I dodici segni I dodici segni

I dodici segni

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice

New York, due di notte. Un vagone della metropolitana corre semivuoto sotto la città. A bordo, sei figure stanche, una delle quali è Jack Reacher, l’eroe solitario che ha scelto una vita da vagabondo per le strade d’America. Mentre cerca di ammazzare la noia, Reacher nota qualcosa di strano in uno dei suoi compagni di viaggio, una donna seduta in fondo al vagone. Tutto nel suo comportamento sembra corrispondere alle caratteristiche contenute nell’elenco stilato dai servizi segreti israeliani per individuare un terrorista suicida. Fiutato il pericolo, Reacher le si avvicina, la donna, al posto del pulsante di un detonatore, estrae una pistola e si suicida.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
 
I dodici segni 2011-06-28 18:05:56 Gondes
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Gondes Opinione inserita da Gondes    28 Giugno, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bellissimo trhiller

Un bellissimo spy-action-thriller che vede protagonista un personaggio ormai famoso per Lee Child; il militare in congedo Jack Reacher.
Personalmente non conoscevo questo protagonista, ma devo dire che da subito mi è sembrato convincente, in quanto il personaggio è ben caratterizzato, decisamente “fuori dalle righe” e quindi unico. Non ha una casa, non ha una famiglia e non ha un proprio mezzo di trasporto; in pratica non possiede nulla, ma nonostante tutto ha tutto quello che gli serve.

La storia è molto scorrevole e sapientemente intricata per gli amanti del genere e fino all’ultimo non viene svelato il motivo del suicidio della donna all’interno della metropolitana. Perché tutto il libro ruota attorno a questo dilemma: “perché Susan Mark si è tolta la vita proprio davanti agli occhi di Jack Reacher, togliendo ogni dubbio che si sia tratto di un suicidio? Grazie alla bravura dell’autore, che ti avvicina gradualmente alla soluzione senza però svelare troppo, viene quasi voglia di andare direttamente alla fine per scoprire il tutto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Il male che gli uomini fanno
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il lungo addio
Il segreto di Inga
Le ombre
Il treno per Istanbul
Agatha Raisin. Campane a morto
Il caso Agatha Christie
La casa nell'ombra
Trappola di sangue
Niente orchidee per Miss Blandish
Brave ragazze, cattivo sangue
Il verdetto
Ci vediamo stanotte
Quel che la marea nasconde
Il caso della sorella scomparsa
La ragazza di neve
Un delitto avrà luogo