La deviazione La deviazione

La deviazione

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La campagna cristallizzata nel gelo invernale. Una fattoria da riaccomodare. Poi gli animali che abitano il pascolo, i boschetti, la palude. E le dieci oche della fattoria. Il mondo che Agnes si è scelta è tutto qui. Questi sono gli esseri viventi con cui è in contatto. Alle spalle si è lasciata un piccolo scandalo, un lavoro di prestigio e soprattutto un marito che sta seguendo le sue tracce con l'aiuto di un amico poliziotto, per riportarla a casa. Ma per quanto cerchi di tagliare i ponti con il passato, c'è qualcosa di oscuro e pericoloso da cui, forse, non riuscirà a liberarsi.



Recensione della Redazione QLibri

 
La deviazione 2015-06-19 19:07:19 cuspide84
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cuspide84 Opinione inserita da cuspide84    19 Giugno, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

OCHE ALLA DERIVA

Una donna. Una famiglia. Una casa. Una vita. Dieci oche grasse in cortile.

Una donna sola. Una famiglia lontana da cui si è allontanata. Una casa sperduta in un paese sconosciuto. Sette oche grasse in cortile.

Una donna con le sue pastiglie, le sue domande, i suoi perchè e le risposte ai suoi interrogativi. Una casa che sa di vecchia, della vecchia che ci abitava prima; una casa che sta iniziando a rinnovare, a partire dal giardino. Sei oche in cortile.

Una donna che si taglia i capelli per non essere riconosciuta, ma da chi, visto che nessuno la conosce in quel paese? Una casa che ora ha due nuovi inquilini, un ragazzo e un cane, Sam, che la tratta come una sua simile. Cinque oche.

Natale. Un albero addobbato con palline e luci natalizie. Una cena da preparare, un regalo sotto l'albero. Quattro oche.

Una cartolina con una scritta: Arrivo.

Una donna che nasconde e cancella ogni sua traccia.

Una donna sola su un materasso. Quattro oche in riverente attesa.

Un libro veloce, schietto, insolito. Un libro che non ti aspetti, un finale non narrato che lascia l'amaro in bocca, la voglia di combattere che piano piano si perde per strada, nostalgia, malinconia, tristezza, delusione, forza, coraggio... tutto in un'unica donna.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
1.0  (1)
Piacevolezza 
 
1.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La deviazione 2015-12-13 15:31:37 Pelizzari
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    13 Dicembre, 2015
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

STANCHEVOLISSIMEVOLMENTE

Il libro inizia in un modo curioso parlando di questa donna, che si rivela poi la protagonista, la donna dei tassi, che sembra essere fuggita non si sa bene se da qualcuno o da qualcosa e si ritrova a vivere in un posto un po’ isolato, un po’ in mezzo alla natura ed agli animali e qualcosa (ma solo qualcosa…) sembra ricordare le atmosfere del Walden di Thoreau. Proseguendo la lettura ti accorgi però che quella curiosità iniziale che il libro aveva suscitato in te va via via scemando, perché il libro sembra proprio trascinato e stanco, tanto che ti stanchi sempre di più anche tu di mano in mano che giri le pagine, oltre ad essere disseminato di “tam-tam” che, oltre che inutili, diventano fin fastidiosi, come quello della presenza delle oche o quello ancora peggiore dell’”odore di vecchia” che ossessiona la protagonista e di cui non ne puoi veramente più quando arrivi alla fine. L’unica cosa positiva è la capacità dell’autore di far intuire come una persona può essere vulnerabile quando non sa più cosa fare, come andare avanti o indietro. Forse anche l’autore non sapeva bene cosa scrivere, né prima né durante né dopo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita alla finestra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri