Il tessitore Il tessitore

Il tessitore

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Il commissario Bartolomeo Rebaudengo e il medico legale Ardelia Spinola sono un pilastro l'uno per l'altra: tra alti e bassi, una storia d'amore e un'amicizia scoppiettante, hanno sempre condiviso ogni difficoltà che la vita li ha costretti ad affrontare.A innescare il vizioso circolo degli eventi, questa volta, è il rinvenimento del corpo di una ragazza nel vano di un pick-up di un malcapitato idraulico a un posto di blocco nell'entroterra ligure. Dai primi esami esegui-ti la causa del decesso sembra essere compatibile con una caduta, ma la dottoressa Spinola nota un tentativo di strangolamento. Gli indizi sono comunque scarsi. È a questo punto che arriva, del tutto inaspettata, la telefonata di Augusto, un occasionale compagno di aperitivi di Ardelia che, chiuso in un'auto al buio e strafatto, le chiede di raggiungerlo con una certa urgenza perché ha commesso una pazzia grossa quanto una casa Per non parlare poi della presenza di una cellula eversiva di stampo fascista che, tra nebbie autunnali e giornate di sole ancora tiepide, turba la tranquillità del Basso Piemonte. Sembrano fatti privi di collegamento ma un disegno torbido e inquietante li lega. Bartolomeo, con la sua mente pacata e lucida, e Ardelia, con il suo fuoco intuitivo e la sua follia, dovranno rimetterli insieme tassello dopo tassello, immergendosi ancora una volta nelle pieghe di un enigma intricatissimo, che darà loro parecchio filo da torcere.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il tessitore 2023-01-11 15:22:19 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    11 Gennaio, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ardelia, Bartolomeo e un oscuro Barbablu

Ardelia Spinola ha piantato Arturo, stanca dei suoi continui misteri. Il Rebaudengo, ormai tranquillo pensionato sabaudo, è solo un amico lontano con il quale lei si sente di rado. Lo “zio” Gabriel, ormai è polvere in terra d’Israele. Giorgio, l’imperscrutabile e affascinate “agente infiltrato” conosciuto di recente, è un vero punto interrogativo e, peraltro, è sempre in viaggio in terre remote. L’attrazione per Norma (che lei non ha il coraggio di definire e affrontare) la turba e la confonde. Così adesso si sente “sola e inutile come un cartello stradale in Patagonia”.
A interrompere questo circolo vizioso di depressione interviene una telefonata notturna: in un paesino disperso nella campagna ligure è stato ritrovato il cadavere di una giovane donna, nuda, caricata sul retro di un pick-up fermato dalla stradale per un controllo di routine. Il proprietario del mezzo dice di ignorare chi sia la donna e, addirittura, è svenuto alla vista. I Carabinieri, però, lo hanno trattenuto per accertamenti.
Dai primi rilievi risulta che la poveretta sarebbe morta precipitando da un lungo scalone. Per un incidente o perché è stata “aiutata” a cadere? Ecchimosi per un tentativo di strangolamento farebbero propendere per la prima ipotesi.
Qualche giorno dopo, Augusto De Bernardis, un architetto amico di Ardelia, la chiama per confidarle di essere stato lui a caricare il cadavere sull’auto: Carla Semeria era la sua amante; con lei si intratteneva in complicati giochi erotici in costume operistico a casa dello zio Serse, ex sarto teatrale. Però lui spergiura di averla trovata già morta, quella notte. Era strafatto di alcol e droga e, così, l’unica cosa che gli era sembrato furbo fare era stato di scaricare il cadavere nel primo posto che ha trovato.
La dottoressa Spinola, che, almeno questa volta, voleva tenersi lontana dalle indagini, viene quindi trascinata suo malgrado in questa brutta storia che, man mano che evolve, si rivela essere sempre più intricata e pericolosa per tutti coloro che ne restino invischiati.

Cristina Rava è una certezza: è difficile rimanere delusi da un suo romanzo. Sono tutti scritti con garbo e stile impeccabile, mai noiosi o pretestuosi, ma sempre intriganti e divertenti e questo tredicesimo libro del ciclo di indagini ingauno-cevesi non fa eccezioni.
Questa volta, però, il racconto è stato depurato da tutte le vicende collaterali, se escludiamo la ricomparsa improvvisa della pianista Norma Picolit; la cui presenza, in ogni caso, diviene subito funzionale all’azione investigativa. I triboli personali dei protagonisti, però, in passato avevano dato consistenza e sapore all’intera narrazione, donando quel gusto fresco e tangibile delle storie realmente vissute. Ora, invece, l’esposizione più asciutta e spedita, concentrata com’è sulla sola indagine, appare un po’ troppo scarna e monotematica.
Ci sono, è vero, alcune digressioni sugli umori della “dottoressa frugamorti”, ma solo incidentali e il loro tono, quasi sempre mesto e dolente, non aiuta molto a divagare. L’intreccio, poi, a metà della storia, deraglia sui toni di una spy-story degna della collana Segretissimo e, anche questo, rende il tutto meno credibile del consueto.
Insomma, il romanzo appare un po’ sotto tono rispetto a quelli che l’hanno preceduto, come scritto con la mano sinistra. Tra l’altro, in passato, ho sempre considerato Ardelia come l’alter ego della Rava e leggerne le vicissitudini sembrava quasi come spiare, in modo indiscreto, la vita della sua creatrice. Ora, però, il carattere del personaggio sta subendo una involuzione che appare inarrestabile e viene il dubbio che l’A. si sia un po’ stancata di quella specie di gomitolo di filo spinato che è la dottoressa Spinola oppure che anche l’A. abbia attraversato un periodo di umor tetro, che si è riflettuto nelle pagine del libro. Speriamo in un colpo d’ali futuro.

In complesso resta, comunque, un buon romanzo, meno poetico e ispirato di altri, forse, ma da leggere sempre con interesse e piacere, anche per quel gusto un po’ da voyeur, che hanno tutti i lettori affezionati a un ciclo, di vedere come si evolvono le vite personali dei protagonisti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il tessitore 2022-04-19 09:18:16 ornella donna
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    19 Aprile, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Giochi pericolosi

Cristina Rava è autrice della seria del commissario Rebaudengo e delle inchieste del medico legale Ardelia Spinola. Ora torna in libreria con gli stessi personaggi in un libro intitolato Il Tessitore ,edito da Rizzoli. Chi è il Tessitore? E’ colui che, in questo caso, tesse le fila di una storia all’apparenza ingarbugliata e complessa, ma intrinsecamente avvincente e potente.
La narrazione prende l’avvio con la scoperta di un cadavere di donna, completamente nudo, posizionato nel bagagliaio di un pick-up appartenente a un malcapitato idraulico, che immediatamente professa la sua innocenza. Chi è questa donna? Come ci è finita lì? La dottoressa Spinola classifica la sua morte come dovuta a una caduta accidentale, tuttavia nota anche dei segni di un tentato strangolamento. Parallelamente Augusto, un suo amico architetto, le confessa di aver compiuto un grande misfatto. Qual è il legame tra lui e la povera vittima? E cosa c’entra in tutto questo bailamme una setta di stampo fascista, vista operare tra le brume delle colline del Basso Piemonte? Il mistero si infittisce.
Cristina Rava costruisce una trama gialla con sapienza e precisione. La lettura è riservata agli amanti del genere giallo, ma rivela un’acuta capacità di analisi di situazioni e stati d’animo. Tra buon cibo, atmosfere rarefatte e case che parlano, si snoda un romanzo intrigante, ricco di colpi di scena e di avventure al limite. Una nuova conferma per una scrittrice abile e preparata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Bell'abissina
Intrighi e morte sull'Adda
Giallo sulla Riviera del Corallo
Il male che gli uomini fanno
Chi si ferma è perduto
Quella notte a Valdez
Il liceo
Dalle nove a mezzanotte
Questioni di sangue
Cena di classe
La mala erba
Mille giorni che non vieni
Dolce vita, dolce morte
Il giallo di Villa Nebbia
Il giorno del sacrificio