La voce dei morti La voce dei morti

La voce dei morti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Torna l'antropologo forense David Hunter, e torna per proseguire un caso iniziato otto anni prima, quando avevano trovato i corpi delle vittime di un serial killer reo confesso di quattordici omicidi. Si chiamava Monk. Ora, otto anni dopo, Monk è fuggito; per questo Connors, l'ambizioso poliziotto che allora aveva condotto le indagini, e Sophie, la psicologa che era stata coinvolta, si rivolgono a Hunter terrorizzati. In effetti, le paure di Sophie sono fondate,perché di lì a poco viene rapita proprio da Monk.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
2.6
Stile 
 
2.8  (4)
Contenuto 
 
2.8  (4)
Piacevolezza 
 
2.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La voce dei morti 2012-08-26 12:10:47 alessio
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
alessio Opinione inserita da alessio    26 Agosto, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

non è quello che mi aspettavo

Ho letto tutti i libri di Beckett ma questo purtroppo è ben lontano dai precendenti.Sembra quasi che l'autore sia stato obbligato a scrivere per forza un libro.La parte iniziale è molto interessante ha bel "ritmo" peccato che poi va sfumare pagina dopo pagina,mancano colpi di scena veri e propi e alcuni capitoli sono un po noiosi,carino il finale ma forse un po scontato. Purtroppo non è questo il libro per conoscere meglio l'autore,infatti consiglierei di leggere "la chimica della morte" e "scritto nelle ossa" per capire la bravura di Simon Beckett
nel scrivere trhiller.
Spero che il prossimo libro sia meglio

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
La voce dei morti 2011-10-30 18:51:04 cesare giardini
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    30 Ottobre, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un thriller grigio

A mio giudizio non paragonabile alle più navigate e classiche Cornwell e Reichs, Simon Beckett ha tuttavia confezionato un buon thriller con la giusta dose di tensione, tutta incentrata sulla caccia ad un serial killer in fuga, braccato capitolo dopo capitolo sino al colpo di scena finale. L’atmosfera è opprimente, grigia, pioggia e fango rallentano le indagini, la ricerca di cadaveri sepolti da anni mette in contrasto antropologi forensi e medici legali, ricercatrici e poliziotti, ognuno con storie, caratteri e capacità diverse. Qualche incongruenza emerge qua e là, soprattutto nella descrizione del cosiddetto mostro ritenuto assassino, il quale assume caratteristiche quasi diaboliche nei primi capitoli per poi lasciarsi andare, verso la fine del romanzo, a malinconiche confessioni ed a comportamenti contrastanti. Comunque, alla fine giustizia sarà fatta. Nei romanzi delle “ concorrenti “ americane (intendo la citate Cornwell e Reichs) c’è più spazio per descrizioni tecniche e per indagini diagnostiche sofisticate, che dovrebbero rallentare o quanto meno smorzare l’interesse dei comuni lettori digiuni di medicina legale; accade invece il contrario : le pagine specialistiche risultano perfettamente integrate nella vicenda, fanno tutt’uno con essa e rendono l’evolversi della vicenda vieppiù interessante e, oserei dire, affascinante. Tutto questo non si “sente” in Beckett : il suo romanzo ha sì una sua storia abbastanza intrigante, ma manca o è presente in maniera poco incisiva il risvolto tecnico-scientifico, che sembra piaccia agli amanti del genere. Una cosa però Beckett ce la insegna : i numeri della dissoluzione (uno, due, otto ), in base ai quali i corpi vanno incontro alla decomposizione post-mortem, a parità di clima : rispetto ad un cadavere esposto all’aria, la decomposizione avverrà con il doppio del tempo nell’acqua e otto volte più lentamente sotto terra. Non è un grande insegnamento, ma basta e avanza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Thriller a sfondo medico-legale
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
La voce dei morti 2011-05-25 15:36:12 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    25 Mag, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Winthropping della geografia dei sentimenti

Se provate a googlare la parola winthropping vi ritroverete la classica pagina con lo stemma della polizia anglosassone che di tanto in tanto fa sobbalzare gli hacker dalla sedia di fronte al monitor(vedi Julian Assange) , ma niente paura,tuttalpiù voi vi trovere un'informativa della Police Service che vi spiega che si tratta di una tecnica investigativa nata negli anni settanta in campo militare, serviva ai soldati inglesi per studiare la geografia di un territorio, quest'analisi gli permetteva di individuare i posti dove più probabilmente era stato nascosto materiale bellico dal nemico, a guerra finita, questa tecnica fu mutuata dai detective di Scotland Yard per individuare in aperta campagna i posti dove un serial killer avrebbe potuto nascondere il cadavere di una vittima, stando agli Inglesi funziona (da noi non funzionano neanche i cani molecolari!) David Hunter, il medico legale protagonista di questo thriller, il sergente Terry, l'antropologo forense Wainwright e l'esperta di winthropping Sophie Keller sono nell'estrema periferia londinese, in piena brughiera, nel bellissimo Dartmoor, sono alla ricerca dei cadaveri di due ragazzine, le sorelle Bennett, che un "mostro", il serial killer Jerome Monk, deve aver sepolto da qualche parte ,il ritrovamento dei cadaveri dopo otto anni di indagini infruttuose rappresenterebbe la fine di un incubo e la certezza di punire per tutti i delitti commessi Jerome Monk nel frattempo finito in carcere per l'assassinio di un'altra ragazza.Ma come scoprirete leggendo il romanzo alle volte per individuare i nascondigli bisogna saper leggere la geaografia dei sentimenti, sono i paesaggi interni all'animo umano a nascondere i dirupi più pericolosi.
(Da comprare in aeroporto in paperback quando l'Alitalia ti ha spostato il volo, 448 pagine servono tutte)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Thriller tipo Patricia Cornwell e giù di lì
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
La voce dei morti 2011-05-14 15:47:19 Sydbar
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Sydbar Opinione inserita da Sydbar    14 Mag, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La voce dei morti

A volte gli autori, attraverso la lettura di alcune loro opere, mi inducono a pensare di ritrovarsi nel "dover" scrivere per rispettare le scadenze di alcuni contratti con le case editrici e seppur i libri di Simon Beckett che ho avuto il piacere di leggere e recensire, per me sono sempre stati di un certo spessore qualitativo, quest'ultimo mi sembra quasi non creato dalla sua fantasia creatrice.
Affrettato nello stile, mi viene da aggiungere, quasi scritto perchè erano rimaste delle pagine bianche che chiedevano dell'inchiostro.
Per niente interessante, in alcuni tratti quasi ridondante e forzatamente descrittivo per riempire la mancanza di un contenuto che ha reso affascinante le sue storie precedenti.
Nel complesso non posso sentirmi di suggerirne la lettura perchè manca proprio di suspance a causa di una trama forzata che si arrampica sugli specchi.
Con molta amarezza Beckett questa volta è rimandato con la speranza ed un augurio per le sue prossime eventuali scritture.
Tristemente, buona lettura a tutti.
Syd

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri