Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror Lo sconosciuto delle poste
 

Lo sconosciuto delle poste Lo sconosciuto delle poste

Lo sconosciuto delle poste

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La mattina del 19 dicembre 2008 la vita di Montréal-la-Cluse, un borgo al confine con la Svizzera, è sconvolta dall'efferato omicidio di Catherine Burgod. La donna, quarantenne, incinta, viene trovata uccisa con ventotto coltellate nell'ufficio postale in cui lavorava. Dalla cassaforte sono spariti poco meno di tremila euro. L'ufficio, nel cuore del paese, si affaccia su una via stretta e ha un'unica entrata: eppure nessuno ha visto né sentito niente. Nei dintorni tutti vengono ascoltati, la caccia all'assassino si fa serrata. Il primo indiziato è Gérald Thomassin, un attore, giovanissimo vincitore di un Premio César come promessa del cinema, e già interprete di una ventina di film. La sua vita tra il cinema e la strada, tra la celebrità e i quartieri popolari da cui proviene e a cui sempre ritorna, rappresenta un'incognita per gli abitanti del paese: in fondo, è rassicurante e scontato trovare in lui il colpevole ideale, facile bersaglio per i suoi trascorsi ai margini. Ben presto, l'inchiesta si rivela complessa e irta di ostacoli e, ogni volta che il caso sembra risolversi, le carte in tavola si scompigliano e il mistero si infittisce. Sono serviti sette anni a Florence Aubenas per delineare questa storia vera, per dare voce alle persone coinvolte, per tracciare il ritratto di un angolo di Francia poco noto, un tempo rurale ma improvvisamente industrializzato e divenuto un crocevia del traffico di droga, per ricreare gli ingranaggi della giustizia e restituire il mondo dei servizi sociali. "Lo sconosciuto delle poste" è la storia di un crimine impenetrabile, è il resoconto di un'inchiesta poliziesca e giudiziaria, ma soprattutto è la storia di uomini e donne turbati, feriti, vulnerabili. E della loro dignità.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Lo sconosciuto delle poste 2022-01-20 06:30:13 68
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    20 Gennaio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mistero oltre l’ovvio mostrarsi

Una storia vera, protagonista delle cronache a partire dal 2008, ricostruita dettagliatamente e romanzata da Florence Aubenas, giornalista e scrittrice, con l’ intento di restituire un senso e una verità tuttora immerse in un mistero profondo e innominato.
Un noir che si tinge di vita vissuta in un borgo di provincia tra la Francia e la Svizzera, Montreal la Cluse, incastrato in mezzo alle montagne, a seguito dell’ omicidio efferato di Catherine Burgod, quarant’anni, alta, bella, di solito bionda, impiegata delle Poste.
Ventotto coltellate, nessun movente se non a scopo di rapina, forse un delitto passionale, ma perché tanto accanimento e di chi è la colpa, il paese è piccolo, tutti si conoscono ma nessuno ha visto niente.
È qui che si ricerca il colpevole e si restringe il campo, si pensa ai famigliari, all’ ex marito tradito, al padre ingombrante che ha fatto di tutto per trattenere la figlia, al nuovo compagno, e poi Catherine era in dolce attesa.
La sua pareva una vita perfetta, un matrimonio e due figli, una cerchia di amiche di infanzia, relazioni sociali consolidate, ma oltre l’ apparenza il buio, il forte desiderio di sparire, anche di morire.
Di fronte a un’ indagine singhiozzante e a un immobilismo che esige un colpevole c’è un altro indizio, a un certo punto il solo e un volto, quello di Gerald Thomassin, un parigino capitato in mezzo alle montagne quasi per caso, un ex attore di successo, vissuto tra violenza e riformatorio, una fama giovanile sfumata negli abissi di un passato tormentato e dissolto in una mente contorta affondata tra droga e alcool.
Thomassin va snocciolando senza sosta la propria vita in un paese di taciturni, si barcamena grazie a un sussidio governativo, abita di fronte alle poste, frequenta compagnie poco raccomandabili, non lavora da tempo, ha bisogno di denaro e conosceva la vittima, è uno sbandato che ha smarrito la strada maestra.
Di certo quello di Catherine Burgod non è un suicidio, il colpevole è lì’, da qualche parte, ma il paese comincia a ritrarsi e a chiudersi in se stesso, l’omicidio ha lasciato tutti nello sconcerto, una misera refurtiva per un massacro siffatto, che si tratti di un delitto passionale?
A Montreal la Cluse si conosce tutto di tutti, orari, spostamenti, è una regione poco popolata, ma dalle seicento testimonianze raccolte emerge un vuoto eccedente, come se l’ assassino si fosse dissolto nel paesaggio.
La colpa converge su Thomassin anche se le tracce del dna rinvenute non sono le sue ma quelle di uno sconosciuto, il tempo passa, ci sono nuove testimonianze, la famiglia ( il padre di Catherine ) esige un colpevole, Gerald è uno sbandato, un attore multiforme, che sa mentire ed entrare nei panni dell’ altro, ritagliarsi un ruolo, sdoppiarsi, immedesimarsi, l’ incubo di una vita dissolta lo ha portato a straparlare di se’ sempre e comunque.
Quando il caso pare instradato in una soluzione di colpevolezza improvvisamente si riapre, inscenando una vicenda diversa e tutt’altra storia, Il ritmo si fa incalzante, quello che è stato potrebbe non essere, avvalorare un’ ipotesi o confermare la stessa. La ricerca di un colpevole devia obbligatoriamente per accogliere una formula inversa, non del tutto convincente, all’ inseguimento di una giustizia finalmente giusta.
Una storia ben scritta, anni di ricerche dettagliate, testimonianze, interviste, vita vissuta in loco, un credibile approfondimento giornalistico di una vicenda nebulosa e complessa, che restituisce un’ umanità fragile e contorta dietro l’ovvio mostrarsi.
Oltre la cronaca un mondo relazionale sommerso e una figura, quella di Gerald Thomassin, da subito tintasi d’ altro, a metà tra la realtà e la fiction, un ingrediente che pare stridere e alimentare l’ immaginazione di un inventore di storie, ma qui non c’è niente di inventato, per dissolversi misteriosamente come nella trama di un film lasciando la scena ad altri, senza un colpevole certo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vita in vendita
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Girl in snow
Avversario segreto
L'ermellino di porpora
Otto perfetti omicidi
Città in fiamme
Lupa nera
Prede
Il cercatore di tenebre
La solitudine del ghiaccio
Il mistero della signora scomparsa
Cuori in trappola
La sua verità
Il seme del terrore
Autopsia
Nulla ti cancella
Le ore più buie