Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Appunti di un venditore di donne
 

Appunti di un venditore di donne Appunti di un venditore di donne

Appunti di un venditore di donne

Letteratura italiana

Editore



1978. La dolcevita del capoluogo lombardo, che si prepara a diventare la «Milano da bere» degli anni Ottanta, non conosce soste. È proprio tra ristoranti di lusso, discoteche, bische clandestine e cabaret - dove cresce una nuova generazione di uomini di spettacolo destinata a rivoluzionare la comicità italiana - che fa i suoi affari un uomo enigmatico, affascinante, reso cinico da una menomazione inflittagli per uno «sgarbo». Si fa chiamare Bravo. Il suo settore sono le donne. Lui le vende. La comparsa improvvisa di una ragazza, Carla, che per sfuggire alla povertà decide di entrare nel giro della prostituzione, risveglia dolorosamente in Bravo sensazioni che l’handicap aveva messo a tacere. Ma per lui non è l’inizio di una nuova vita bensì di un incubo che lo trasformerà in un uomo braccato dalla polizia e da un’organizzazione terroristica.

Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 30

Voto medio 
 
3.7
Stile 
 
3.8  (30)
Contenuto 
 
3.4  (30)
Piacevolezza 
 
3.7  (30)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Appunti di un venditore di donne 2015-02-26 20:31:28 Rebel Luck
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Rebel Luck Opinione inserita da Rebel Luck    26 Febbraio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Bravo" Giorgio

L'inizio è agghiacciante.
Una frase di 9 parole che è un vero e proprio pugno nello stomaco. ..."Na sbadilada an costa"... diciamo a Bergamo. Ma che serve, nell'economia generale del libro, proprio per rassicurare il lettore: il peggio è già successo, non c'è bisogno di stare sulle spine per tutto il libro per sapere se succederà o meno, pregando che non succeda... E' già successo.
E' orribile, è un incubo, ma è già successo. Tranquillizzante...
"Io mi chiamo Bravo e non ho il cazzo"

Faletti è bravo a comporre questo intricato mosaico fatto di "coincidenze" un po' troppo tirate, ma che nel complesso funziona benissimo e nel finale lascia sbalorditi.
Bravo Faletti, questo non è "Io uccido" semmai ha qualcosa in comune con "Niente di vero tranne gli occhi", e nel complesso è un libro che TRAVOLGE il lettore e lo INCOLLA ALLE SUE PAGINE.
Ambientato nella Milano del 1978, quella che il buon Giorgio ha conosciuto bene, il romanzo si snoda tra prostitute di classe, bische clandestine, locali notturni, cabaret ed i classici "amici non amici" da aperitivo.
Gli anni sono quelli delle Brigate Rosse e del rapimento di Moro sullo sfondo una politica corrotta e ...La settima enigmistica...

Si fa fatica ad immedesimarsi in Bravo, protagonista e voce narrante, a causa della sua mutilazione subita per uno "sgarro" ma il libro è troppo bello per non essere amato ed assaporato. La prosa è ottima, la dimensione è quella giusta, ne troppo breve ne troppo prolisso.
I personaggi sono ben delineati anche se ad ognuno è lasciata sempre una sfumatura di mistero che non guasta.
Alla fine tutto viene spiegato e nulla è lasciato incompiuto come invece l'autore aveva fatto in "Tre atti e due tempi", lasciando il lettore con troppe domande, qui no le risposte arrivano tutte.
Il mio Faletti preferito è in assoluto quello di "Fuori da un evidente destino", ma qui il livello è davvero altissimo.
Bravo Giorgio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Ai lettori di sesso maschile.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Appunti di un venditore di donne 2015-02-15 08:22:24 Minuscola
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Minuscola Opinione inserita da Minuscola    15 Febbraio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un bel libro

Indubbiamente un bel libro, ma non il migliore. La storia è abbastanza macabra e, in alcune pagine, molto squallida, a mio avviso.
Bravo è un eunuco che si guadagna da vivere vendendo donne. Sullo sfondo l'Italia massacrata da bombe e da terroristi e lui che continua la sua vita fino alla repentina ridemensione finale.

Non mi ha convinto, forse non è il mio genere, a me era piaciuto di più: Io uccido. Comuque bravo Faletti che si è cimentato in vai generi. R.I.P.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Appunti di un venditore di donne 2013-01-28 12:04:34 kobe
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
kobe Opinione inserita da kobe    28 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Appunti di un venditore di donne

Avevo perso le tracce di Faletti dopo il suo terzo romanzo e l’ennesima delusione. Lo ritrovo diversi anni dopo con un noir davvero sorprendente, forse perché non mi aspettavo granché. Abbandonate le velleità dei thriller sullo stile “a stelle e strisce” (sebbene Io uccido rimanga notevole) Faletti si è cimentato con un genere che alla luce dei fatti gli è riuscito bene, il noir nostrano. La Milano del ’78 non è solo uno sfondo scenografico, ma un vero e proprio personaggio tanto la si sente pulsare e muoversi insieme ai protagonisti. Gli anni di piombo sono nella loro piena e drammatica massima espressione, le BR hanno rapito Moro, le Istituzioni sono sotto attacco ed i politici sotto scacco.
Bravo fa da intermediario tra chi desidera una compagnia di lusso e chi vuole offrire quel lusso. È cinico, ma ha un proprio codice etico, non lo si può definire senza scrupoli, anzi. È un pesce piccolo, ma presto si ritroverà a nuotare in un oceano in cui o si impara a diventare predatori o si è destinati a fare una brutta fine.
L'inizio è forse un po' lento, ma poi la storia prende rapidamente ritmo e si fa leggere alla grande, quindi non fatevi scoraggiare!!

Non male, felice di averlo letto e di aver riscoperto un autore italiano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Appunti di un venditore di donne 2012-09-01 16:09:46 Zoe 2012
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Zoe 2012 Opinione inserita da Zoe 2012    01 Settembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I love Faletti

Sono fan di Faletti dal primo libro, e li ho letti tutti! Amo il suo stile che per me è unico... Pertanto non posso che consigliarlo, questo libro è riuscito a riportarmi alla suspance vissuta con "Io uccido". La curiosità di sapere cosa fosse successo al protagonista e perchè non mi ha abbandonata fino alla fine. E questa Milano vintage, nottambula, popolata da soggetti che esistono solo dal tramonto all'alba come fantasmi che vagano tra vizi, malavita e pericoli costanti, sullo sfondo un'Italia avvelenata dal terrorismo e dalla corruzione. Bravo è senz'altro un personaggio discutibile, cinico, scaltro ma dal buio del suo animo trapela ancora umanità. Un personaggio in movimento, sfuggente e fuggitivo, perennemente in bilico. Bravo dovrebbe apostrofarsi anche Faletti, che anche stavolta è riuscito ad emozionarmi e coinvolgermi pagina dopo pagina. 

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Appunti di un venditore di donne 2012-08-24 19:25:58 enricocaramuscio
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    24 Agosto, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Noir da ombrellone

Milano anni ‘70. Mentre l’Italia è soffocata dall’aria pesante degli anni di piombo nel capoluogo lombardo la vita notturna scorre torbida e viziosa tra bische clandestine, cabaret, ristoranti di lusso e locali alla moda, appannaggio di cocainomani, prostitute, artisti, balordi e gente che cerca semplicemente di godersi un po’ la vita. In questo contesto, o meglio tra le ombre di questi ambienti, si muove Francesco Marcona detto Bravo, un cinico magnaccia d'alto borgo, personaggio dal passato oscuro e dal presente discutibile, che nasconde un inconfessabile segreto e si guadagna da vivere vendendo donne. La comparsa nella sua vita della la bella e travolgente Carla coinciderà per lui con l’inizio di una serie di guai e Bravo si troverà invischiato senza volerlo in una storia più grande di lui che lo vedrà costretto a rivedere la sua vita e fare i conti con il passato. Finalmente Faletti sembra allontanarsi dal solito formato del thriller in stile americano pieno di assassini seriali e duri senza macchia e si butta in un noir tutto italiano che rievoca un periodo difficile della nostra storia ed elenca vizi e difetti del bel paese che oggi più che mai, in periodi di forte corruzione e di bunga-bunga, appaiono ben lungi dall’essere superati. Ma il libro presenta comunque delle lampanti pecche: trama un po' troppo confusionaria, finale scontato e poi sempre questi personaggi bellissimi, intelligentissimi, ricchissimi e che sanno sempre come cavarsela. Ma peggio di tutto una prosa fin troppo semplice, al limite della banalità, che se da un lato aiuta la scorrevolezza, dall’altro toglie qualsiasi fascino alla lettura. Consigliato solo per rilassarsi sotto l’ombrellone.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
"Strage" di Loriano Machiavelli
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Appunti di un venditore di donne 2012-08-24 10:09:57 Key Seven
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
Key Seven Opinione inserita da Key Seven    24 Agosto, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Solito Faletti

Perchè non apprezzo Faletti scrittore?
Credo che si continui a cercare di rilanciare il mercato dei libri italiani enfatizzando le capacità di uno scrittore che, se non avesse trovato tutte le porte spalancate, ben difficilmente avrebbe potuto pubblicare dei romanzetti con trame spesso illogiche con personaggi al limite dello stereotipo e con divagazioni che servono solo a gonfiare il libro di almeno 500 pagine.
Sembra un pò Salgari quando proprio prima della battaglia descrive Sandokan che guarda un baobab e giù una pagina di descrizone scientifica e geografica della pianta esotica.
Ma Salgari era Salgari e lo pagavano a parola quindi aveva anche dei buoni motivi.
Faletti fà un pò lo stesso quando si perde a descrivere le vicissitudini di personaggi minori per interi capitoli.
Lui forse crede di renderli familiari in realtà annoia e basta.
Quello che mi fa davvero rabbia è che queste inutili divagazioni da molti vengono considerate (credo anche dallo stesso Faletti) profonde e dotte riflessioni di un grande maestro della letteratura.
Comunque gran noia come al solito...
Questo nuovo romanzo non è dissimile dagli altri, è sempre poco chiaro cosa voglia fare il protagonista e spesso la storia naviga seguendo la corrente e divagando più che si può....
Leggi sperando solo che finisca in fretta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
l
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Appunti di un venditore di donne 2012-08-24 09:20:04 amedh74
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
amedh74 Opinione inserita da amedh74    24 Agosto, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

grande NOIR

Faletti abbandona i romanzi in stile USA e passa al noir all'italiana!!!!
Si legge tutto d’un fiato.
Catapultandoti negli anni, 70 riporta alla vita atmosfere di anni passati, attraverso un susseguirsi di oggetti e marche di quegli anni, prezzi espressi in lire, e luoghi di una Milano che non c’è piu'

Riesce anche a sospendere il fiato, poi, quando la trama ci svela che nulla di quello che circonda (BRAVO)il protagonista è come lui crede che sia.
E a Bravo non si può fare a meno di affezionarsi: duro dal cuore spudoratamente tenero (forse anche troppo sentimentale in certi passaggi, per i miei gusti) che non ha mai ammazzato nessuno. E che vive nel tormento di un sospetto che non lo abbandona, da anni.

Solo che quel sospetto, in pochi giorni, la vita glielo scioglie davanti agli occhi, sballottandolo da una parte all’altra della sua scacchiera esistenziale e rendendolo protagonista di un gioco molto, molto più grande dei suoi affari da protettore. In mezzo, il mondo del terrorismo e della corruzione politica di un’Italia molto più simile a quella del tempo presente di quanto vorremmo.

10 e lode.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Appunti di un venditore di donne 2012-03-21 13:35:35 Fedra
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Fedra Opinione inserita da Fedra    21 Marzo, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Appunti non a casaccio

Appunti non a casaccioti, continui rimandi a cose, fatti e persone che chi prende appunti conosce e chi legge no. E' proprio questa tecnica a creare i colpi di scena. E' come uno di quei gialli che si trovano sulla Settimana enigmistica, quelli dove il colpe dice una cavolata e tu devi scoprire quale. Allo stesso modo Faletti semina per il libro indizi che si ricollegano gli uni agli altri a creare una trama incredibilmente complessa dove nulla succede per caso e nulla rimane a caso.

E alla fine ti ritrovi a esultare: "Lo sapevo! Sapevo che era così"
o rimani a bocca aperta sul genere: "no! Non ci sarei mai arrivata!"

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
33
Segnala questa recensione ad un moderatore
Appunti di un venditore di donne 2012-01-21 22:34:21 paolodal
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
paolodal Opinione inserita da paolodal    22 Gennaio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ciapel sot ca l'he un biscot

Grande Faletti, dopo Io uccido sicuramente il suo piu' bel libro. Sara' che ho vissuto anch'io a Milano, negli anni 90, mi sembrava di respirare quell'atmosfera dove non sai mai se sei in ufficio o al cabaret, e la violenza si mescola agli aperitivi.... bella trama, nulla di scontato, romanzo piacevole.
Mi permetto di nominare Faletti erede di Giorgio Scerbanenco, il grande inventore del noir italiano, anch'egli milanese di adozione, con lo stesso stile dinamico, ricco di ironia e grandi metafore come lampi nel buio.
Quando leggi Faletti, termini ogni capitolo con un sorriso. Direi un sorriso enigmistico...


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
per gli amanti del noir italiano
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Appunti di un venditore di donne 2011-12-13 15:08:23 MCF
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
MCF Opinione inserita da MCF    13 Dicembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Donne e champagne

Avvince fin dalla prima riga e non tradisce fino alla fine. E' un po' contraddittorio secondo me quando descrive le squille d'alto bordo come donne di buoni sentimenti che lavorano per aiutare le loro famiglie bisognose; in realtà sono delinquenti comuni, pronte a vendere la droga e a rubare, almeno nella maggior parte dei casi. E quando mostra il protagonista come una persona retta, di solidi principi che non vengono scalfiti dall'ambiente violento e malfamato in cui vive. Comunque è appassionante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I libri dell'autore.
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.1 (3)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri