Narrativa italiana Romanzi Il primo giorno della mia vita
 

Il primo giorno della mia vita Il primo giorno della mia vita

Il primo giorno della mia vita

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Emily, Aretha e Daniel hanno ognuno un motivo per essere stanchi di esistere. Napoleon no, in realtà, eppure è più determinato degli altri a farla finita. Un attimo prima che compiano un gesto irrevocabile, uno sconosciuto li convince a stringere un patto: per sette giorni gli mostrerà come continua la vita in loro assenza, come reagiscono amici e parenti; dopo li riporterà al punto di partenza e potranno decidere. Per i quattro comincia così un breve e surreale viaggio nel futuro che li legherà in modo indissolubile e, tra nostalgia della felicità, episodi comici e momenti drammatici, li costringerà a guardare sé stessi e gli altri in modo diverso. Lo sconosciuto sarà capace di farli di nuovo innamorare della vita quando ormai credevano di aver toccato il fondo?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.3  (3)
Contenuto 
 
2.7  (3)
Piacevolezza 
 
2.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il primo giorno della mia vita 2024-05-01 08:54:24 Mian88
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    01 Mag, 2024
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cosa resterà di noi

«[…] Il coraggio non conta, il coraggio arriva nel momento stesso in cui tutto accade.»

Per Napoleon motivare le persone, spronarle a farcela, è un qualcosa di naturale. Quante ne ha “salvate”, quante ne ha incitate. Tuttavia, per lui è diventato impossibile andare avanti, eh sì, perché proprio lui che motiva e sprona gli altri, vive senza stimoli e ha deciso di farla finita. La sua vita non ha più ragion d’essere. Ecco allora che dopo quella che considera essere la sua ultima serata, decide di buttarsi. Le acque sotto di lui sono nere e austere, New York sprofonda nelle sue luci. È in questo frangente che sopraggiunge un uomo a bordo della sua station wagon. Sa benissimo quali sono le intenzioni di Napoleon e gli propone un patto: sette giorni per decidere se tornare indietro o meno, sette giorni per decidere se rendere definitivo quel salto o se tornare alla vita ma con nuovi occhi.
Napoleon è titubante ma alla fine accetta. Come lui accettano anche Emily, ex ginnasta olimpica, lesa da un incidente che l’ha costretta alla carrozzina e Aretha, poliziotta dal carattere forte che però ha perso quel qualcuno che nella sua vita faceva la differenza. Adesso che ha ricominciato a dormire sa che il dolore sta venendo meno diventando mera consuetudine, non può accettarlo. Quel dolore era l’unica cosa che la teneva ancora ancorata a quella perdita. Una volta riuniti i tre scoprono che la squadra è composta anche da un altro membro, Daniel, piccolo divo della pubblicità di un brand di aranciate in sovrappeso e con diabete al seguito. Quattro anime raggruppate da un uomo sconosciuto e in apparenza privo di nome e identità ciascuna delle quali con un motivo specifico e ben delineato per decidere di farla finita, per essere disperati. Ma cosa lasciano davvero? Cosa accadrà quando non ci saranno più? Cosa si perdono e quale sarà la reazione di amici e parenti alla loro scomparsa?

«Le persone. Penso sia questa la cosa più importante che vi perderete, – sentenzia l’uomo. – Sono le persone a rendere il futuro imprevedibile e affascinante, e lungo la vostra strada ce ne sono un sacco che vi aspettano.»

“Il primo giorno della mia vita” di Paolo Genovese, opera dalla quale è stato tratto anche l’omonimo film con l’interpretazione magistrale di Toni Servillo, è un titolo con cui lo scrittore torna ad affrontare le tematiche metafisiche già conosciute in “The place”. Ancora una volta i protagonisti tornano a viaggiare tra tempo e luoghi e a riflettere sul senso della vita e sul malessere di questa.
Quel che ne emerge è uno scritto dallo stile fluido e magnetico che in tutta la sua forma sa di sceneggiatura, non ne stupisce, dunque il naturale adattamento. I personaggi sono tutti ben costruiti, le vicende si susseguono rapide, il lettore è costantemente incuriosito. Cerca quel finale che possa spronare a trovare quei perché che spesso attanagliano nel quieto vivere.
“Il primo giorno della mia vita” non sarà certo per qualcuno il romanzo più originale di questi anni soprattutto se si considera il proliferare di scritti in questo senso, ma non difetta di quei presupposti capaci di donare al lettore ore liete e di riflessione. Basta semplicemente dargli una possibilità. Forse non arriverà subito ma a distanza di giorni dalla lettura sarà naturale tornare a pensarvi e riflettervi.

«È come quando arrivi al termine di un viaggio: hai sempre l’impressione che avresti potuto fare di più, utilizzare meglio il tempo. E ora che il tempo è quasi finito, quel poco che rimane Aretha non vuole perderlo, e tenta il tutto per tutto.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il primo giorno della mia vita 2019-09-17 14:47:08 violetta89
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
violetta89 Opinione inserita da violetta89    17 Settembre, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

manca l'originalità

Un uomo si trova su un ponte e sta per buttarsi giù, quando improvvisamente compare un altro uomo che inizia a incalzarlo domandandogli se è sicuro che stia facendo la cosa giusta, gli chiede 7 giorni per provare a convincerlo a ripensarci, ad un certo punto sembra anche che quest'uomo cammini nel vuoto. Come si fa a dirgli di no? Tentare non nuoce. Così inizia questo libro di Paolo Genovese che prosegue seguendo i 7 giorni seguenti durante i quali l'aspirante suicida e i suoi compagni di viaggio, anche loro aspiranti suicidi, vivranno emozioni molto intense e combatteranno contro i loro demoni interiori. Chissà cosa decideranno di fare alla fine di questo viaggio...
Purtroppo sin dalla prima pagina la trama di questo libro mi ricordava molto un libro di Hornby, "Non buttiamoci giù": anche lì vi erano quattro aspiranti suicidi che si danno del tempo per provare a cambiare idea insieme. E' vero non c'è l'elemento soprannaturale ma l'idea di fondo è più o meno la stessa e quindi mi è sembrato di rileggere qualcosa di già letto.
L'ambientazione sembra una sceneggiatura molto americana, i personaggi, le loro vite, New York da sfondo sembrano proprio pronte per diventare un film (d'altronde l'autore questo fa nella vita).
Nonostante il libro sia leggibile e scorrevole, non sono riuscita a togliermi dalla testa il fatto che questa trama fosse troppo simile all'altro e questo non mi ha convinto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il primo giorno della mia vita 2018-06-28 23:06:38 Patrizia
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Patrizia    29 Giugno, 2018

Cinematografico

Finito pagg. 301 "Il primo giorno della mia vita" di Paolo Genovese.

Più che leggere un libro, è come se avessi visto un film americano, di quelli del genere "Una settimana da Dio".

Si legge velocemente come se, appunto, si vedesse un film con effetti speciali e battute classiche della quotidianità newyorkese.
Ben scritto, fluido, stile cinematografico, moderno.

Una favola sull'unicità di ogni essere, della vita e del tempo;  la filosofia moderna che si basa nell'apprezzare le piccole cose, gesti, parole, sensazioni in mondo che va di corsa e che, per assurdo,  deve andare di corsa per apprezzarle.

Vivere assaporando gli attimi di felicità fra le macerie dei dolori, delle sconfitte, delle disillusioni, sapendo che la morte non è mai stata in grado di fermare la vita nella sua complessità

Non entrerà  negli scaffali della letteratura senza tempo ma un posto nella mensola di una comune libreria se lo merita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Si vuole due ore piacevolmente, senza impegno
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita
Grande meraviglia
Le altalene

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232