La colpa La colpa

La colpa

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Estefan, Martino, Greta: tre anime violate da un’esistenza spietata. Estefan nasconde un segreto inconfessabile, un macabro ricordo d’infanzia che lo perseguita. Qual è la colpa per cui sua madre e suo padre hanno smesso di amarlo? Anche Martino, il suo migliore amico, custodisce un terribile segreto. Il male che condividono li ha resi complici. Il male che condividono li ha uniti in un legame indissolubile. Non si confidano, chiusi in un silenzio che saranno costretti a infrangere solo quando il passato minaccerà di tornare. Finché un giorno la strada di Estefan si incrocia con quella di Greta, una bambina di appena nove anni che ha perso entrambi i genitori. Cresciuta in campagna, circondata da una decadente periferia industriale, vive come prigioniera nella casa del nonno. Il loro incontro, figlio dell’ennesimo episodio violento, sarà il primo passo verso la redenzione.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 7

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.4  (7)
Contenuto 
 
3.7  (7)
Piacevolezza 
 
3.3  (7)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La colpa 2013-07-29 22:24:25 mariaangela
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
mariaangela Opinione inserita da mariaangela    30 Luglio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Perché è la sua bambina primavera.

Non ho ben chiare le sensazioni che questo romanzo mi ha suscitato.
Non è bellissimo, neanche travolgente, poichè ciò che racconta non è certamente nuovo, e anche lo stile, asciutto ed essenziale, mi piace, ma è conosciuto. L’autrice avrebbe potuto dilungarsi in descrizioni inutilmente “pulp”, invece no. Racconta e basta.
La storia è quella dell’infanzia e dell’adolescenza, vissuta troppo rapidamente o troppo lentamente, dipende dai punti di vista, sicuramente troppo in solitudine, dimenticata e anzi volutamente ignorata da chi dovrebbe, almeno all’inizio del difficile cammino della vita, indicarci la strada; e perché no, da lontano essere invisibile occhio, pronto ad intervenire in caso di bisogno, affinché la notte non sia sconvolta da ombre e rumori e mostri da cui dover scappare solo infilando la testa sotto le coperte.
I protagonisti sono tutti ben delineati, li conosci subito, poche righe e sai tutto di loro, dei loro pensieri, delle loro famiglie.
La figura che l’autrice è riuscita perfettamente a rendere nella sua totale alienazione dalla realtà e dagli affetti è la madre di Estefan; in lei è racchiuso tutto il senso del racconto. La Ghinelli riesce naturalmente, senza scrivere particolari accadimenti o soffermarsi troppo sul personaggio, a dimostrare come spesso la famiglia possa essere covo di incubi piuttosto che di sogni, di paure piuttosto che di serenità e tranquillità, di violenza invece che di gentilezza, diffidenza invece che fiducia, indifferenza invece che affetto; non un porto sicuro ma un luogo da cui fuggire sempre. Lei più di tutti, perché totalmente cieca.
E pur tuttavia…amicizia, solidarietà, fiducia, affetto, ci possono salvare. Sempre.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

La colpa 2013-04-28 17:39:13 silvia71
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    28 Aprile, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le ferite invisibili

Ci sono ferite fisiche che parlano da sole.
Ci sono ferite invisibili, laceranti ma silenti; le ferite dell'anima.

Lorenza Ghinelli con grande coraggio scandaglia le sofferenze dell'infanzia, un'età che non tutti i bambini hanno la fortuna di vivere in maniera spensierata e contornata di affetto.
Le storie che si intrecciano in questo romanzo sono irte di spine, bruciano l'anima come tizzoni ardenti, indignano e commuovono senza riserve.
L'autrice utilizza in modo incisivo e senza veli la sua penna per disegnare il mondo dei bambini e quello degli adulti, senza concedere spazi ad alibi per perdonare comportamenti aberranti.

Il mondo di Estefan, Martino e Greta era luminoso e colorato, così come richiede l'infanzia, ma l'avida, la malata, la violenta, la corrotta, l'egoista mano adulta l'ha contaminato, rendendolo un mondo pieno di paura, di odio, di rancore.
Il mondo svuotato e devastato di un bambino diviene il mondo claustrofobico e invivibile di un adolescente e di un adulto; le ferite procurate nel cuore e nella mente di un bambino, grideranno per sempre di dolore. Difficile mettere a tacere un animo calpestato, privato di amore, comprensione e dignità.

Mirabile l'impegno profuso dalla giovane Ghinelli nel parlare di argomenti scottanti, dalla pedofilia alla disgregazione familiare, all'inadeguatezza del mestiere di genitore.
La narrazione non banalizza mai situazioni e stati d'animo, ma delinea con cura lo sfiorarsi e lo scontrarsi del pianeta” infanzia” con quello “età adulta”, mettendo in risalto i numerosi punti di divergenza; intense e profonde le analisi sull'io più segreto del mondo dei piccoli, un mondo che anela ad essere riempito di amore, di gioco, di sole.
Appositamente in questo racconto l'autrice fa albergare tanto buio, tanti fantasmi, tanta notte.
Si coglie forte un monito per il pubblico adulto, affinché possa assumere consapevolezza delle conseguenze del suo agire sui più giovani, su coloro che si apprestano a sbocciare e divenire poi gli adulti del futuro.

Lo stile narrativo della Ghinelli denota già un carattere personale, una predilezione per toni secchi e taglienti, senza togliere il dovuto spazio a momenti di riflessione accompagnati da una penna più morbida e levigata; una voce a tratti ancora acerba nel calibrare il flusso narrativo, tuttavia un'ottima promessa per il nostro panorama letterario.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
La colpa 2013-02-16 13:42:42 patrizia
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da patrizia    16 Febbraio, 2013

troppa crudezza è deleteria

La copertina del libro ha colpito la mia curiosità ed anche il fatto che fosse scritto da un'autrice italiana mi hanno indotta alla lettura del romanzo. I temi sono decisamente attuali ma la loro descrizione così cruda e crudele non mi hanno fatto amare questo libro così pure le parti oniriche e piene di confusione.
Il debole filo di speranza riscatta la sostanza del libro solo alla fine. Lo stile dell'autrice non mi piace per cui penso che rimarrà l'unico suo libro presente nella mia libreria. Patrizia

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
La colpa 2013-01-16 15:38:25 gattina.mm
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
gattina.mm Opinione inserita da gattina.mm    16 Gennaio, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Duro ma bellissimo!

Questo libro mi e' piaciuto davvero tanto. Forse perché l' autrice riesce a farmi sentire dentro i sentimenti, il dolore, l' Angoscia dei protagonisti, figli di un' infanzia violata.
Forse perché lo stile, elettrico, bruciante, non lascia tregua.
Forse perché e' un pugno nello stomaco ...
Ma un libro e' bello, tanto quanto riesce a coinvolgerti e i personaggi a catturarti con le loro emozioni, di gioia o dolore che siano.
Non sono riuscita a staccarmene. Stupendo!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
La colpa 2012-12-13 10:17:52 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    13 Dicembre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fuori dal tunnel

All'inizio il romanzo della Ghinelli ti confonde, ti senti come Alice che precipita nella voragine sotto l'albero per inseguire Bianconiglio, infatti è nella testa di un bambino traumatizzato che ci ritroviamo, il bambino si chiama Estefan ed è terrorizzato da "Cartoon Killer" , finisce pure lui in un buco quello dello scivolo del parco giochi, alla fine si sveglia dall'incubo, mamma lo chiama , lo riporta alla realtà per certi aspetti più brutale del sogno, perchè è un mondo anaffettivo e sordo ad ogni richiesta d'aiuto. A diciotto anni Estefan,il bambino che abbiamo conosciuto nei primi capitoli, è diventato un ragazzo di quelli arrabbiati con il mondo e soprattutto con i genitori, condivide questo astio con Martino,il suo miglior amico,anche lui da ragazzino è stato investito dalla realtà come un passante sulle strisce pedonali da un pirata,la violenza degli adulti gli è entrata nelle carni ed ha lasciato un marchio infamante dentro di lui.Infine c'è Greta bambina sopravvissuta alla giovane madre morta di overdose che vive con i nonni in campagna, sarà lei , la più piccola dei tre, la ciambella di salvataggio che impedirà a questi naufraghi di affogare nella violenza e nei sensi di colpa. "La colpa" è un romanzo complesso e originale descrive giovani vite ma parla agli adulti ,all'inizio graffia e ferisce, poi qualcosa cambia, sono le emozioni che ti aiutano ad uscire dalle forre infernali dove la violenza degli adulti ti precipita, sono puntelli d'acciao ,l' amore,l' amicizia, l'affetto etc, li inchiodi lungo la parete con ostinata determinazione ed alla fine sei fuori dal precipizio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
La colpa 2012-10-21 05:37:15 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    21 Ottobre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"La colpa" di Lorenza Ghinelli - Il commento di Br

Romanzo finalista al premio Strega 2012, narra le vicende – tre, che si intersecano - di “cuccioli” d’uomo alle prese con il senso di colpa.
Estefan e Martino sono amici ed entrambi nascondono, con comportamenti ‘duri’ soltanto nell’apparenza, storie infantili di sofferenza e solitudine. Storie che hanno colonne sonore rock: i Clash, che scatenano in Martino inspiegabili reazioni violente; il “Duca Bianco” che con i suoi “Heroes” musica le galoppate mentali di Estefan.
La colpa di Estefan si manifesta negli incubi (“un bucovoragine che spaventa, stravolge e rovescia il reale in fenditure di orrore che cola, colora e rassicura”): il ragazzo ha visioni, è perseguitato dalle immagini (i “cani neri”) e cade continuamente nella trappola del “gioco dei se”. “Opporsi è impossibile, come risalire senza forze una corrente violenta. Cerca di ancorarsi al reale … introflesso nel Gioco del Se, il più brutto lercio gioco in cui poteva cadere.” E si attacca alle frasi: “Non sono poesie. Mi servono solo a non precipitare nei buchi.”
“Tanto a Estefan non gli importa di niente, si scortica con le frequenze distorte del reale mentre cerca di sorridere, di essere quello di sempre, di non destare sospetto. Saprebbe rispondere a zero domande.”
La colpa di Martino: “Per la prima volta Martino pensa che sua madre è stupida, che suo zio è cattivo e che lui è sbagliato. Tre pensieri bomba.”
Il nemico di entrambi? È l’Angoscia con la A maiuscola: “ora quello di cui ha bisogno è un piano ben congegnato per aggirare l’Angoscia.”
La terza protagonista è una bambina, Greta: sua madre è morta nel partorirla (“Greta è nata presto. Greta è nata male. Greta è nata sola”).
La terapia – sembra dirci l’autrice – consiste nel comunicare, non necessariamente a livello verbale. Terapeutico è un incontro (“nella stalla se ne sta tutto fiero col fieno in bocca, e rumina proprio in faccia a Perla”), il contatto con la natura (“E s’incamminano, due figure spettinate e vulnerabili nella notte, due folletti dissennati, e bellissimi”), il rapporto carnale con gli animali: tra i cattivi odori, nello sporco e nel fango. Terapeutica è una parola: “fatalità” (“Vuol dire che una cosa succede e basta, e non ci puoi far niente … Ti dispiace da morire che sia successa e avresti fatto qualunque cosa perché non succedesse”).
Lorenza Ghinelli ha scritto un romanzo destinato a rimanere nell’intimità di chi lo legge. Una storia che ti prende dall’interno, ti fa soffrire insieme ai giovani interpreti del dolore umano, ti fa sentire “in colpa” come adulto e, se lo sei, come genitore. Un romanzo ‘forte’, con alcuni passaggi ai limiti della sostenibilità umana. Per lo meno, quella di …

… Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Freud. Ma anche a chi non l'ha letto.
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
La colpa 2012-09-13 13:39:57 Ehrnaider
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ehrnaider Opinione inserita da Ehrnaider    13 Settembre, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

La Colpa

Non sapevo bene che cosa aspettarmi da questo libro però devo dire che mi è piaciuto, tranne per alcuni dettagli che analizzeremo dopo. La scrittura della Ghinelli mi è piaciuta, infatti grazie a essa il lettore viene preso dal libro e non riesce più a liberarsene; inoltre il libro diventa scorrevole e per niente noioso.

I protagonisti principali che troviamo sono tre: Greta, Estefan e Martino. Si conosceranno a "coppie", infatti all'inizio del romanzo solo Estefan e Martino si conoscono mentre, andando avanti con il racconto, ci sarà un'amicizia anche tra Greta e Estefan. La storia che secondo me è stata fatta meglio è quella di Estefan: personalmente l'ho trovata particolare, avvincente e ben costruita; anche la storia di Greta mi è piaciuta anche se poteva essere approfondita di più; per quanto riguarda la storia di Martino invece devo dire che non mi è piaciuta semplicemente perchè l'ho trovata troppo "surreale" in alcuni punti. Secondo me era buona l'idea di un terzo personaggio però doveva essere fatta meglio la sua "storia" e magari gestire meglio l'incontro e "l'amicizia" tra Martino e Greta che sembra non esistere.
Il finale mi è piaciuto molto, ti lascia stranito e con alcuni interrogativi (direi che è a doppia faccia, aperto e chiuso) e, secondo me, perfetto per questo libro!!

Complessivamente il libro mi è piaciuto e lo consiglierei anche se tratta alcuni argomenti un po' "pesanti". Leggerò sicuramente il suo libro di esordio, ovvero il Divoratore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri