Il marchio del diavolo Il marchio del diavolo

Il marchio del diavolo

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Sconcertata, una suora studia i simboli astrologici tracciati sul muro. Ma quello non è il solo enigma custodito dall’antico colombario di San Callisto. Intorno a lei, infatti, ci sono decine di scheletri caratterizzati da un’anomalia inquietante: la stessa anomalia del sicario che, anni prima, aveva cercato di ucciderla. Decisa a far luce sul mistero, suor Elisabetta entra in possesso di un rarissimo esemplare del Dottor Faust di Marlowe e intuisce che quei versi sono il codice per svelare il cerchio diabolico che lega passato, presente e futuro. Perché il papa è morto, il conclave è alle porte e la profezia sta per compiersi.

Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 23

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.1  (23)
Contenuto 
 
2.7  (23)
Piacevolezza 
 
3.1  (23)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il marchio del diavolo 2018-08-22 14:11:26 cosimociraci
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
cosimociraci Opinione inserita da cosimociraci    22 Agosto, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Parli del diavolo e spunta la coda

Come al solito Glenn Cooper ci propone una della sue trame classiche che si svolgono su diverse linee temporali. Nel caso specifico si svolge tra il 60 DC con Nerone, la fine del 1500 con Marlowe e il suo Dottor Faust, e i giorni nostri.

Storia, profezie e miti sono sapientemente legate dalla mano esperta dello scrittore. A volte ci sono delle esagerazioni, a parer mio, troppo evidenti ma tutto sommato la storia regge bene.

La trama è inevitabilmente intricata, d'altronde non è semplice unire tutte queste fonti in un unico racconto. Non amo molto questo tipo di trame proprio perché gli autori in generale si perdono troppo nel groviglio dei personaggi tralasciando la suspense e, come scrive @Samuele concludendo alcuni passaggi in modo frettoloso.

Con i racconti di Glenn Cooper colgo sempre l'occasione per imparare qualcosa e colmare la mia immensa ignoranza. Sinceramente non ero a conoscenza della Profezia di Malachia, su cui si incentra il racconto, ne degli stravaganti gusti sessuali del dispotico Nerone.

L'ambientazione italiana l'apprezzo sempre molto, da buon campanilista. Sia per questo motivo, sia per l'unione di fatti storici, di profezie e di leggende, lo considero un romanzo stimolante, adatto per queste calde sere d'estate.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il marchio del diavolo 2014-08-19 08:11:08 Samuele
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Samuele    19 Agosto, 2014

Mezza delusione

Molto belle le ambientazioni, descrizioni che ti portano direttamente dentro la scena. Gli stacchi temporali poi aiutano l'autore nel rendere scorrevole il libro. Le cose che non mi sono piaciute e per le quali non consiglio questo libro sono: personaggi troppo anonimi, nessuno ha un carattere ben preciso; dialoghi tra protagonisti che alle volte risultano essere troppo piatti in relazione al contesto; i momenti salienti vengono diverse volte trattati con troppa superficialità e in maniera sbrigativa. Non si possono leggere trenta pagine in attesa di un momento chiave a cui vengono lasciate cinque righe.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il marchio del diavolo 2012-08-24 17:31:35 Elisabetta.N
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Elisabetta.N Opinione inserita da Elisabetta.N    24 Agosto, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sospirando

Ho sospirato...
Quando leggo non lo faccio mai perchè sono completamente persa in un luogo nuovo, in una nuova storia.
Ma stavolta la magia non mi ha colpito e mentre leggevo sospiravo chiedendomi "arriverò mai alla fine?"
Faccio fatica a capire il perchè non sia scattata la scintilla, gli ingredienti per un bel romanzo c'erano tutti: una setta misteriosa, ritrovamenti archeologici, complotti...
A parte un forte senso di deja-vu per la somiglianza in molti punti con Angeli e demoni di Dan Brown, poteva essere un buon libro.
Lo stile, inoltre, mi è piaciuto, semplice (a volte fin troppo) e abbastanza coinvolgente, ma tutto ciò non è bastato.

Devo dire innanzitutto che ci sono troppi personaggi e altrettanti punti di vista, tantè che anche adesso, arrivata alla fine, alcuni nomi ancora mi sfuggono, dovrei tornare a leggere qualche pezzo per potermeli ricordare.

Un altro punto a sfavore sono gli innumerevoli cambiamenti di tempo che, a mio avviso, sono anche posizionati in modo traslato rispetto alla vicenda del presente a cui sono collegati (es SPOILER: al ritrovamento degli scheletri nel colombario doveva seguire il capitolo sulla morte di Balbillo, cos' come ai dubbi di Elisabetta circa il perchè delle modifiche al testo B, doveva seguire il capitolo del 1500 in cui Marlowe spiegava il perchè...)

Inoltre lo scrittore ha voluto spiegare la presenza di una coda nei lemuri adducendo che il genotipo controlla il fenotipo e quindi i lemuri sono geneticamente malvagi e incapaci di provare rimorso, hanno la coda che è anche il simbolo del male.
Beh, sinceramente io non mi ero chiesta del perchè della presenza di una coda e questa spiegazione così semplicistica mi ha lasciata basita. Avrei accettato semplicemente il mistero.

E cosa dire poi della scelta della protagonista? Una suora...
Capisco la necessita di introdurre un personaggio molto religioso visto l'ambiente in cui si doveva muovere, ma una suora?
Per me che cerco sempre il lato un po' romantico in ogni libro, non c'è stata nemmeno questa soddisfazione, nemmeno una piccola speranza che qualcosa di romantico potesse accadere.
Cosigliato?
Sì e no.
Per me ha molti difetti, è vero, ma non è stata una lettura difficile da portare a termine (sospiri a parte!)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il marchio del diavolo 2012-08-08 13:30:42 davide pastano
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da davide pastano    08 Agosto, 2012

una distruttiva fantasia...

Un libro troppo creativo, e troppo irreale per potersi immedesimare appieno nei vari personaggi! Sicuramente la lettura di questo libro rappresenta un piacevole svago ed estraneazione dalla quotidianeità, ma le vicende, i racconti, le avventure affrontate dalla famiglia Celestino, soprattutto nelle ultime 70-100 pagine del libro, conferiscono un'eccessiva alterazione della realtà.
Questo libro merita il massimo dei voti per la ricerca e per la capacità di attirare l'attenzione per poi screditarsi con un finale da fiction televisiva....
La pagina più dolorosa del libro è rappresentata dalla distruzione del capolavoro di Michelangelo!
Consiglio la lettura del libro a patto che non ci si adagi su questa storia... C'è di meglio in libreria!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il marchio del diavolo 2012-08-03 06:40:29 Sandro C.
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Sandro C. Opinione inserita da Sandro C.    03 Agosto, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

niente da dichiarare...

Un "Codice da Vinci" di serie B. Storiella banale, a tratti prevedibile, troppo ricca di intrecci temporali che stancano il lettore. E il solito finale non finale che ti lascia con nulla in tasca.
Non è proprio il mio genere ma avevo voglia di cambiare per un attimo tipo di lettura. Conclusione? E' stata una delusione. Chi lascia la strada vecchia per quella nuova......

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il marchio del diavolo 2012-06-22 09:54:57 Vavassori
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Vavassori Opinione inserita da Vavassori    22 Giugno, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lettura piacevole , niente di impegnativo

Alla vigilia del Conclave , viene alla luce un reperto interessante a cui Elisabetta, un'archeologa, voleva dedicarsi anni prima. Questo si rivela essere colmo di resti di individui con la coda. I lemuri. Tutto ruota attorno a questi esseri malvagi che credendo nella professia di Malachia , vogliono distruggere la fede cristiana.
Storia banale : Glenn Cooper sottolinea la continua lotta fra bene e male dai tempi remoti ai giorni nostri, ma a mio avviso il continuo passaggio a epoche diverse "stanca" il lettore che si smarrisce. Spesso sul climax della vicenda lo scrittore cambia prospettiva temporale e sembra che la questa non sia tanto collegata.
Trama non proprio solida. Nel complesso una lettura comunque piacevole, non troppo impegnativa! Proverò a leggere altri romanzi di Glenn Cooper , credo possa fare di più!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Codice da Vinci
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il marchio del diavolo 2012-04-21 09:26:46 Debby
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Debby    21 Aprile, 2012

...Povero diavolo!

No, no, no.
Ho comprato questo libro perchè la Feltrinelli l'aveva nel banco delle buone recensioni ed ora mi chiedo chi recensisce i libri in vendita alla Feltrinelli.
Lette le prime (...50?) pagine ed è stato tutt'altro che il successo che m'aspettavo. Storia banale, ormai fritta e rifritta. da quando Eco ha scritto "il nome della rosa" i romanzi stile noir sui pseudo segreti della chiesa si sprecano. Stavolta ci infiliamo Roma e qualche diavolo dalla coda "come un secondo fallo contornata di tatuaggi" (?) e la vendiamo per storia nuova e di successo.
Non regala le emozioni che i buoni libri sanno dare. A mio parere è una trama più originale"il piccolo principe" letto a scuola che questo.
Spero sentitamente che l'autore si rifaccia velocemente con un libro che ci riporti al vecchio Cooper e ci faccia dimenticare questo!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Dylan Dog fino a ieri sera
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il marchio del diavolo 2012-04-19 17:37:10 teresa
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da teresa    19 Aprile, 2012

NON NE VALE PROPRIO LA PENA

Niente di nuovo, piacevole solo a tratti, solite storie di sètte e complotti contro religioni e/o poteri nascosti. Con tutto il rispetto per l'autore, la straordinarietà sta solo nella sorpresa di aver copiato idee già sviluppate da altri. Personalmente, mi dà fastidio prendere a scudo la storia per operazioni commerciali: l'autore è storico? Bene, tratti la storia con rispetto e non nasconda il suo pseudo talento letterario, che per me non esiste affatto, per far credere di saper raccontare "storie". Non importa essere laureati per comporre quattro fesserie. E insomma ci lascino stare Roma e le sue meraviglie per storie meno scontate!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
"ANGELI E DEMONI", "ILCODICE DA VINCI"
Trovi utile questa opinione? 
52
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il marchio del diavolo 2012-04-12 23:05:34 Illary
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Illary Opinione inserita da Illary    13 Aprile, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN PO' DI TRAMA DI QUA E UN PO' DI LA...

Dopo aver letto una serie di recensioni negative su Qlibri e dopo essere rimasta delusa da "Il libro delle anime", mi sono avvicinata a questo romanzo piuttosto sfiduciata...e devo dire che sono rimasta abbastanza sorpresa, in realtà si è rivelata una lettura abbastanza divertente.

Sinceramente anche questa volta non ho potuto non notare alcune analogie con trame già conosciute: impossibile non pensare al conclave sullo sfondo di "Angeli e Demoni" o non ricordare "L'Ultimo Catone" della Asensi, che ha addirittura come protagonista una suora convocata dal Vaticano per decifrare un mistero!
... Insomma Cooper fa così: pesca un pò di trama da una parte e un pò da un'altra, poi mette insieme un romanzo che, tutto sommato, è una lettura apprezzabile per chi ama questo genere letterario.
Mi è piaciuto particolarmente il fatto che, come nel suo primo libro, Cooper affronta la trama intrecciando vicende differenti in periodi storici molto diversi: dal 64 dc, alla fine del millecinquecento, ai giorni nostri, per rivelare un finale tanto inaspettato, quanto faraonico ed un pò eccessivo.

Quanto alla trama... alla vigilia del Conclave, in un antico colombario romano, vengono ritrovati una serie di cadaveri umani che presentano tutti un'anomalia fisica: la coda. Da Nerone a Marlowe, nel corso della storia questi uomini sembrano aver avuto un'importanza inaspettata. Ma chi sono questi esseri? Il Vaticano vorrà che la verità venga alla luce?
Se avete voglia di una lettura non troppo impegnativa, il romanzo è consigliato!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Libri di Glenn Cooper, Matilde Asensi
Senza troppe aspettative, piace di più.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il marchio del diavolo 2012-04-01 07:09:28 saurafumi
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
saurafumi Opinione inserita da saurafumi    01 Aprile, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un passo falso

Questo libro mi ha molto delusa. Sia per la storia, assolutamente banale, sia per la protagonista (una suora!), sia per lo stile. Sembra scritto da un ragazzino di seconda media, credo che io, se mi ci metto (e non mi ci vorrebbe molto... ) potrei fare altrettanto. L'autore avrà anche fatto ricerche accurate per scrivere questo romanzo, ma queste ricerche non si riflettono sullo stile del libro, poco accurato, senza suspence, piatto come la pianura padana, insomma, una vera delusione.
Lasciatelo perdere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il Mediterraneo in barca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto le lune di Giove
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Odio volare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La follia Mazzarino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Instinct
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri