La casa dei fiamminghi La casa dei fiamminghi

La casa dei fiamminghi

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

«Insomma, che cosa ci faceva in quel posto? Non era in missione ufficiale! Qualcuno accusava i fiamminghi di avere ucciso una giovane donna, ma non era nemmeno sicuro che fosse morta! [...] «E, ammesso che fosse morta, l’avevano davvero uccisa? Magari, uscendo avvilita dalla drogheria, si era lasciata attirare dalle acque torbide del fiume. «Non c’erano prove! Non c’erano indizi! Machère procedeva a testa bassa, ma non avrebbe scoperto nulla, per cui da un giorno all’altro la Procura avrebbe certamente deciso di archiviare il caso. «Perché dunque Maigret si lasciava invischiare in quello scenario che gli era del tutto estraneo?»



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La casa dei fiamminghi 2017-10-02 05:25:17 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    02 Ottobre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non certo fra i migliori

Simenon ci abitua troppo bene, perché leggere i suoi romanzi costituisce sempre un’esperienza nuova e assai piacevole. Non è infrequente dire che si trova di fronte a degli autentici capolavori e quindi è evidente che quando ci si accinge alla lettura di un suo romanzo le aspettative sono molte. Capita, tuttavia, peraltro raramente, che queste aspettative vadano deluse e questo è accaduto con La casa dei fiamminghi, un poliziesco con protagonista l’inossidabile commissario Maigret, questa volta non in veste ufficiale, anzi addirittura chiamato come investigatore da una delle parti in causa. La vicenda di per sé è semplice e proprio per questo mi sarei aspettato che Simenon avesse lavorato maggiormente sui personaggi, che la sua analisi psicologica fosse più approfondita, e invece non è stato così tanto che gli attori di questa commedia della vita non riescono ad assumere un volto, restano sostanzialmente delle ombre, delle semplici comparse, quando invece dovrebbero essere dei protagonisti. E poi la conclusione, con Maigret che nulla mette in pratica per far arrestare il colpevole mi ha lasciato di stucco, perché non è che ci si trovi di fronte a una vittima che si ribella ad anni di angherie, ma a un personaggio che, con mente lucida, premedita un feroce omicidio. Insomma, se non fosse per la bellissima descrizione del fiume Mosa in piena, questo romanzo non sarebbe diverso da tanti insignificanti gialli di anonimi autori.
E sì, da Simenon ci si attende senz’altro di più.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
La casa dei fiamminghi 2017-09-12 17:41:03 catcarlo
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    12 Settembre, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nella media

Certo che, per essere un commissario parigino, Maigret se ne va parecchio in giro: come nel precedente ‘Il caso Saint-Fiacre’, eccolo in trasferta (convocato là da una lettera anonima, qui direttamente da un’appartenente alla cerchia dei sospettati) a seguire nel tempo libero una non-indagine nella quale, almeno all’inizio, manca persino una vittima accertata. In un paesino sulla Mosa vicino al confine franco-belga – un posto umido e piovosissimo, va da sé – una giovane donna del popolo è svanita nel nulla dopo aver dato alla luce un figlio il cui genitore è il rampollo dell’unica famiglia fiamminga del paese, assurta allo status piccolo-borghese perché i barcaioli loro compatrioti si rivolgono solo al modesto emporio che gestiscono in una zona periferica: i rimanenti abitanti sono convinti che proprio in quella casa sia da ricercare il motivo della scomparsa. Affiancato da un poliziotto locale meno stupido di quanto sembrerebbe, Maigret si dedica all’analisi delle circostanze e, soprattutto, degli accusati che vivono nel loro mondo chiuso: un padre instupidito dalla vecchiaia, una madre che tutto regola, due figlie di cui una prende ogni iniziativa e l’altra che non si vede mai, più il suddetto fratello portato in palmo di mano da chiunque e adorato dalla scialba fidanzata. Ennesima riproposizione del classico microcosmo autoreferenziale di Simenon, tanto a modino fuori, quanto minato da grosse magagne all’interno con l’aggravante della rigidità data dal perbenismo luterano come già in ‘Un delitto in Olanda”: il commissario dà l’impressione di divertirsi nella sua caccia al sepolcro imbiancato, facendosi al contempo rimpinzare nella dimora dei fiamminghi e tenendo d’occhio la povera abitazione della ragazza, il di lei fratello sbruffone (peraltro l’unica figura poco riuscita al punto da dar l’impressione del riempitivo) oltre a un marinaio ubriacone che pare sapere troppe cose. Una volta di più la soluzione, più che venir scoperta, finisce per venire a galla da sé senza però regalare soddisfazione a chicchessia, tanto meno al Maigret che percorre immusonito l’acido capitolo conclusivo. Il risultato è un romanzo diseguale e non annoverabile tra i migliori della serie, ma comunque capace di coinvolgere nella sua atmosfera fondamentalmente malsana.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri