Gli estivi Gli estivi

Gli estivi

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

È la notte di San Lorenzo quando un uomo nota una ragazzina al tavolo di un ristorante vista mare. Lei gli appare a sorpresa, come "un desiderio che non avevo espresso, esaudito da una stella che non avevo visto cadere". Eppure quell'incontro fortuito lascia il segno, e tra i due comincia una storia particolare, vissuta sotto l'insegna tarlata della crudeltà, consumata da un'estate all'altra, come un appuntamento fisso. Tutt'intorno, Roma, la Pontina, il Circeo sono luoghi avvolti dalla stessa luce spietata che abbaglia i personaggi, la luce insolente dell'estate che a volte non concede "il margine di un'ombra, una possibilità di fuga rispetto a ciò che si è realmente". Dopo "Gli autunnali", Luca Ricci ci consegna il secondo tassello della quadrilogia delle stagioni in un romanzo visionario ed esatto allo stesso tempo, capace d'indagare l'ossessione d'amore in tutte le sue forme.



Recensione della Redazione QLibri

 
Gli estivi 2020-03-04 16:03:52 annamariabalzano43
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
annamariabalzano43 Opinione inserita da annamariabalzano43    04 Marzo, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“La vita te ciancica e poi te sputa”


“La vita te ciancica e poi te sputa” è la frase che il grattacheccaro rivolge a lui, al protagonista di “Gli estivi”, il secondo romanzo della quadrilogia di Luca Ricci, al protagonista – scrittore di mezza età, in crisi creativa e esistenziale, che vede avanzare minacciosa una vecchiaia alla quale non sa rassegnarsi. E l’amore, come nostalgia della giovinezza e difficoltà di rinnovarsi con il passare del tempo, diviene ossessione. Quindici estati si susseguono nel gioco estenuante e frustrante di riuscire a possedere quell’oggetto del desiderio di nome Teresa, giovanissima e bella, provocante e provocatrice. La frustrazione d’amore si accompagna a una spietata analisi del mondo dell’editoria, della funzione della scrittura, delle illusioni e delle delusioni che ne scaturiscono.
Come la classicità si era occupata dell’amore esaltandolo nelle figure di Ulisse e Penelope, di Paolo e Francesca o Renzo e Lucia e il mondo moderno ha cantato il disamore con Charles e Emma Bovary o Leopold e Molly Bloom, così i nostri tempi hanno visto deteriorarsi l’ambiente artistico, frammentando la figura dello scrittore, come quello del critico per crearne generi diversi e renderli più facilmente appetibili al mercato editoriale.
“La dissoluzione dell’amore in letteratura è un fatto vistoso quanto poco indagato”, è questo un concetto che tradisce una visione pessimistica dei rapporti umani, che stenta a spostare l’attenzione dalla passione e dal sesso alla sfera affettiva, ben più solida e duratura.
Un romanzo ben ambientato nella spietata luce e nel caldo rovente e ustionante del mese di agosto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Gli estivi 2021-09-16 08:09:02 Antonella76
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    16 Settembre, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Visionario, delirante e realista



L'estate sta finendo (diceva qualcuno...), ed io cerco di trattenerla leggendo questo libro, ma non aspettatevi un romanzo fatto di spiagge affollate, mare, musica, vita, colori, e flirt al sapore di salsedine...
No, questo è un libro decadente, per chi riesce a trovare nella luce accecante delle giornate estive un che di dolente e malinconico.
Una luce forte che permette di vedere tutto con estrema chiarezza e lucidità, ma allo stesso tempo un caldo che cuoce, che asfissia e che genera sogni ad occhi aperti.
Visionario, delirante e realista.

"Maledette sere d’estate, tutte, nessuna esclusa. Le sere di giugno, che sanguinavano e ti dicevano bugie; le sere di luglio, in cui la luce sopravviveva al tramonto ma come svuotata dei colori; le sere d’agosto, camicette d’organza nera con gli astri al posto dei bottoni."

Così come ne "Gli autunnali", ci troviamo di fronte ad una ossessione amorosa, un desiderio che non trova pace né realizzazione, una visione dell'amore cinica, stanca, che risente degli anni che ognuno si porta addosso, del logorio dell'abitudine... ma non vuole soccombere sotto il peso del tempo che passa e trova, sotto diverse forme, il modo di resistere.
Perché se è vero che siamo mortali, è ancora più vero che desideriamo amare per sempre.

Ancora una volta Ricci ci presenta un uomo mediocre, pavido, in questo caso uno scrittore che non scrive, senza idee, senza slanci, un cinquantenne annoiato che inizia a vivere un amore platonico per una ragazza giovanissima che gli si palesa, come una stella cadente, in una notte di San Lorenzo al Circeo, dove è solito trascorrere le vacanze.
Ed ecco che il romanzo si nutre delle sole estati del protagonista, lasciandoci solo immaginare il resto del tempo.
Quindici estati, quindici anni di desiderio, pensieri, assenze, avvicinamenti e distanze siderali.
Quindici estati in cui non accade quasi nulla, fra loro, se non piccoli giochi crudeli, ripicche da ragazzini innamorati.

"C’eravamo amati a modo nostro, un dispetto per uno, sotto l’insegna tarlata della crudeltà, rendendoci insopportabili (e perciò impossibili), ma proprio per questo c’eravamo amati di più."

Secondo capitolo di Luca Ricci che ci presenta, con le sue atmosfere impalpabili, la sua visione dell'umanità e dell'amore, coniugale e non, attraverso le quattro stagioni, intese anche, e soprattutto, come stagioni della vita.
Un volersi calare nel procedere del tempo, cercando di capire, di analizzare e di inseguire, la conseguente andatura dei sentimenti.
Bello e intenso.
I dialoghi fra lui e la moglie sono graffianti e arguti, quelli con il suo editore traboccano di amore per una letteratura buona e pura, i suoi sogni ad occhi aperti hanno un fascino perverso che raggiungerebbe vette tragiche, se non fossero anche comici.
Un romanzo che ha, dentro di sé, il sapore del racconto, la sua verticalità e il suo ritmo.

Se l'Autunno è stata la stagione dello struggimento, l'Estate è quella dell'incoscienza... da non confondere assolutamente con la leggerezza.


Aspettando "Gli invernali"...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"Gli autunnali"
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri