La vendetta del diavolo La vendetta del diavolo

La vendetta del diavolo

Letteratura straniera

Autore

Editore

Casa editrice


Ignatius Perrish ha passato tutta la notte tra alcol ed eccessi. Il mattino dopo si sveglia con i postumi di una sbronza tremenda, un mal di testa infernale... e un paio di corna che gli spuntano sulla fronte. Nell'ultimo anno ha vissuto in un solitario purgatorio personale, dopo la morte della sua amata, Merrin Williams, violentata e assassinata in circostanze mai chiarite. L'assassinio della fidanzata si è abbattuto su Ig come una maledizione: pur essendo innocente, agli occhi della gente è lui l'unico colpevole, e si è comprato l'assoluzione grazie al suo denaro. Tutti, ormai, l'hanno abbandonato. Tutti, tranne uno: il suo demone interiore.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La vendetta del diavolo 2015-06-30 10:15:54 Elisabetta.N
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Elisabetta.N Opinione inserita da Elisabetta.N    30 Giugno, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi!

Mi sono accostata a questo libro con molta cautela; non sapevo cosa aspettarmi e speravo che lo stile di Joe Hill, rispecchiasse almeno in parte quello del padre ed infatti ho trovato molto di Stephen king in lui.
Ma passiamo al romanzo in questione.

Ig, dopo una notte folle passata ad ubriacarsi a causa della morte della fidanzata Merrin, della quale è accusato da tutti (anche se ufficialmente scagionato per mancanza di prove), si risveglia con un bel paio di corna pulsanti.
Da quel momento in poi, ogni persona che Ig incontrerà potrà dire solamente la verità, per quanto spiacevole essa possa essere.
Questo è solo l’inizio del romanzo, un inizio carico di premesse che si svilupperanno pagina dopo pagina e flashback dopo flashback.

Mi è piaciuta molto la forte simbologia che ripercorre tutto il romanzo, il bene e il male non completamente distinti, un cattivo visto come un uomo giusto, compassionevole e perfetto, e un buono visto… beh, come un diavolo!
Questo rende il romanzo molto complesso al di là della trama o della storia in sé.

“Diceva che Satana compare in un sacco di altre religioni, solo che certe volte è buono. Di solito è quello che si porta a letto con un trucco la Dea della fertilità e dopo un po’ fanno nascere il mondo”

Per quanto riguardo lo stile, ho visto molto di King mentre leggevo, d’altro canto penso che sia inevitabile.
Ma è poi giusto paragonare il figlio con il padre? Non si dovrebbe considerare lo scrittore in se e non come figlio di qualcuno?
Beh, anche in questo caso le mie impressioni sono molto buone.
Lo stile è scorrevole e il ritmo è sostenuto fin dalle prime pagine e verso la fine accelera molto, cosa che potrebbe apparire ad alcuni sgradevole ma che invece a me è piaciuta, in quanto idonea con i fatti narrati.
Inoltre ho trovato che i personaggi principali fossero ben caratterizzati, ad eccezione forse di Lee sul quale ci sarebbe stato ancora molto da dire. Invece Ig e Merrin risultano essere personaggi completi e complessi soprattutto una volta che tutti i tasselli vengono messi al loro posto e tutto viene svelato.

Ci sarebbe molto altro da dire, ma senza citare i fatti e gli avvenimenti è pressoché impossibile rendere bene l’idea della complessità e del simbolismo di questo romanzo, quindi… buona lettura!

“Solo il diavolo opera con tutte le ragioni, promettendo di punire coloro che rendono la terra stessa un inferno per chi osa amare e provare sentimenti… Il diavolo è sempre pronto ad aiutare chi è pronto a peccare, che è un altro modo per dire “vivere””

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

La vendetta del diavolo 2012-06-17 10:11:07 90Peppe90
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
90Peppe90 Opinione inserita da 90Peppe90    17 Giugno, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La progenie del "Re"

Quando ho comprato "La vendetta del diavolo", non sapevo ancora che Joe Hill fosse figlio del "Re", Stephen King. Dopo averlo letto, ho provato un misto di curiosità e delusione. Curiosità, perché volevo proprio vedere se Hill fosse all'altezza del padre (nessuno può essere all'altezza di King, però) e delusione in quanto ho pensato "Caspita, spero non abbia fatto successo soltanto perché è figlio di Stephen King". Ed entrambe le emozioni sono state spazzate via: Hill non è all'altezza del padre e non ha fatto successo perché è figlio di King. Hill è comunque un ottimo scrittore, e il successo che ha riscosso con questo romanzo se l'è meritato tutto. "La vendetta del diavolo" riesce a catturare il lettore, grazie ad un'intrigante trama, ad un insieme di personaggi ben caratterizzati, ognuno con i propri segreti che verranno via, via svelati. Non lo definirei horror così come lo definiscono alcuni commenti tratti da riviste americane e che si trovano nel retro copertina. Forse non è il massimo dal punto di vista innovativo (alcuni elementi mi sono sembrati simili al film/fumetto "Il Corvo"), ma è comunque un ottimo prodotto, da leggere tutto d'un fiato. Quindi, con la speranza che Hill sforni altri romanzi dello stesso calibro (se non superiori), concludo con il consigliare questo romanzo a chi non l'ha ancora letto!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Il tunnel
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lazarus
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri