Narrativa italiana Romanzi La stanza della tessitrice
 

La stanza della tessitrice La stanza della tessitrice

La stanza della tessitrice

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Bellagio è il luogo dove Camilla si è rifugiata per iniziare una nuova vita. Solo qui è libera di realizzare i suoi abiti capaci di infondere coraggio, creazioni che sono ben più di qualcosa da indossare e mostrare. Ma ora è costretta ad abbandonare tutto perché Marianne, la donna che l’ha cresciuta come una madre, ha bisogno del suo sostegno. È lei a mostrarle il contenuto di un antico baule, un abito che nasconde un segreto: vicino alle cuciture interne c’è un piccolo sacchetto che custodisce una frase di augurio per una vita felice. È l’unico indizio che Marianne possiede per ritrovare la sorella. Camilla non ha mai visto nulla di simile, ma conosce la leggenda di Maribelle, una stilista che, all’epoca della seconda guerra mondiale, era famosa come «Tessitrice di sogni». Nei suoi capi erano nascosti i desideri e le speranze delle donne che li portavano. Maribelle è una figura che la affascina da sempre: si dice che sia morta nell’incendio del suo atelier parigino, circondata dalle sue creazioni. Camilla non sa quale sia il legame tra Maribelle e la sorella che Marianne vuole ritrovare. Ma sa che è disposta a fare di tutto per scoprirlo. Sente che la sua intuizione è giusta: Parigi è il luogo da dove iniziare le ricerche; stoffe, tessuti e bozzetti la strada da seguire. Una strada tortuosa, come complesso è ogni filo di una trama che viene da lontano. Perché i misteri da svelare sono a ogni angolo. Perché Maribelle ha lottato per affermare le proprie idee. Perché seguirne le orme significa per Camilla scavare dentro sé stessa, dove batte un cuore che anche l’ago più acuminato non può scalfire.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La stanza della tessitrice 2018-11-27 14:42:51 ornella donna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    27 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli abiti e i sogni, una storia nella storia

Cristina Caboni edita La stanza della tessitrice: un romanzo magico e bellissimo sul mondo della moda, dei tessuti e del confezionamento nonché dei ricami degli abiti. La protagonista impara sin da piccola l’importanza delle stoffe, proprio attraverso una bellissima filastrocca:
“La seta è delicata e liscia come una carezza, anche il velluto è liscio, ma è più come un abbraccio. La lana invece è calda e pizzica come un rimprovero, devi fare attenzione con lei. La lana ha un brutto carattere. Il cotone è più simpatico, è allegro come un bacio. Il libo è fresco come il vento. Se ti piace il cielo puoi dipingerlo sulla stoffa, anche le stelle e il sole. Ci puoi mettere pure il mare. Così il tuo vestito sarà più bello e tu starai bene.”.
La tessitrice è la protagonista indiscussa di questo libro. Lei aveva:
“dita che correvano rapide sul tessuto, inventando i ricami, tessendo storie di altre donne, fissandone i sogni sulla stoffa. Per questo la chiamavano “tessitrice di sogni”: perché inseriva nei vestiti dei sacchetti che racchiudevano i desideri di chi li indossava, insieme a fiori, semi e portafortuna. Ricamava sui tessuti i simboli. (…) Il triangolo col vertice superiore che simboleggiava la vita, mentre quello rivolto verso il basso rappresentava la morte. Uniti diventavano una clessidra nella quale scorreva l’esistenza di ognuno. Il pettine e il rombo uncinato per la protezione, la croce che doveva dividere le sciagure. L’albero della vita per la prosperità e la spirale per l’infinito.”.
Certamente sembrano proprio abiti intessuti di sogni quelli che Marianne mostra a Camilla. Li ha confezionati la madre di Marianne per la sua figlia Adele, una figlia perduta in tenera età e mai conosciuta. Marianne ha quindi sempre avuto una sorella, ma ne ha sempre ignorato l’esistenza. Sua madre glielo confessa in punto di morte, strappandole la promessa di ritrovarla. Ora non può che chiedere aiuto a Camilla per questa indagine. Camilla che lei ha cresciuto come quella figlia che il destino le ha negato, che intraprende una lunga strada tortuosa alla ricerca di una verità sconcertante.
Una lettura magica e di gran fascino, commovente ed assai intrigante. Un continuo rimando all’oggi e ad un passato che fu. Personaggi bellissimi e ben descritti, una trama di notevole spessore narrativo, con una prosa veloce e molto descrittiva. Nell’ottica decisiva che:
“L’abito non deve appendersi al corpo, ma seguire le sue linee. Deve accompagnare chi lo indossa, e, quando una donna sorride, l’abito deve sorridere con lei.”
Stupenda ed affascinante lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto i precedenti libri di Cristina Caboni, Il sentiero dei profumi, La custode del miele e delle api, Il giardino dei fiori segreti, La rilegatrice di storie perdute.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

La stanza della tessitrice 2018-10-21 15:51:28 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    21 Ottobre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La magia e la forza dei tessuti

Bellagio. Camilla Sampietro è scappata. È scappata dal suo passato, dalla sua Mamy, Marianne Leclerc. Lo scontro avvenuto con Daniela Leclerc le ha reso impossibile restare, le ha reso impossibile continuare a vivere la sua vecchia vita. Una vita da orfana raccolta, una vita in cui ella altro non era che “l’opera buona” di Marianne Leclerc, proprietaria di una delle più grandi aziende nel settore della moda che ha visto in lei il dono. Perché Camilla vede gli abiti nella sua mente ancora prima di averli realizzati. Ha studiato come stilista, conosce il tessuto e il suo sogno è quello di riutilizzare i vecchi abiti e trasmutarli in nuovi. In ciascuno desidera destinare i sogni e le speranze di chi li ha custoditi tanto a lungo. Eppure, la sua lontananza da Bellagio ha vita breve: la sua Mamy sta male e deve far rientro quanto prima a Milano. Un segreto custodito in un baule, un passato che torna a farsi vivo. Una sorella scomparsa misteriosamente. La madre di Marianne, Caterina, che a sua volta aveva il dono del tessere, del rendere veri i sogni. Che sia lei colei che nelle leggende è ricordata come Maribelle? Eh sì, perché negli abiti ritrovati nel baule c’è quel segno distintivo, quel sacchettino che custodisce un buon auspicio e questa volta proprio per Adele, quella sorella perduta. Per scoprire del mistero, Camilla non potrà far altro che partire con Marco Barberini, socio dell’azienda di Marianne, industriale a livello internazionale e suo grande amore, alla volta di Parigi.
Nei pressi di Oristano, 1923. Caterina Frau è cresciuta con la sua balia Rosa, una tessitrice dal grande talento che conosce senza vedere. Il rientro a casa obbligato, l’allontanamento da quella figura che l’ha cresciuta e di poi, negli anni, ancora dalla famiglia per essere confinata a Como da una zia. È qui che Caterina sviluppa e accresce il suo dono, perché tessere e cucire sono il suo unico conforto in quegli anni bui e di dolore. E poi, ancora, il ripartire.
Due storie, due famiglie, due vite che magistralmente si intrecciano riconducendo ad un disegno più grande dove l’amore, la famiglia, il senso di appartenenza, le certezze, le insicurezze, le paure, la crescita e i sentimenti più vari sono i protagonisti.
Con il consueto stile poetico e magnetico proprio dell’autrice, “La stanza della tessitrice” è un romanzo che cattura sin dalle prime battute, che fa sognare e che trascina senza difficoltà tanto da esaurirsi in pochissime ore. Tanto la trama quanto le descrizioni dei luoghi, delle lavorazioni che dei personaggi è solida e ben articolata e rende concreti e tangibili gli avvenimenti e i personaggi che si susseguono nello scorrimento. Il tutto mediante l’alternazione di una narrazione al presente e al passato che tocca tematiche di grande attualità e emozione. L’unica pecca che mi permetto di segnalare è relativa a taluni errori di battitura che cadono all’occhio del lettore più puntiglioso. Attenzione anche ai nomi, troppo simili, rischiano di confondere l'avventuriero conoscitore e di indurlo in errore. Sicuramente, questi errori, sono stati dovuti a tempistiche editoriali che non ne hanno permesso una rivisitazione del lavoro finale, ad ogni modo lo scritto riesce a farsi apprezzare e a conquistare donando al conoscitore ore liete e serene.

«Chi ha il coraggio di superare le proprie paure è capace di tessere il filo della vita. Afferra il tuo, adesso, e compi il tuo destino, figlia del mio cuore.»

«Quando si è tristi non bisogna cedere al dolore. Ci sono tante cose belle che possono prendere il posto dei pensieri cattivi. Ci sono i sogni.»

«Ma lei credeva che, come le stoffe erano fatte di fili, anche i fili della vita si univano e si intrecciavano creando dei disegni»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lazarus
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri