La pista di sabbia La pista di sabbia

La pista di sabbia

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Un romanzo di amazzoni e di allevatori di cavalli purosangue, ambientato tra scuderie e maneggi, ippodromi e piste: tra corse clandestine e corse di beneficenza. Un mondo nuovo sorprende e spiazza il commissario Montalbano. Una società che strepita a vuoto, su quella linea logora che a stento separa un vestibolo di ignavi dall’«inferno» della vecchia e della nuova mafia. Ma se i «cattivi» di Dante erano «stimolati molto» da «mosconi» e «vespe», questi lunatici circensi spiaccicano sulle loro gote nugoli di moscerini. Tutto ruota attorno alla carcassa rapita di un cavallo da corsa. E a un cadavere trovato seminudo, con un proiettile in corpo, buttato al sole e ai cani. Due romanzi si chiudono l’un dentro l’altro. Le piste si intrecciano e si confondono.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.3  (6)
Contenuto 
 
3.5  (6)
Piacevolezza 
 
4.2  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La pista di sabbia 2015-04-08 17:22:02 Sydbar
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Sydbar Opinione inserita da Sydbar    08 Aprile, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bello ma si può dare di più

Montalbano, Salvo Montalbano, che fine ha fatto la tua memoria?
Perdiamo un po' di colpi davvero!!!
Mi viene molto da ridere ma Camilleri in questo ennesimo episodio prende in giro molto il nostro protagonista, povero Salvo, ti prendono un po' come uomo oggetto, ti fanno apparire invecchiato, ti danno sempre meno tempo per mangiare...insomma che vita di m..da!!!
Una morte insolita, un cavallo sulla spiaggia sotto la casa del nostro commissario, e che morte orrenda, ucciso a bastonate.
Montalbano si prende a cuore questo caso e cerca di arrivarci fino in fondo, potrà non morire nessun altro?? Assolutamente, di qui in poi non vi racconto altro perchè l'opera è davvero interessante anche se mi aspettavo qualcosa di più creativo, non che non lo sia anche così.
Ancora una volta il protagonista ha grossi problemi con la sua "amata" Livia, chissà che non si mollino una buona volta. Perchè a noi lettori piacerebbe più Ingrid, ormai amica fidata del cuore di Salvuzzo.
Camilleri sempre geniale e sempre più profondo nei confronti di un Montalbano che è sempre più umano. Bello ma in effetti la storia poteva dare di più.
Buona lettura a tutti.
Il Syd

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I precedenti Montalbano
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
La pista di sabbia 2013-01-18 00:39:11 antares8710
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
antares8710 Opinione inserita da antares8710    18 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Viaggio nel mondo delle corse clandestine

Tutto inizia con un cavallo morto ritrovato dallo stesso commissario nella spiaggia vicino casa sua. Ma prima che potesse chiamare i suoi colleghi per la rimozione, il cavallo viene misteriosamente rimosso da alcuni sconosciuti. Che senso ha uccidere un cavallo, trascinarlo in spiaggia (per giunta sotto la casa di un commissario) per poi farlo sparire da sotto il naso dei poliziotti? Se fosse un avvertimento diretto allo stesso Montalbano? Queste sono le prime domande a cui il nostro amato eroe dovrà cercare di dare una risposta. Da lì il commissario comincerà a penetrare i misteri e i segreti di un mondo che non conosce, quello delle corse clandestine, della nobiltà, dei nuovi arricchiti e di una mafia diversa da quella antica.
In questa sua avventura Montalbano verrà "accompagnato" da due donne, Ingrid e Rachele, che piano piano occuperanno la sua vita, facendogli sentire Livia sempre più distante...

Le capacità descrittive di Camilleri, a noi amanti della sua scrittura, sono ben note: i paesaggi di quella meravigliosa regione che è la Sicilia sembrano magicamente prendere forma sotto i nostri occhi e ci sembra quasi di sentirne gli odori e udire il suono del mare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
La pista di sabbia 2012-06-03 16:31:31 enricocaramuscio
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    03 Giugno, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Inconfondibile Camilleri

Un’immensa distesa d’erba, un inutile cancello, una donna che sembra essere Livia ma Livia non è e che ad un tratto si trasforma in cavallo. Da questo sogno bislacco parte un complicato caso che vede coinvolto il commissario Salvo Montalbano. Questi al suo risveglio trova il cadavere di un cavallo barbaramente massacrato sotto la finestra di casa sua. Sarà l’inizio di una tortuosa indagine che lo porterà nel mondo delle corse, sia clandestine che di beneficienza, che vedrà coinvolti personaggi di diverso lignaggio e che, dopo vari colpi di scena si concluderà grazie al proverbiale intuito del nostro eroe aiutato però stavolta da un altro sogno bizzarro che lo riporterà sulla pista (di sabbia) giusta. Ma Montalbano sembra dare i primi segni di invecchiamento, comincia a non vederci tanto bene, a dimenticare cose importanti, a non riuscire a resistere a certe tentazioni. Una stanchezza che sembra riversarsi anche su una trama poco brillante e coinvolgente, ma che non guasta del tutto un libro comunque consigliato per lo stile inconfondibile del maestro Camilleri, per l’immancabile ironia e la solita simpatia dei personaggi e per il consueto ritratto di una terra straordinaria come la Sicilia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
La pista di sabbia 2010-08-05 16:51:00 chicca
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
chicca Opinione inserita da chicca    05 Agosto, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

la pista di sabbia

In questo romanzo Montalbano si trova alle prese con l'organizzazione di corse clandestine, con l'uccisione di un cavallo e con il ritrovamento di un cadavere. Salvo sente sempre di più la paura d'invecchiare, scopre di non vedere più come una volta, teme di essere costretto ad indossare degli occhiali da vista proprio come accade al suo vice Mimì Augello. Inoltre cede alle avance della bella Rachele, d'altronde Livia è sempre più lontana e ogni telefonata tra loro finisce a " schifio". Imperdibile per gli amanti di Montalbano, più per le vicende private che per l'indagine.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
montalbano
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
La pista di sabbia 2008-03-10 09:30:22 Mara
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mara Opinione inserita da Mara    10 Marzo, 2008
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sarà quel che sarà...

Sarà che adoro Camilleri, sarà che le sue descrizioni sono così realistiche che sembra di sentire odore e sapori, sarà che mi piace la Sicilia, sarà quel che sarà:)... ma i libri del Maestro non mi deludono mai (o quasi) e questo non fa eccezione. Un Montalbano alle prese con le sue fragilità e tormentato da un amletico dubbio: cedere o non cedere alla necessità di indossare gli occhiali da vista?:) Buona lettura:)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
La pista di sabbia 2007-11-01 22:50:49 paola brivio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da paola brivio    02 Novembre, 2007

prima recensione

Piacevole, molto scorrevole e da leggere tutto di un fiato. Il Commissario Montalbano vanta esperienza e intuito geniali per scoprire intrighi e colpevoli, ma alla fine è un uomo, non piu' giovane e sempre lontano dalla sua Livia. Cade anche lui nel tranello di una giovane e bella donna che lo farà sentire ancora un ragazzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Sicuramente gradevole lettura per chi ama il genere "Montalbano" , commissario fuori dai canoni abituato a districarsi da una non facile realtà siciliana.
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La Svedese
Un volo per Sara
Undici morti non bastano
Una stella senza luce
Il tessitore
Il gigante e la Madonnina
Terrarossa
Se son rose moriranno
Rancore
Racconti sull'innominabile
Una piccola questione di cuore
Vivi nascosto
Diritto di sangue
Il Francese
Mente oscura
Paesaggio con ombre