifiutando di accettare qualsiasi teorema fondato su prove di seconda mano o testimonianze indirette, come mostrano gli aneddoti curiosi qui narrati in tono ironico e brillante. Mullis spazia con passione e umorismo dal metodo scientifico alla parapsicologia, dai ragni velenosi al virus HIV e all'AIDS, dall'effetto serra all'astrologia, dal processo a O.J. Simpson alla possibilità di accendere una lampadina con i poteri della mente. Un libro che sfida a mettere in discussione l'autorità della scienza dogmatica, mostrando pagina dopo pagina come vive, lavora (e si diverte) una delle menti più brillanti del XX secolo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuti 
 
2.0  (1)
Approfondimento 
 
1.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ballando nudi nel campo della mente 2018-01-08 11:21:34 Giovannino
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0
Contenuti 
 
2.0
Approfondimento 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Giovannino Opinione inserita da Giovannino    08 Gennaio, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mitomanie di un premio Nobel.

Ho acquistato questo libro perché avevo letto un’ottima recensione su internet e quindi la storia del premio Nobel surfista ed anti sistema mi aveva incuriosito. Oltretutto ritengo che il titolo sia non solo geniale ma anche molto significativo. Così il giorno dopo sono andato in libreria e dopo averlo acquistato ho approfittato delle vacanze di Natale per leggerlo in un paio di giorni.
Premetto subito che non mi è piaciuto per niente ed in poco tempo la mia grande curiosità si è trasformata in delusione e fastidio. Il libro infatti è semplicemente un susseguirsi di capitoli nei quali il nostro autore fa sfoggio del suo sapere o raccontandoci aneddoti ed esperimenti da lui compiuti, con dovizia di particolari e dati scientifici, che se non avete già di vostro una solita base di chimica o fisica difficilmente riuscirete a capire, oppure semplicemente cercando di sfatare luoghi comuni (come il fatto che l’AIDS provenga dal virus HIV) ma senza darci poi lui stesso una soluzione concreta e provabile.
Un esempio su tutti: l’esistenza degli alieni. L’autore fa un ampio preambolo dicendo che l’universo è infinito, dobbiamo pensare che sia possibile che esistano altre forme di vita, etc etc. A testimonianza di ciò ci racconta di quando è svenuto fuori da casa sua subito dopo aver visto un essere luminoso, risvegliandosi poi il giorno dopo. Nessuna prova di cosa sia accaduto, né come. Unica testimonianza quella della figlia che giorni dopo dice di aver avuto lo stesso “imprevisto”. Per questa ragione, cioè il racconto scapestrato di un uomo che nel corso del libro più volte ammette di aver fatto uso di LSD o acidi, noi dovremmo credere all’esistenza degli alieni.
Insomma in conclusione questo è un libro che, a detta dell’autore, doveva servire a farci capire che non tutto è come sembra ma che non dobbiamo mai smettere di cercare, di comprendere. Risulta invece come una semplice dimostrazione di capacità e conoscenze da parte di un premio Nobel spocchioso e a tratti mitomane. Insomma c’è sicuramente di meglio da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri