Saggistica Scienza e tecnica L'origine delle specie
 

L'origine delle specie L'origine delle specie

L'origine delle specie

Saggistica

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di L'origine delle specie, saggio di Charles Darwin edito da Einaudi. Il 2009, vero e proprio anno darwiniano per la ricorrenza del bicentenario della nascita dello scienziato inglese e dei centocinquant'anni della pubblicazione de L'origine delle specie, è ricco di iniziative che celebreranno Darwin. In occasione dell'anno darwiniano, Einaudi pubblica, a cura di Telmo Pievani, il volume L'origine delle specie, che di quel testo fondamentale propone non la versione definitiva del 1859, ma il primo abbozzo - il cosiddetto Sketch - del 1842: trentacinque pagine compilate a matita durante l'estate del 1842 e rimaste a lungo segrete, in cui sono già presenti tutti i temi fondamentali della teoria evoluzionistica, dalla riflessione sui meccanismi sottesi al mutamento delle specie alle prove che li dimostrano. Dallo Sketch, così come da alcune lettere che lo scienziato scrisse negli anni seguenti - in particolare quelle al giovane botanico Joseph Dalton Hooker, il primo a cui Darwin parlò delle sue rivoluzionarie teorie nella lettera riportata di seguito - emergono i timori, le reticenze e il lavoro nascosto che separò l'intuizione del meccanismo della selezione naturale, risalente al 1838, dalla prima comunicazione pubblica delle teorie evoluzionistiche alla Linnean Society di Londra, anch'essa raccolta nel volume. Una nuova raccolta di testi fondamentali per comprendere il pensiero di Darwin, di cui Einaudi aveva già pubblicato, sempre nei tascabili, la Autobiografia e il Viaggio di un naturalista intorno al mondo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'origine delle specie 2012-07-20 17:47:31 rakovic
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
rakovic Opinione inserita da rakovic    20 Luglio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

per appassionati di scienze

1859: quando uscì questo libro ebbe un'effetto sconvolgente sul mondo teologico e scientifico: i primi sostenevano che tutto fosse immutato e immutabile fin dai tempi della creazione e non c'era spazio per l'evoluzione. Peccato che proprio un ecclesiastico, Mendel, avesse per primo individuato le leggi cardini della genetica. La scienza che iniziava il suo cammino sperimentale brancolava nel buio in quanto le teorie di Lamark andavano per la maggiore: la giraffa ha il collo lungo perchè si sforza continuamente di raggiungere i rami più alti e così le sue vertebre cervicali si sviluppano in lunghezza; in seguito trasmetterà questa caratteristica alla discendenza. Non è andata così.

Darwin fu il primo a capire che tutte le giraffe disgraziate che avevano il collo un po' più corto sarebbero morte di fame senza lasciare discendenti e solo quelle favorite da madre natura, incrociandosi tra loro, avrebbero partorito cuccioli sempre più adatti all'ambiente. Quindi la selezione, con le sue leggi (variazione, disuso ed abitudini) come motore principale della vita sulla terra.

Il testo scorre bene ed è comprensibile anche a chi non è del settore, basta avere un po' di senso di osservazione e di curiosità. Si addentra sul perchè di alcuni caratteri selezionati dall'uomo che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni, come la mitezza delle specie domestiche: il cucciolo di una specie domestica non si comporterà come il cucciolo nato in cattività di una specie selvatica: il secondo morderà la mano al padrone e scapperà perchè il suo istinto è diverso. L'istinto, ciò che fa compiere un'azione non legata ad un'esperienza.

Non è certo un libro addatto ad un appassionato di romanzi, ma è comunque affascinante e coinvogente, dopo 150 anni ancora molto valido dal punto di vista scientifico. Istruttivo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
testi naturalistici
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Come stanno le cose
Il botanista
Invito alla meraviglia
Helgoland
Spillover
E l'uomo incontrò il cane
Ascesa e caduta dei dinosauri
Quanti
La nascita imperfetta delle cose
Essere una macchina
Il libro degli esseri a malapena immaginabili
Silicio
Mio caro Neandertal
La legge fisica
Le mie risposte alle grandi domande
Lo strano ordine delle cose