La caduta La caduta

La caduta

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Una nuova avventura per Harry Bosch, anzi due. Harry sa che nel giro di tre anni dovrà andare in pensione e questo lo rende inquieto, desideroso di concentrarsi al massimo sul lavoro. Il primo caso riguarda un maniaco sessuale di 29 anni il cui dna combacia con quello ritrovato sul cadavere di una ragazza uccisa ventun anni prima, quando lui di anni ne aveva solo 8. Dov'è l'errore? Quella stessa mattina, Bosch e il suo partner vengono convocati dal capo della polizia su una nuova scena del crimine: il figlio di un uomo politico è stato trovato morto sul marciapiede sottostante uno dei più famosi alberghi di Los Angeles, lo Chateau Marmont. Suicidio o omicidio? Nel corso delle indagini Bosch scoprirà che i due casi sono strettamente legati e che si nascondono risvolti agghiaccianti.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
4.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La caduta 2015-07-04 08:48:48 Pelizzari
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    04 Luglio, 2015
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mostri che non si fermano

E’ vero che è un thriller, ma è soprattutto una storia dolorosa. Perché racconta di mostri che non si fermano, di traumi e perversioni sperimentate nell’infanzia che tornano a galla nell’età adulta e che condizionano la vita e la scelta di coloro che da bambini sono stati delle vittime. Rispetto ad altri libri dello stesso autore mi è sembrato però che mancasse un po’ di ritmo narrativo, un po’ di brio. L’ossatura del romanzo sta nel collegamento, che sembra impossibile, fra due casi, uno attuale ed un cosiddetto cold case. Questa è l’idea di base e decisamente buona. Però l’impressione è quella di un libro stanco, che si trascina un po’ da solo. Direi proprio sottotono rispetto ad altre storie dove il protagonista spumeggiava.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

La caduta 2015-06-05 15:01:34 violetta89
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
violetta89 Opinione inserita da violetta89    05 Giugno, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Stavolta ben due casi per Harry Bosch

Ad Harry Bosch e al suo partner è appena stato assegnato un caso, una ragazza stuprata e uccisa 20 anni prima di cui però sono state scoperte nuove prove, quando il figlio del suo acerrimo nemico ed ex capo della polizia Irving viene trovato morto: si è buttato da quella camera di hotel o è stato spinto giù? Irving chiede che ad indagare sull'accaduto sia proprio Bosch, perchè sa quanto sia integerrimo nel suo lavoro e che non si farà influenzare da niente. Per Bosch "Tutti contano e non conta nessuno" è il suo motto, ecco perchè vuole dedicare la stessa attenzione ai due casi, nonostante le pressioni di Irving.
Alla fine Bosch riuscirà a scoprire la verità in entrambi i casi, ma aprirà un vaso di Pandora che travolgerà anche lui...
Come al solito un ottimo libro, ben scritto, probabilmente in questo caso più che sulle indagini, Connelly si focalizza più sulla politica che muove le fila, vuole farci vedere come in ogni caso, ci siano sempre intrecciati gli interessi politici e anche colui che vuole fare il suo lavoro per bene, deve in qualche modo scenderci a patti. Il finale è un po' amaro, non una novità con Connelly.
Bosch è una certezza, mi conquista sempre, ora poi che grazie alla figlia, riesce a tirare il suo lato umano, mi piace ancora di più.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
La caduta 2015-01-04 11:48:16 GLICINE
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
GLICINE Opinione inserita da GLICINE    04 Gennaio, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

HARRY BOSCH INOSSIDABILE!

Nuovo thriller della serie dedicata al detective Harry Bosch, che non delude. Giusta dose di suspance, personaggi credibili, storia avvincente, ricca di avvenimenti in successione che tengono desta l’attenzione del lettore. Lo stile di Connelly è riconoscibile, la sua penna sapiente. Cosa si può chiedere di più ad un thriller che si rispetti?
Ma veniamo alla trama…
Il detective Bosch ed il suo collega David Chu, fanno parte del nucleo investigativo – Unità Casi Irrisolti – di Los Angeles, sono la sesta squadra che compone il team, alla quale vengono affidate le indagini più delicate, per le quali è richiesta molta esperienza. Nell’UCI vengono presi in esame tutti i casi per i quali non è mai stato identificato un colpevole e riesaminati utilizzando le ultime tecniche di laboratorio, per trovare e dare un nome a tracce non identificate nelle indagini risalenti fino a cinquant’anni prima.
Ecco che a ridosso della vacanze natalizie, come fossero strenne, vengono distribuite alla squadra ,buste provenienti dal laboratorio della scientifica con nuovi indizi investigativi riguardanti vari casi irrisolti.
Bosch deve trovare spiegazioni in merito al motivo per cui, per l’omicidio di Lily Price diciannovenne, avvenuto nel 1989, risulta che una traccia di sangue isolata sul collo della giovane, trovi riscontro con le caratteristiche del dna di un condannato per reati sessuali che all’epoca dell’omicidio sembra avesse solo otto anni. Possibile che un bambino sia da ritenere responsabile di un così violento crimine? Possibile che il laboratorio abbia sbagliato nell’esaminare il campione? Il rischio nel diffondere una notizia simile è che vengano messe in discussione, dagli avvocati della difesa, innumerevoli condanne ottenute seguendo le procedure in uso. Bosch intende fare chiarezza, ma soprattutto affidare alla giustizia il colpevole. Con la solita energia e caparbietà inizia l’analisi delle prove..
Appena i detective iniziano a prendere in esame i documenti del loro “caso freddo”, Bosch viene incaricato, su richiesta di un politico, con il quale in passato ha avuto più di uno scontro, di indagare sulla morte del proprio figlio, avvenuta in circostanze dubbie. Si tratta di omicidio o di un suicidio?
Bosch si trova impegnato in due indagini delicatissime, come un funambolo deve districarsi, tra le pressioni dei superiori dovute agli aspetti politici di un caso, alla possibilità, nell’altro caso, di mettere in luce pecche ed errori nella raccolta e gestione delle prove.
Non manca l’aspetto personale di padre di un’adolescente, spesso lasciata sola per seguire i propri casi, non mancano riflessioni sulla prossima prospettiva della pensione, che da un lato viene auspicata, ma dall’altro c’è il tentativo di procrastinarla il più a lungo possibile, non mancano nemmeno incomprensioni con il collega Chu.
Che dire di più! Connelly non delude, e Bosch, nonostante l’avanzare del tempo non perde lo smalto, come altri personaggi “storici”,che ormai fanno parte dell’immaginario dei molti appassionati del genere, anzi, come un buon vino, diventa più pregiato e prezioso e non diventa aceto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Assolutamente consigliatissimo a tutti gli appassionati del detective Bosch, ed anche a chi volesse farne la conoscenza, con il consiglio di iniziare dal primo libro della serie dedicata a questo personaggio incredibilmente forte.
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri