Io sono il Libanese Io sono il Libanese

Io sono il Libanese

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Roma, primi anni Settanta. Il Libanese è un ragazzo di strada. Ha un sogno: diventare il re della Roma criminale. Ma la scalata è dura, quando sei nato nei vicoli e i tuoi unici alleati sono il cervello e il coltello. Giada è una ragazza dei quartieri alti. Anche lei ha un sogno: cambiare il mondo. Sono destinati a incontrarsi, scontrarsi, perdersi, ritrovarsi. Ma è più facile cambiare il mondo che uno come il Libanese.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.5  (4)
Contenuto 
 
2.0  (4)
Piacevolezza 
 
3.8  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Io sono il Libanese 2016-03-17 15:02:49 Mian88
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    17 Marzo, 2016
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ah Libbaanooo ....

Torna la Roma che già abbiamo imparato a conoscere in “Romanzo criminale” e con lei si ripresentano il Libano, il Dandy, il Bufalo, il Secco, personaggi che, chi ha letto l’opera citata, sicuramente ricorderà.
Le vicende si sostanziano sul Libanese, ancora privo del Freddo, sua nemesi necessaria ed indispensabile, e sulla sua brama di potere, sul suo sogno di diventare il Re della città Eterna. Ed è tra un fallimento ed un successo che le pagine di questo piccolo elaborato scorrono tra le mani del lettore con rapidità sorprendente concludendosi infatti l’opera in meno di una giornata.
Se però tanto velocemente fluisce, altrettanto contenutivamente non convince. Da un lato abbiamo il Libano che persegue questo sogno di riscatto come un cane da tartufo, tanto che intravede nel boss della camorra, Pasquale O’Miracolo, la sua possibilità, (deve solo trovare trecento milioni, cosa vuoi che sia, Libano, cosa vuoi che sia!), dall’altro abbiamo un uomo che si sente sempre più attratto da un mondo che non gli appartiene e che viene simbolicamente rappresentato da Giada, figlia di papà con genitori divorziati, rigorosamente comunista e che della strada non sa alcunché. A tal proposito interessanti sono le riflessioni che il Libano pone in essere durante il racconto, meditazioni che riescono in poche battute a mettere in evidenza tanto le lacune dei sistemi di sinistra quanto di destra.
La donna, inizialmente è per il protagonista una curiosità, un capriccio, poi diventa un mezzo per conoscere gente abbiente da spennare felicemente grazie a quel buon vecchio vizietto della polverina bianca, infine finisce col rappresentare l’alternativa: si dimostra desiderosa di offrirgli una vita diversa, un lavoro, una famiglia. Che fare? Abbandonarsi a quel divano o tornare alla casa materna, la strada, luogo che gli ha insegnato tutto della vita?
In conclusione il testo è scorrevole, caratterizzato da capitoli brevi e diretti avvalorati dalla qualità stilistica di De Cataldo. Dal punto di vista delle vicende è piacevole seppur dia l’impressione di essere incompleto, mancando di quel “non so che” capace di renderlo indimenticabile, a mio modesto giudizio è lacunoso del Freddo.
Adatto a chi cerca una lettura cui trascorrere qualche ora, non troppo impegnativa e con cui riabbracciare personaggi già amati. Non aspettatevi un “Romanzo criminale2” altrimenti ne resterete delusi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Io sono il Libanese 2012-10-02 20:35:15 lassaggialibri
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da lassaggialibri    02 Ottobre, 2012

il libanese prima di romanzo criminale

Forse è per rimediare al torto di fare troppo presto sparire – ma solo fisicamente – Libano nel suo precedente e ormai cult Romanzo Criminale. O forse perché Libano, nell’ideale quartetto formato da lui, il Dandi, Bufalo e il Freddo, è il personaggio più affascinante, più complesso e sfaccettato. Di certo, si legge con piacere questo vero e proprio prequel che racconta un Libanese alle prese con i primi tentativi di diventare grande, di fare il grande salto e i suoi tormenti per quell’occasione che sembra non arrivare mai e quel sogno – diventare il Re di Roma – che sembra sempre così lontano. La scrittura di De Cataldo fa rivivere un universo di personaggi che già conosciamo con uno stile più romanzesco di Romanzo Criminale. Quasi più intimo e soggettivo. E la scelta è efficace. Da antologia l’incontro, lo sfioramento silenzioso di sguardi, tra Libano e il Freddo all’entrata di un locale notturno. Preludio di quello che sarà.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Io sono il Libanese 2012-08-16 13:51:50 phoebe1976
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
3.0
phoebe1976 Opinione inserita da phoebe1976    16 Agosto, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A' Libbano, ma che stai addì?

In questo piccolo romanzo, che definirei meglio un racconto lungo, scopriamo la giovinezza del Libanese alle prese con il suo primo tentativo di diventare Re di Roma.
Tentativo che fallirà miseramente, ovvio, perché è ancora un pischello e non ha ancora incontrato il Freddo, sua nemesi naturale.
Ho molto amato Romanzo Criminale, ma questo libercolo si può definire solo in un modo: inutile.
Non approfondisce la psicologia dei personaggi, non illumina zone oscure, non aggiunge nulla. Nulla.
Romanzo Criminale e il suo indotto fa gola, io lo capisco. Ma di questo prequel proprio non avevamo bisogno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
Io sono il Libanese 2012-07-22 19:59:47 Fonta
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
Fonta Opinione inserita da Fonta    22 Luglio, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il mondo é troppo stretto per il Libanese

Questo racconto lungo (perché non riesco a definire un libro, 130 pagine) inizia nell'aria soffocante del carcere di Regina Celi.

Il Libanese é detenuto per una "faccenda d'armi", qui incontra Pasquale o'Miracolo, boss della camorra. Il Libanese vuole diventare Re di Roma, senza predere ordini da nessuno, senza se e senza ma; e questo aggancio potrebbe essere il treno che ha sempre atteso! Ma per entrare nel sistema gli occorrono trecento milioni..

Giada é una "figlia di papà", genitori divorziati e ricchissimi che fanno a gara per non farle mancare nulla di superfluo, lei per reazione frequenta gruppi di sinistra e si dorga! É nel mondo del narcotraffico che conosce il Libanese.
Per il Libanese si aprono le porte dorate che si affacciano sul mondo dei rampolli della Roma bene che giocano a fare i comunisti..una vera miniera d'oro!!!
Non fosse che...Giada é veramente bellissima ed il Libanese perde la testa..

Opera ben scritta e molto scorrevole. Fatti, linguaggio e capitoli diretti e taglienti. É una lettura che non implica piú di un pomeriggio, peché na volta inforcata la prima pagina si legge d'un fiato!

Unico neo il prezzo, 13euro, che per un libro di 130pagine fanno 10cent a pagina..direi non proprio un prezzo amico =) fortuna che esistono le biblioteche, sennó non credo che il gioco varrebbe la candela!

Per il resto un pomeriggio piacevole trascorso in compagnia del Libanese e dei suoi strampalati amici dei quali alcuni saranno protagonisti de "Romanzo Criminale".

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'orizzonte della notte
Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Sua Eccellenza perde un pezzo
Il sale sulla ferita
L'educazione delle farfalle
L'ultimo ospite
La morra cinese
Colpo grosso ai Frigoriferi Milanesi
Colpo di ritorno
Il figlio del mago