Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Un caso speciale per la ghostwriter
 

Un caso speciale per la ghostwriter Un caso speciale per la ghostwriter

Un caso speciale per la ghostwriter

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Per Vani le parole sono importanti. Dal modo in cui una persona le pronuncia, dalla scelta di un termine, riesce ad intuire le abitudini o le manie di chi le ha usate. In questo è una maestra perché Vani è una ghostwriter. Da anni entra in empatia con gli scrittori e riempie le loro pagine bianche di storie, articoli, saggi che sembrano nati dalla loro penna. Una capacità innata che l'ha fatta entrare nel mondo editoriale. Per questo deve ringraziare anche chi per primo ha capito la sua bravura: Enrico, il suo capo. Non sempre si trovano d'accordo, ma Vani gli deve molto. Ecco perché, anche se non vorrebbe mai ammetterlo a sé stessa, ora è preoccupata per lui. Da quando si è lasciato sfuggire un lavoro importantissimo è sparito: non risponde alle chiamate, non va agli appuntamenti e nessuno sa dove sia. Vani può però contare sull'aiuto di Berganza, l'affascinante commissario che ha sempre un libro giallo in mano e a cui è sempre più legata. Insieme si mettono sulle tracce di Enrico. Tracce che li portano in circoli letterari e incontri di lettura dove si parla di Lewis Carroll, Stephen King e Arthur Conan Doyle. Tappa dopo tappa Vani e il detective scoprono segreti del passato dell'uomo che non avrebbero mai immaginato. E soprattutto capiscono che Enrico ha bisogno del loro aiuto, ora più che mai.

Recensione della Redazione QLibri

 
Un caso speciale per la ghostwriter 2019-05-12 16:04:18 Chiara77
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Chiara77 Opinione inserita da Chiara77    12 Mag, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le cose cambiano

Quinto capitolo di avventure per la ghostwriter Vani Sarca.
Enrico Fuschi, antipatico ed insopportabile editore capo delle prestigiose Edizioni l'Erica, è scomparso. Vani, il commissario Berganza, Riccardo, la storica segretaria di Enrico, Antonia, e l'improbabile redattrice ancora in fase di stage, Olga, sono preoccupati da morire. Vani, in particolare, è scossa dal senso di colpa. Enrico si sarà suicidato? Ma dove sarà andato a finire? Fra una falsa pista ed un'intuizione geniale, Vani e Berganza intraprenderanno una informale ma serratissima caccia alla persona scomparsa, che li porterà fino a Londra e poi nelle Langhe, ma soprattutto li condurrà a scoprire le motivazioni passate che hanno spinto Enrico a diventare quello che è, ossia una persona estremamente antipatica ed insopportabile ma capace di compiere gesti di generosità e bontà.
Alice Basso costruisce quest'ultimo romanzo della serie facendo funzionare magistralmente il meccanismo che combina ironia e suspense, che è stato alla base di tutta la serie con protagonista la ghostwriter Vani Sarca. Mentre però leggendo il romanzo precedente, “La scrittrice del mistero”, avevo avuto qualche perplessità rispetto al modo in cui nella storia principale veniva ad essere inserito il giallo, stavolta mi è sembrato che tutto si incastrasse in modo perfetto. Quest'ultimo romanzo mi ha convinta pienamente, l'enigma da risolvere invoglia la lettura e nello stesso tempo fa un affondo significativo nella vita di uno dei personaggi principali della narrazione. Il lettore è coinvolto, è tenuto col fiato sospeso, vuole sapere come andrà a finire e intanto si lascia intrattenere dalla prosa brillante e squisitamente ironica di Alice Basso. Se siete alla ricerca di un thriller o di un giallo intricato e dalle atmosfere noir però tenetevene alla larga, perché una delle caratteristiche principali di questo romanzo è l'umorismo.
Ormai Vani non è più quella di un tempo, quella che si lasciava scivolare tutto addosso, l'asociale alla quale non importava (almeno apparentemente) di niente e di nessuno. L'abbiamo seguita nel corso di questi romanzi e l'abbiamo vista intessere relazioni importanti. Ha trovato il vero amore dopo una brutta delusione, ha trovato dei veri amici. Ha formato ciò che può essere chiamato “famiglia”, anche se non con i suoi consanguinei – eccetto sua sorella Lara, con la quale ha ritrovato un certo legame. Adesso è il momento di cambiare, di evolvere: nella vita, come nei romanzi d'avventura, le cose cambiano. A volte il cambiamento fa soffrire, non ci piace, ci mette a terra, ma bisogna imparare ad accettarlo e affrontarlo senza eccessiva paura, cavalcando l'onda e non facendocene sommergere, soltanto così la trasformazione può essere positiva e portarsi dietro bellissime novità.
Un romanzo da leggere tutto d'un fiato, capace di far trascorrere delle ore piacevolissime fra risate e una genuina voglia di sapere come si concluderà la vicenda. A impreziosirlo agli occhi di un appassionato di letteratura, il fatto che sia anche un libro che parla di libri in modo colto, brillante e divertente. Ci mancherai, Vani Sarca!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ha letto i precedenti romanzi della serie.
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Un caso speciale per la ghostwriter 2019-05-10 12:14:33 Mian88
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    10 Mag, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Enrico dove sei?

In questo maggio meteorologicamente ballerino Alice Basso torna in libreria con il quinto capitolo dedicato alle avventure di Vani Sarca, la ghostwriter e investigatrice più eclettica e amata del momento. Questa volta le doti della nostra eroina saranno impiegate per la ricerca di una persona scomparsa a lei molto vicina: Enrico Fuschi. Eh sì, perché il capo delle prestigiose Edizioni L’Erica, circa dieci giorni prima dei fatti attualmente narrati ha fatto un qualcosa (che non preannuncio onde evitare spoiler per chi ancora non avesse avuto modo di leggere il volume precedente) che non permetterà più alla scrittrice di appellarlo quale uomo dalla stronzosità mastodontica, dalle scelte editoriali alquanto discutibili nonché individuo fatto della stessa sostanza di cui sono fatti i registratori di cassa, perché, semplicemente, Fuschi ha rinunciato a un affare milionario e lo ha fatto proprio ed esclusivamente per la sua protetta, per non distruggerle la vita. Il consiglio d’amministrazione della casa editrice non ha preso bene questa decisione ed Enrico ha ben pensato di uscire di scena sparendo nel nulla (e sotto il naso della trentaquattrenne romanziera fantasma e del commissario Berganza), così come se nulla fosse, in maniche di camicia, senza giacca, chiavi, telefono o portafogli. Ha imboccato la porta di casa e da quel momento nessuno lo ha più visto e/o ha saputo nulla di lui. A questa prima storia, se ne contrappone una seconda che ha inizio nel ’92 e che ha come protagonisti una giovane ragazza dalle treccine bicolore e un ragazzo avvezzo alla lettura ma affatto educato ad essa.
Con grande maestria la Basso tesserà e intreccerà le fila di entrambe evolvendone le rispettive trame onde giungere ad un epilogo godibilissimo e a doppia interpretazione perché rappresenta una svolta per tutti i protagonisti presenti all’interno della saga, in senso positivo o negativo. Può tradursi in un finale che effettivamente conclude la serie o in un finale che costituisce un giro di boa, un cambio di rotta verso un nuovo spartito e un nuovo registro narrativo. Questo, però, lo scopriremo solo con il tempo e dipenderà in gran parte dalla fantasia della milanese e della sua voglia di continuare a scrivere o meno su questa già intessuta e sfruttata pentalogia. Per ora non possiamo far altro che goderci questo episodio con tutte le sfaccettature, i colpi di scena e le risate che la sua inconfondibile penna sa regalarci.
“Un caso speciale per la ghostwriter” è un romanzo gradibilissimo, ben costruito, solido, curioso, magnetico, avvalorato da quello stile narrativo e da quei personaggi che è sempre un piacere ritrovare. Una riconferma.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stelle minori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il cuoco dell'Alcyon
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Tutto sarà perfetto
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bugie e altri racconti morali
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ninfa dormiente
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La scuola
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al Tayar
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Delitti senza castigo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Persone normali
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel silenzio delle nostre parole
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
L'estate dell'innocenza
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri