Dettagli Recensione

 
Antigone
 
Antigone 2013-04-15 03:20:00 Bruno Elpis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    15 Aprile, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Elpi-logo n. 2

I recenti risultati elettorali hanno prodotto un’ingovernabilità che lascia sgomenti e preoccupati i cittadini italiani. La situazione politica aggrava la terribile crisi economica che ci assedia e il tema della riforma della legge elettorale si ripropone più attuale che mai. Alcuni tragici episodi (come suicidi più o meno plateali di persone disperate) sono la spia di un malessere profondo e collettivo.
Gli italiani assistono esterrefatti alla sordità di politici inconcludenti, impegnati nei loro giochi di potere e nel risiko delle poltrone, rilevando quanto siano distanti i bisogni reali da un lato, le leggi dello stato e gli interessi della casta dall’altro.
Molti secoli fa, nel V secolo avanti Cristo, la tragedia greca di Sofocle rappresentò - in modo esemplare e con potenza scenica - il conflitto tra legge morale (divina o interiore che sia) e legge dello stato attraverso la figura di Antigone. L’eroina greca decide di dare sepoltura al cadavere del fratello Polinice, trasgredendo il divieto imposto dal nuovo re di Tebe, Creonte e per questo viene imprigionata in una grotta. Dopo le profezie dell’indovino Tiresia e le suppliche del coro, Creonte decide di liberare Antigone: ma è troppo tardi, si è impiccata. Causando a sua volta una catena di suicidi (quello di Emone, figlio di Creonte e promesso sposo di Antigone; quello di Euridice, moglie di Creonte).
Il mito di Antigone è stato ripreso in diverse epoche, di volta in volta adattato come metafora da riferire alla situazione storica del momento (ad esempio l’Antigone del drammaturgo francese Jean Anouilh fu composta durante l'occupazione nazista e viene letta come appello all'insurrezione contro l'occupante; nel conflitto fra Antigone e Creonte, viene intesa come dialettica fra gli ideali della resistenza francese e le ragioni del collaborazionismo).
E adesso, nella tragedia italiana, chi ci prova ad adattare l’Antigone alla situazione dei nostri giorni?

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... altre versioni dell'Antigone. A chi apprezza le opere classiche in generale e la tragedia greca in particolare.
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Tema scottante e attuale...una curiosità: io non ti so rispondere alla tua domanda finale...tu hai un'idea?...come adatteresti ora la metafora?
Bravo Bruno!
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Chiudi gli occhi, Nina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio