Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Così giocano le bestie giovani
 

Così giocano le bestie giovani Così giocano le bestie giovani

Così giocano le bestie giovani

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Nelle campagne intorno a Torino gli operai di un cantiere ferroviario rinvengono le ossa di uomini e donne uccisi con un colpo alla nuca: una fossa comune. Il caso viene affidato al commissario torinese Arcadipane, ma rimane nelle sue mani per una notte soltanto: il mattino dopo una task force, specializzata in analisi dei siti storici, è già sul posto a requisire i reperti, che risalirebbero alla Seconda guerra mondiale. Arcadipane potrebbe accettare gli ordini e farsi da parte, concentrandosi sulla crisi di mezz'età che lo tormenta, ma qualcosa non gli torna: troppa rapidità nello stabilire cosa sono quelle ossa e perché sono lì. Decide perciò di proseguire l'indagine in autonomia. L'analisi di un femore requisito gli dà ragione: porta i segni di un intervento chirurgico datato anni settanta. È giunto il momento di coinvolgere il suo vecchio superiore: Corso Bramard, ora insegnante nella remota provincia torinese, ma come sempre investigatore dall'intuizione sopraffina. Quando si scopre che il femore analizzato appartiene al principale sospettato per l'incendio alla sede torinese dell'Msi in cui restò ucciso uno dei militanti, le indagini affondano nel periodo più nero della nostra storia postbellica.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Così giocano le bestie giovani 2018-07-15 07:54:16 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    15 Luglio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una storia italiana degli anni '70

Davide Longo, insegna Scrittura alla Scuola Holden. Tra i suoi romanzi: Un mattino a Irgalem, Il mangiatore di pietre, L’uomo verticale, Ballata di un amore italiano, Il caso Bramard. Ora torna in libreria con Così giocano le bestie giovani. Un libro che è:

“un gioco letterario vero e ruspante, dove la sapidità della trama va a scalare tra le zolle di una territorialità dell’anima, con la lentezza e la precisione di uno scalatore della narrativa: schietto, credibile, sicuro come i suoi sdruciti protagonisti.”.

Sullo sfondo di una città, Torino, che:

“respirò la città con la sua tenebra, la sua ritrosia, e i gas delle auto. Erano simili in fondo: due scritture difficili che dicevano poche cose semplici.”.

Nel 2008 nella prima periferia torinese vengono ritrovati dieci cadaveri che paiono risalire alla Seconda Guerra mondiale, sepolti in una fosse comune vicino ad un passante ferroviario. Così pare a prima vista, ma un bottone di un paio di jeans installa in Arcadipane, incaricato delle indagini, qualche perplessità. Anche se i suoi diretti superiori non condividono le sue tesi, lui inizia una indagine parallela. E non può farlo se non rivolgendosi al suo ex capo, il commissario Corso Bramard, che si è rifugiato lontano, in una forzata auto reclusione per cercare di dimenticare la morte dell’amata Michelle, dedicandosi all’insegnamento. Ma Arcadipane sa che lui all’epoca c’era, ed è depositario di molte verità. Lui da parte sua è perspicace, ma insicuro, combatte strenuamente contro i suoi fantasmi, le sue debolezze, l’incapacità di comprendere i figli, un matrimonio con delle indubbie difficoltà, con l’unica compagnia di un cane zoppo, Trepet, e i sucai, i famosi bottoncini di liquirizia dolce e zucchero. Dall’altra Bramard che rivive i suoi vent’anni in una Torino del 1974, in cui ha conosciuto Stefano Aimar, estremista di sinistra il cui cadavere viene ritrovato quarant’anni dopo sepolto in un campo incolto vicino all’autostrada. Tutto riporta ad un attentato compiuto in via Lampredotti, dove:

“la notte tra il 20 e il 21 ottobre del ’74 qualcuno buttò due molotov dentro una sede dell’Msi in via Lampredotti.”.

La ricerca della verità, dunque, compie un lungo percorso che riporta indietro nel tempo a furori eversivi ed attentati postbellici, ad un sogno mai realizzato che si scontra con una tesi amara e violenta.

Il libro di Davide Longo racconta una storia degli anni ’70 con una prosa raffinata e precisa; accompagnando il lettore attraverso un excursus difficile e complicato, ma degno di una lettura avvincente e complessa nella sua intimità.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto Davide Longo, Il caso Bramard
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Un cuore tuo malgrado
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rien ne va plus
Valutazione Utenti
 
4.4 (2)
Serotonina
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Facciamo che ero morta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Missione Odessa
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il re di denari
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Il tunnel
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco del suggeritore
Valutazione Utenti
 
3.3 (4)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.4 (2)
Il delitto di Agora. Una nuvola rossa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jesus' son
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri