Antigone Antigone

Antigone

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Antigone è una donna fiera e combattiva, che di fronte a un dolore che la sovrasta e a una legge che reputa ingiusta sceglie di non sottostare all'editto del Legislatore. Per amore del fratello Polinice, è disposta a muoversi continuamente dal mondo dei vivi a quello dei morti, consapevole di dover pagare le terribili conseguenze che questa decisione comporterà. La tragedia di Sofocle rivive in un testo teatrale attualissimo e appassionato, che si interroga sul libero arbitrio, l'eutanasia, l'incerto confine tra legge della natura e legge dell'uomo, la detenzione nelle carceri, il suicidio come atto consapevole.



Recensione della Redazione QLibri

 
Antigone 2012-11-06 11:20:37 pinco
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
pinco Opinione inserita da pinco    06 Novembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Antigone

Ammetto che ho aspettato diversi giorni, prima di iniziarlo: essendo un testo teatrale, temevo che non mi coinvolgesse.
Come mi sbagliavo...
Finito in meno di un paio d'ore, ha saputo conquistarmi come pochi!

Antigone, dramma tebano di Sofocle, come "Edipo re" e "Edipo a Colono", viene rivisitato in chiave moderna, ma non nella forma, bensì nei contenuti.
L'autrice mantiene la struttura: prologo, parodo, episodi, statismi ed esodo. Tuttavia, nell'opera originale, Antigone sfida l'autorità per dare degna sepoltura al fratello Polinice, morto in una guerra fraticida con Eteocle. La volontà del re, infatti è che si celebri soltanto quest'ultimo.
In questa rilettura, Polinice giace in coma, ed è mantenuto in vita artificialmente. Dalla sepoltura, ci si sposta all'eutanasia. Il re diventa Legislatore. La ribellione di Antigone sfida le leggi umane, mettendo in discussione la linea sottile che separa la vita dalla morte.

Temi molto delicati, trattati in modo mirabile. Un'opera che si è rivelata una vera chicca.
Ringrazio la Redazione per avermi dato la possibilità di assaporare questo testo, che ha già trovato un posto d'onore nella mia libreria.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Antigone 2016-01-27 10:22:23 Lady Libro
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    27 Gennaio, 2016
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Morte e modernità

Le rivisitazioni contemporanee di opere del passato nella maggior parte dei casi fanno storcere il naso.
Ma non con questa "Antigone". Non con Valeria Parrella.
Con un linguaggio moderno e semplice insieme, l'autrice restituisce tutta quanta la bellezza e l'intensità dell'opera sofoclea, oserei dire perfino superandola. Si attiene ai contenuti e alle parole del tragediografo greco ma facendoli propri, trasfigurandoli in aulica poesia e sentito dramma interiore.
Sarebbe erroneo dire che la svecchia, quanto più giusto affermare che la retorica della Parrella cerca di attrarre i lettori verso i suoi contenuti tramite una profonda empatia fusa in un problema d'attualità: il diritto di praticare l'eutanasia. Metafora della sepoltura negata della tragedia ellenica.
La solitudine dell'eroina nella meditazione e compimento di quell'atto nei confronti del fratello Polinice in stato vegetativo, la sua determinazione, sofferenza e mancanza di paura e rimpianto per le conseguenze che sa perfettamente che ci saranno per opera di una legge che ritiene ingiusta, lo scontro con il freddo e integerrimo zio legislatore, il conflitto tra amore e dovere... Tutto ciò cambiato e al tempo stesso riportato con fedeltà.
Proprio come l'Antigone sofoclea, anche questa Antigone sa esattamente cosa deve fare e cosa è giusto e sbagliato e ci invita a riflettere e a fare lo stesso. A porci dubbi, domande non facilmente risolvibili, in un mondo continuamente conteso tra morale personale e collettiva, tra cuore e legge.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Antigone 2013-04-15 03:20:00 Bruno Elpis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    15 Aprile, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Elpi-logo n. 2

I recenti risultati elettorali hanno prodotto un’ingovernabilità che lascia sgomenti e preoccupati i cittadini italiani. La situazione politica aggrava la terribile crisi economica che ci assedia e il tema della riforma della legge elettorale si ripropone più attuale che mai. Alcuni tragici episodi (come suicidi più o meno plateali di persone disperate) sono la spia di un malessere profondo e collettivo.
Gli italiani assistono esterrefatti alla sordità di politici inconcludenti, impegnati nei loro giochi di potere e nel risiko delle poltrone, rilevando quanto siano distanti i bisogni reali da un lato, le leggi dello stato e gli interessi della casta dall’altro.
Molti secoli fa, nel V secolo avanti Cristo, la tragedia greca di Sofocle rappresentò - in modo esemplare e con potenza scenica - il conflitto tra legge morale (divina o interiore che sia) e legge dello stato attraverso la figura di Antigone. L’eroina greca decide di dare sepoltura al cadavere del fratello Polinice, trasgredendo il divieto imposto dal nuovo re di Tebe, Creonte e per questo viene imprigionata in una grotta. Dopo le profezie dell’indovino Tiresia e le suppliche del coro, Creonte decide di liberare Antigone: ma è troppo tardi, si è impiccata. Causando a sua volta una catena di suicidi (quello di Emone, figlio di Creonte e promesso sposo di Antigone; quello di Euridice, moglie di Creonte).
Il mito di Antigone è stato ripreso in diverse epoche, di volta in volta adattato come metafora da riferire alla situazione storica del momento (ad esempio l’Antigone del drammaturgo francese Jean Anouilh fu composta durante l'occupazione nazista e viene letta come appello all'insurrezione contro l'occupante; nel conflitto fra Antigone e Creonte, viene intesa come dialettica fra gli ideali della resistenza francese e le ragioni del collaborazionismo).
E adesso, nella tragedia italiana, chi ci prova ad adattare l’Antigone alla situazione dei nostri giorni?

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... altre versioni dell'Antigone. A chi apprezza le opere classiche in generale e la tragedia greca in particolare.
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita