La poltrona e il rasoio La poltrona e il rasoio

La poltrona e il rasoio

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Jimmy Norton è un importante uomo d’affari londinese, ma la Grande Depressione ha messo in ginocchio anche lui e ha deciso di ritirarsi a riflettere al Mount Lelland Hotel, un albergo di sua proprietà. Ed è lì, in un angolo del salone, che viene trovato morto con la gola squarciata. Il rasoio rinvenuto accanto al cadavere reca soltanto le sue impronte, e l’inchiesta di rito si conclude con un verdetto di suicidio. Un anno dopo Michael Seavington, un vecchio conoscente di Norton, va a soggiornare al Mount Lelland e subito viene accostato da uno strano tipo di nome Gabriel Parrett. Questi, sostenendo di vantare crediti da Norton, vuole dimostrare che l’uomo è stato ucciso, così che i premi delle sue assicurazioni sulla vita possano essere liquidati a favore dei creditori. Ma il povero Parrett non riuscirà nel suo intento, perché finirà anche lui con la gola squarciata.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La poltrona e il rasoio 2013-12-16 08:04:44 SuperBob
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
SuperBob Opinione inserita da SuperBob    16 Dicembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Interventi d’alta finanza


Note orientate alla trama: In un famoso hotel della costa britannica viene rinvenuto su di una poltrona collocata in un salotto appartato il corpo di James Norton - un importante uomo d’affari nonché padrone dello stesso albergo -, con la gola recisa. Ai suoi piedi viene rinvenuto un rasoio insanguinato. Ad un anno esatto dalla sua morte, considerata fino ad allora un suicidio, un altro cadavere viene ritrovato sulla stessa poltrona di Norton, anche lui con la gola squarciata da un rasoio posto ai suoi piedi. La vittima era un socio di Norton, Gabriel Parret, il quale stava indagando pubblicamente sullo strano suicidio del collega, a causa di fattori inerenti alcune assicurazioni sulla sua morte. Un mystery d’autore in cui è l’alta finanza a farla da padrone.


Rilassante come la poltrona di casa, al contempo penetrante come un rasoio ben affilato. In questa contraddizione di termini sta l’essenza dell’interessante mystery intitolato, appunto, La poltrona e il rasoio, dello scrittore australiano Paul McGuire. Un romanzo davvero appassionante, che tratta, tra l’altro, un argomento mai come oggi all’ordine del giorno: il condizionamento del mercato azionario per mezzo di attività al limite della legge. La sua trama ne è la riprova. Jimmy Norton, un importante uomo d’affari londinese, trovandosi in brutte acque a causa della “Grande Depressione” dei primi anni Trenta, ha deciso di ritirarsi a riflettere al Mount Lelland Hotel, un lussuoso albergo di sua proprietà. La sera stessa del suo arrivo viene rinvenuto cadavere su una poltrona di un salottino appartato, con la gola squarciata. A terra viene rinvenuto dalla polizia un rasoio a lui appartenente con tanto di sue impronte. Dopo approfondite indagini - condotte sia dagli investigatori di Scotland Yard sia da quelli del Ministero degli Interni, a causa delle importanti ripercussioni finanziarie - la conclusione dell’inchiesta appare evidente: suicidio della vittima a causa di una crisi depressiva. Esattamente un anno dopo, a soli pochi giorni dalla tragica ricorrenza, Michael Seavington, un conoscente di Norton, va a soggiornare al Mount Lelland e quasi subito viene avvicinato da Gabriel Parrett, un uomo alquanto bizzarro dai mille interessi finanziari. Questi, che sostiene con vigore di vantare notevoli crediti da Norton, confessa a Seavington che ha l’intenzione di dimostrarne la barbara uccisione, di modo che i suoi premi assicurativi sulla vita possano essere indennizzati ai creditori. Parrett, che non fa mistero delle proprie indagini, non riuscirà però nel suo scopo poiché finirà anche lui per essere ritrovato, con la gola squarciata, sulla stessa poltrona di Norton, con ai suoi piedi un altro rasoio insanguinato. Seavington si ritroverà così, suo malgrado, al centro di un’intricata ragnatela - tesa da alcuni clienti e dirigenti del lussuoso albergo, che hanno diversi segreti da tutelare e che faranno di lui il loro confidente, ognuno con uno scopo ben preciso. Ed è proprio questo vasto campionario di personaggi, composto dalle più svariate individualità, a dare brio a questo mystery - pubblicato nel 1933, e finora inedito in Italia - dal ritmo narrativo alquanto sonnacchioso, proprio come la vita che conducono in questo hotel. Una monotonia rotta, però - e qui sta la vera forza del racconto -, da una fin troppo arzilla vecchietta, miss Polden, un personaggio davvero indimenticabile e dalle mille risorse, come si rileverà procedendo nella lettura di questo classico giallo di stampo britannico.
Un mystery ben congegnato, composto con stile - anche grazie ad un’armoniosa scrittura - da Paul McGuire, che ha soprattutto il merito di aver descritto con piglio deciso una vicenda basata sull’alta finanza e sulle sue raffinatissime truffe.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Spin
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Later
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Sangue inquieto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri