L'uomo delle castagne L'uomo delle castagne

L'uomo delle castagne

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Troppe cornacchie dietro il trattore. Saltellano freneticamente intorno a qualcosa di bianco, pallido e informe. Un maiale. Gli occhi spenti, il corpo che freme e si agita, come se provasse a spaventare le cornacchie, appollaiate a mangiare da un grosso foro di arma da fuoco sulla sua nuca. Un navigato agente di polizia, a una settimana dalla pensione, si ferma davanti alla fattoria di un vecchio conoscente, nei dintorni di Copenaghen. Qualcosa non va. Un maiale morto lasciato lì. Non si fa così, in campagna. Apre la porta d'ingresso, socchiusa, con due dita, come nei film. Per vedere una cosa che non avrebbe mai voluto vedere: sangue, un cadavere mutilato, altri corpi da scavalcare. Cammina fino all'ultima stanza, dove centinaia di omini fatti di castagne e fiammiferi - infantili, incompleti, deformi - lo guardano ciechi. Stravolto, si chiude la porta alle spalle, senza sapere che l'assassino lo sta fissando. Così si annuncia, spaventosa, la storia dell'Uomo delle castagne, un thriller di grande livello, il primo romanzo di Søren Sveistrup, autore della serie tv The Killing - il cult mondiale che ha appassionato milioni di spettatori - e sceneggiatore dell'Uomo di neve, il film tratto dal romanzo di Jo Nesbø.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
2.0  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'uomo delle castagne 2019-08-09 07:37:30 Scavadentro
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Scavadentro Opinione inserita da Scavadentro    09 Agosto, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Scandinavi tormentati e tormentanti

Premetto che le recensioni del sottoscritto son naturalmente parziali e personali, condizionate da gusti opinabili..ma tant'è... In questo senso il contenuto di questo lavoro è veramente scarso e stereotipato, con luoghi comuni, personaggi scontati e una trama che proprio non mi ha emozionato. Il senso del "già visto" permea tutto il narrato, a partire dall'incipit perso nel passato con il via a una vicenda trita e ritrita di disagio familiare in stile Läckberg. I due poliziotti incaricati dell'indagine sugli omini di castagne ricalcano figure già note (vedasi Lars Kepler con l'ispettore Linna o Harry Hole di Nesbo) costituite dalla parte maschile Hess e da quella femminile Thulin. Naturalmente lei non è contenta di lavorare con lui ma per poter ambire ad una promozione e trasferimento fa buon viso; lui sembra svagato perché ha alle spalle il solito dramma scandinavo quindi vive trasandato, non rispetta le regole, e appartenendo all'Interpol inizialmente si strania dall'indagine. Lei essendo la parte femminile è iperattiva, autonoma, con legami familiari complicati ma ovviamente unica mente brillante in un gruppo di poliziotti burocrati, incompetenti e incapaci di fare due più due. Questi si alternano a politici e politiche che sono al servizio del popolo e però hanno qualche segreto (sempre d'infanzia) del quale sono inconsapevoli così presi dal loro ruolo di integerrimi rappresentanti del cittadino scandinavo. La trama si svolge con rapimenti di bambini, giovani capri espiatori con problemi sociali e di droga, finti colpevoli naturalmente pazzi emuli di assassini più feroci di loro, mutilazioni (se non ci sono elementi sanguinolenti non siamo in scandinavia) e un killer imprendibile che è sempre un passo avanti alla Polizia, aggira ogni posto di blocco, inserisce omini di castagne il cui significato solo i due eletti investigatori sviscereranno ed è guidato da un senso di vendetta che soltanto al termine del libro emerge (e quando si comprenderà chi è l'assassino, che ovviamente non svelo, cascano le braccia senza bisogno delle amputazioni perpetrate dallo stesso.....). Sinceramente queste figure di delinquenti assolutamente imprendibili e algidi irrita. Già mi sono stancato di leggere Kepler per la ripetitività di questo meccanismo, con assassini che sembrano morti ma ovviamente rinascono dalle loro ceneri perché il male, si sa , non muore mai: quindi non ho intenzione di leggere il prevedibile sequel di questo lavoro danese, evidentemente mirato a divenire presto un serial televisivo poi riedito con produzione USA ecc ecc ecc.....

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore

L'uomo delle castagne 2019-02-11 11:20:56 Mian88
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    11 Febbraio, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un buon esordio

Copenaghen. C’è qualcosa che non va. In campagna, e più precisamente presso la fattoria del vecchio Orum, un maiale morto lasciato sul luogo del decesso è un qualcosa di inconcepibile di normale, figurarsi se ad osservare la scena è Marius Larsen, un agente di polizia con tanti anni di lavoro alle spalle, a una settimana dalla pensione e con mille dubbi su quel cambiamento di vita ormai sempre più vicino e ostico come il più pesante dei fardelli. È questione di un attimo. Non resistere all’impulso, aprire quella porta socchiusa e trovarsi di fronte a corpi mutilati, cadaveri da scavalcare fino a loro; centinaia di “omini” fatti di castagne e fiammiferi, dalle forme deformi e incomplete, dalle fattezze infantili e dagli occhi ciechi. Occhi non tutti ciechi, però. Perché lui, l’assassino, si sta godendo la scena. Sta osservando i frutti del suo operato di morte e desolazione, si sta gustando le reazioni, si sta nutrendo di quelle sensazioni di paura, disgusto e terrore che aleggiano nell’aria.
Saranno Naia Thulin e Mark Hess ad indagare sul caso e a cercare di fermare quel male sadico che non perdona, che non concede attenuanti e che non offre spazio alcuno alla speranza. Ma non sarà semplice per loro fermare i piani di un uomo mosso da un qualcosa di così forte da anestetizzare ogni forma di scrupolo. Perché “L’uomo delle castagne” ha pensato a tutto, la sua vendetta sarà inarrestabile.
C’è poco da dire, quello di Søren Sveistrup è un esordio in grande stile, che funziona tanto per intreccio narrativo che per caratterizzazione dei personaggi. Soffre purtroppo però della presenza di qualche stereotipo comune (che funziona meglio sugli schermi che nelle parole scritte) quale ad esempio il canonico poliziotto tormentato ma le cui intuizioni sono geniali, la collaboratrice “pepata” che eviterebbe volentieri di affiancarlo e, ancora, il classico capo che è più preoccupato della visibilità mediatica che della risoluzione delle efferatezze. L’opera racchiude al suo interno molteplici generi letterari offrendosi agli appassionati come un volume che non è soltanto thriller quanto anche noir e poliziesco. Plurimi sono anche gli aspetti psicologici e gli elementi criminologici ivi inseriti.
Al tutto si somma uno stile narrativo fluido, composto da brevi capitoli, con un giusto carico di aspettative e cinematografico. Non dimentichiamoci, infatti, che lo scrittore nasce come sceneggiatore e per la precisione è ricordato dal pubblico del piccolo schermo per “The Killing” e il pubblico del grande schermo per aver curato la trasposizione de “L’uomo di neve” di cui all’opera di Jo Nesbo.
Il finale lascia ben ipotizzare la scrittura di un successivo capitolo delle avventure. Consigliato agli amanti del genere, a chi ama il brivido e a chi cerca un romanzo con cui staccare qualche ora, non particolarmente impegnativo nonché a chi ama le serie televisive.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato agli amanti del genere, a chi ama il brivido e a chi cerca un romanzo con cui staccare qualche ora, non particolarmente impegnativo nonché a chi ama le serie televisive.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il Mediterraneo in barca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto le lune di Giove
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Odio volare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La follia Mazzarino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Instinct
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri