Mal'aria Mal'aria

Mal'aria

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Il giovane ispettore Carlo Rambelli viene mandato d'urgenza in una zona a sud del Delta del Po. La sua missione è quella di capire - per conto della Sanità e del nuovo Regime, siamo nel 1925 - come mai nella zona si registrano picchi altissimi di mortalità infantile. L'indagine non è facile: sul posto si muovono, ciascuno con i propri interessi, le "camicie nere" locali, i grandi proprietari terrieri padroni delle risaie, e i poveri contadini. Come se non bastasse, tutti sembrano rispettare la consegna del silenzio. Come una nebbia, questo tacere ostinato copre il paesaggio e le coscienze delle persone, e i segreti inconfessabili che vi si annidano, impedendo a Carlo di tornare a Roma con un rapporto esauriente, e mettendo in pericolo la sua stessa vita.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
4.3  (3)
Piacevolezza 
 
4.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Mal'aria 2016-05-27 19:38:08 Antonella76
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    27 Mag, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La mal'aria uccide molto di più della malaria!



...Dove si vive con difficoltà, si muore con molta facilità.
...Ed è necessario che qualcuno muoia, affinché gli altri vivano.
...Perché la "mal'aria" uccide molto di più della malaria.

Ho appena girato l'ultima pagina del romanzo e non so davvero quali parole usare per dire quanto questo libro mi abbia fatto male e lasciato addosso una rabbia e un furore senza fine.
Una storia crudele, nera, piena di malvagità...
Ma il finale, il finale è ciò che veramente ti uccide dentro.
Siamo in Italia, nel 1925, e Carlo Rambelli, ispettore del Ministero della Sanità di Roma, riceve l'incarico di indagare su una sospetta ed eccessiva mortalità infantile nella provincia di Ravenna...perché "LUI in persona" vuole vederci chiaro.
Qui ci imbattiamo in risaie, zone paludose, nebbia, zanzare, febbre, malaria, fattucchiere, bambini che parlano con i morti...interi paesini abitati da uomini, donne e bambini costretti a vivere e lavorare in condizioni indecenti (anche per l'epoca).
Ma soprattutto ci imbattiamo nelle superstizioni che si tramandano di generezione in generazione, nell'ignoranza, nella paura della povera gente che non ha i mezzi per combattere i soprusi di chi esercita il potere.
Per chi ci credeva c'era la "borda", entità, presenza malvagia della palude che si cibava di anime innocenti ed era pronta a contagiare tutto e tutti con il suo alito infetto...per chi non ci credeva, invece, c'era solo l'arroganza, la cattiveria e la crudeltà di pochi uomini con l'anima sporca, sudicia, nera...come il colore della camicia che portavano addosso con tanta fierezza.
Non sono una sostenitrice dell' "happy ending" per carità, ma questo romanzo noir, gotico rurale, ti toglie davvero ogni speranza.
Non conoscevo Eraldo Baldini...
Adesso so quanto sia capace di farmi soffrire e continuerò a leggerlo (eccome se lo farò), ma con la consapevolezza di ricevere pugni nello stomaco di una certa portata.
Stavolta ero indifesa...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Mal'aria 2014-11-27 14:06:51 silvia71
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    27 Novembre, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non solo malaria

Intorno agli anni Venti del secolo scorso, nelle terre comprese tra il ravennate ed il ferrarese si moriva di malaria e di febbri terzane, si viveva infradiciandosi le ossa nelle risaie e raccogliendo negli stagni canne, giunchi e canapa.
Si viveva in umili bicocche o in capanne, ci si accoccolava su un pagliericcio fradicio di umidità, si divideva un pugno di polenta tra tante bocche.
Una natura ostile, un paesaggio che in inverno si avvolge nelle nebbie e nei vapori dei canali, un'aria densa che ti entra nella viscere.
Un paesaggio animato da spiriti, una terra con cui gli abitanti hanno imparato a convivere, percependone i battiti.

Eraldo Baldini tratteggia in poche pagine un quadro splendido, rappresentando un territorio difficile ed una schiera di uomini e donne incatenati alle radici di un mondo scandito dai suoi ritmi, dalle sue tradizioni, dalle sue usanze e credenze.
Sono povere anime quelle fotografate dall'autore, persone veraci intrappolate in una vita di estrema durezza, flagellati nel corpo e oppressi dai soprusi dei potenti, siano essi proprietari terrieri o squadristi che possiedono poteri di vita e di morte nell'epoca di cui si narra.

Un lavoro magistrale per l'accuratezza della ricostruzione grazie alla quale quel disagio e quella sofferenza bloccano il respiro anche al lettore; un panorama grigio e fumoso, dove sembrano materializzarsi gli spiriti maligni dipinti dalla tradizione popolare, pronti a chiamare a sé chiunque calpesti quelle terre melmose.
Eppoi, come se non bastasse, alla natura infausta si associa la crudeltà umana, l'egoismo ed il cinismo.

Una lettura forte, di ottimo spessore per ricordare luoghi e tempi passati.
Una scrittura nitida a cui non servono artifizi letterari per far esplodere tutto il suo contenuto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mal'aria 2014-06-05 13:50:26 Donnie*Darko
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Donnie*Darko Opinione inserita da Donnie*Darko    05 Giugno, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non entrate in quella palude

Tra Ravenna e Ferrara, a sud del Delta del Po, c'è un luogo in cui la mortalità infantile è elevatissima. E' il 1925, ad indagare viene inviato Carlo Rambelli, un ispettore della sanità originario di quei luoghi in cui la vita è ancora scandita dai ritmi inalterati di una natura dal fascino ambiguo, complice di oscuri segreti che la gente del posto è determinata a tenere celati.
L'orrore è seppellito dalla fitta nebbia, oppure nell'acqua stagnante degli acquitrini dove le zanzare pullulano, confuso tra i versi di vecchie e paurose filastrocche che mettono in guardia riguardo la "Borda", un essere del quale è saggio aver timore.
L'ambientazione è incisiva in un romanzo che non lascia tregua, in cui la leggenda tenebrosa, la storiella tramandata di generazione in generazione, si mescolano con un presente sempre più coercitivo, in cui il potere del regime comincia a far sentire il suo peso attraverso uomini indottrinati a dovere e cresciuti nella più becera ignoranza. I luoghi sono palesemente ostili, pervasi da un sentore malsano (la mal'aria del titolo, non solo quindi da intendersi come la nota malattia); la situazione è sin da subito minacciosa, quasi claustrofobica, mentre ostacoli di problematico abbattimento rendono faticosa la ricerca della verità. Il livello ansiogeno si innalza col procedere della lettura sino ad un epilogo indimenticabile, crudele e di una durezza ostica da digerire.
Semplici ma ben delineati i personaggi disposti come un puzzle macabro intorno al protagonista: su tutti spiccano l'avvenente contadina Elsa e il cane del padrone, ovvero la camicia nera Bellenghi, elementi distanti ma inequivocabili simboli di un microcosmo chiuso e retrogrado.
In poco più di 150 pagine Baldini crea una realtà atavica e spaventosa, commuove e avvince, spaventa con atmosfere soffocanti immerse in un paesaggio di intenzionale isolamento, naturale sepolcro di non detti che debbono restare tali.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri