Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror Critica della ragion criminale
 

Critica della ragion criminale Critica della ragion criminale

Critica della ragion criminale

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di Critica della ragion criminale, romanzo di Michael Gregorio edito da Einaudi. Prussia, 1804. Perché il grande filosofo Immanuel Kant conserva in un laboratorio segreto le teste spiccate delle vittime dei delitti orrendi che da qulache tempo fanno pensare ai buoni cittadini di Koenigsberg che la città è invasa dalle potenze oscure, forse dal Demonio? Che cosa sta cercando Kant? Chi è il vero aytore del manoscritto maledetto "Critica della ragione criminale" che sembra avere a che fare con le uccisioni? E perché a indagare sui crimini viene chiamato il giovane procuratore Hanno Stiffeniis che proprio a Kant ha confessato di essere stato affascinato dalla possibilità del delitto gratuito quando a Parigi ha visto ghigliottinare il re?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.4  (5)
Contenuto 
 
3.8  (5)
Piacevolezza 
 
3.8  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Critica della ragion criminale 2012-06-02 09:28:31 fosforo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da fosforo    02 Giugno, 2012

In fondo la delusione...

Come nell'altro libro di Gregorio, I giorni dell'espiazione, l'inizio è interessante, lo sviluppo promettente, il finale incredibilmente moscio e deludente. Il libro avvince per l'accuratezza delle decrizioni, forse un po' troppo calcate sono le vere e proprie "tavole anatomiche" dei cadaveri che inflazionano le vicende. I personaggi riescono convincenti, hanno una loro dignità esistenziale. I punti deboli del testo sono l'evidente incapacità dell'autore di maneggiare con disinvoltura il plot poliziesco. Si uccide, si gonfia il mistero ma alla fine non c'è mai la risoluzione logica di tutti gli interrogativi che man mano si sono accumulati. O meglio le risposte ci sono ma scontate e banali. Appare comunque che le basi storiche su cui sono costruite le storie sono solide e ben documentate. La Prussia descritta è molto credibile, l'avvicendarsi della grande storia (Napoleone, Jena) ha un suo ampio e mai noioso respiro. I personaggi.... Hanno è tutto fuorchè un credibile investigatore. Sempre travolto dagli eventi, non scopre quasi mai nulla, costantemente c'è il deus ex machina che arriva al momento giusto a suggerirgli l'idea o a trarlo dagli impicci. Pur essendo il protagonista per definizione, spesso tiene bordone aben più caratterizzati personaggi (Levandrine ne I giorni dell'espiazione per esempio).
In definitiva l'impressione che si ricava dalla lettura non è negativa ma lascia sempre una certa delusione per quello che lo sviluppo delle storie aveva promesso e non ha mantenuto. Consiglio comunque la lettura con una disposizione d'animo non però propria del lettore di polizieschi ma di chi ama le grandi rappresentazioni della storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I giorni dell'espiazione dello stesso autore
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Critica della ragion criminale 2010-07-19 09:02:23 piero70
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
piero70 Opinione inserita da piero70    19 Luglio, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Pesante

Confesso che la quarta di copertina mi aveva incuriosito e ci sono caduto mani e piedi.
Da tempo sono alla ricerca di qualcosa di simile al Nome della Rosa, magari in chiave più filosofica. E questo mi ha spinto a leggere Critica della ragion criminale di Michael Gregorio.
L'editore, Einaudi, in effetti sembrava garantire qualche sicurezza.
Il libro si legge a tratti anche bene, e i personaggi (protagonista a parte), tutto sommato, sono abbastanza credibili.
Un giallo ambientato in una città dove l'investigatore è costretto a scendere nei bassifondi più oscuri: tra prostitute, taverne luride, spie napoleoniche, briganti, soldati e galeotti.
Grazie all'aiuto del filosofo Kant, coprotagonista del libro, apprenderà le basi dello stile di indagine investigativa moderno, basato sull'analisi della scena del crimine, delle prove, del cadavere.
E la scoperta della verità avviene secondo un percorso liberatorio, per il magistrato del re Hanno Stiffeniis: liberatorio delle sue paure, dai suoi sensi di colpa. Il classico percorso di maturazione del protagonista insomma.
I problemi però sono due e belli grossi per me: il primo è che un protagonista così piatto non si ricordava da tempo. Sembra quasi che l'autore non abbia fatto in tempo a dargli il tratto che voleva o che alla fine non ci sia riuscito.
Il secondo è che il titolo non rispecchia per nulla il contenuto. Dov'è la filosofia all'interno del libro ? Non esiste...
All'autore è venuto in mente il titolo, ci stava bene, e magari qualche appassionato in più lo raccolgo avrà pensato...
Peccato...L'idea era orginale e poteva essere sviuppata meglio.
In ogni caso una lettura non si nega a nessuno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Critica della ragion criminale 2009-09-17 17:45:59 luisa bosi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da luisa bosi    17 Settembre, 2009

critica della ragion criminale

da tempo non venivo catturata così intensamente da un libro....quasi 500 pagine lette in pochi giorni. Romanzo intelligente innanzitutto, originale nella concezione, ben costruito nella trama e affascinante ed evocativo nella ricostruzione storica

Buoni anche i dialoghi, mai scontati o banali.

E finalmente una soluzione non deludente a fronte di una buona idea iniziale!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ama, anche nella lettura di evasione, libri di un certo "spessore" in tutti i sensi e autori con una solida preparazione culturale alle spalle.
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Critica della ragion criminale 2009-05-30 12:54:42 Zimo
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Zimo    30 Mag, 2009

stile poco scorrevole

Dal trafiletto sulla copertina e leggendo qualche recensione qua e là credevo di trovare uno stile originale fresco e scorrevole, invece il tono narrativo era piuttosto lento e pesante, oltremodo descrittivo per me in alcuni punti, ho fatto fatica a finire il libro. Sconsigliato a chi come me cerca uno stile avvincente nuovo originale e che non sia appesantito dall'uso di aggettivi solo per imbellire la forma.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Il giudice e il suo Boia
Trovi utile questa opinione? 
02
Segnala questa recensione ad un moderatore
Critica della ragion criminale 2008-06-22 02:54:31 Luciana
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Luciana Opinione inserita da Luciana    22 Giugno, 2008
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Critica della ragion criminale

Hanno Stiffeniis e Amadeus Koch sono lo Sherlock Holmes e Mr. Watson prussiani.

E' un libro costruito seguendo dei passaggi molto particolari (dal thriller, all'horror, al sentimentale) effettuati in modo talmente naturale, che la storia risulta articolata in maniera tranquilla, scorrevole, senza un briciolo di respiro ma, contemporaneamente, col ritmo vitale ottocentesco.

Avete scritto col piacere di gustarsi le parole e assaggiare la storia un pò per volta.

Direi che è un grandissimo libro, appassionante e coinvolgente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Gli eredi di Stonehenge
La mappa nera
L'uomo dei sussurri
Gli avversari
In tre contro il delitto
Un sacrificio accettabile
Il castello di Barbablù
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Girl in snow
Avversario segreto
L'ermellino di porpora
Il caso Alaska Sanders
La cameriera
Otto perfetti omicidi
Città in fiamme
Lupa nera