Mai far cazzate Mai far cazzate

Mai far cazzate

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Mai far cazzate, romanzo di Jens Lapidus edito da Mondadori. In uno scantinato, il poliziotto Thomas Andrén trova il cadavere sfigurato di un uomo al quale sono stati mozzati i polpastrelli delle mani. Thomas nota anche dei buchi di siringa: facile concludere che si tratti di un tossicodipendente, giunto al capolinea di una delle tante vite perdute che attraversano la bella Stoccolma. Ma perché renderlo irriconoscibile? Chi era quell'uomo? Dal rapporto di Thomas sparisce il particolare dei buchi, e neanche l'autopsia ne fa cenno. Thomas è un poliziotto cinico, dai modi spesso brutali, e non è certo un esempio di onestà, ma di fronte a una così palese manomissione della verità non può restare a guardare. Mosso da un residuo senso di giustizia, o forse solo da orgoglio ferito, decide di andare in fondo al mistero. A Stoccolma è tornato a vivere l'ex mercenario Niklas Brogren. Appena rientrato dall'Iraq, Niklas è un uomo solo, impreparato alla vita lontano dai campi di battaglia, e non può sfuggire al risorgere dei fantasmi della sua infanzia, marchiata dalla brutalità del patrigno nei confronti della madre. Incapace di chiedere aiuto, Niklas si ripiega su se stesso, sviluppando una violenta avversione contro gli uomini che maltrattano le donne. Mahmud al-Askori, invece, dall'Iraq è venuto via da bambino, approdando in una Svezia particolarmente fiera del proprio modello d'integrazione. Ma qualcosa è andato storto, e Stoccolma da terra promessa si è fatta terra di conquista per piccoli e grandi criminali. Mahmud appartiene alla schiera dei primi, ma la fluida realtà della capitale è l'ideale per chi come lui vuole scalare le gerarchie: in città tutto può succedere, sempre che lo voglia anche Radovan Kranjic, capo della mafia serba, imprendibile burattinaio di ogni malaffare. I tre protagonisti incrociano i propri destini in una vicenda che non è solo cronaca della straordinaria normalità del crimine, ma tocca anche i nervi scoperti della recente storia svedese, immergendosi con lucida e appassionata partecipazione nella coscienza di una nazione che ha perso la sua innocenza.

Jens Lapidus (Stoccolma, 1974), avvocato penalista in un importante studio, ha raggiunto la notorietà in patria con la pubblicazione di La traiettoria della neve (Mondadori, 2009), rimasto per due anni in cima alle classifiche scandinave. Nonostante sia diventato un personaggio pubblico, continua il suo lavoro di legale a Stoccolma, dove vive con la moglie e il figlio.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Mai far cazzate 2010-10-13 14:15:38 sabrinat2601
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
sabrinat2601 Opinione inserita da sabrinat2601    13 Ottobre, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Squadra che vince non si cambia

Squadra che vince non si cambia!
Ho letto il precedente romanzo di Lapidus e gli ingredienti sono i medesimi e quindi altrettanto riusciti.I personaggi principali sono tre: un ragazzo difficile di origini extracomunitarie, un poliziotto scandinavo dalle maniere non troppo dolci e un ex militare. L'autore descrive le vite di questi tre soggetti mettendo in evidenza l'aspetto umano della loro personalità, i loro problemi e le angoscie. La Svezia come cornice al quadro di criminalità che Lapidus ha creato e che svela il marcio dietro al bianco candido della neve scandinava.
Thriller consigliato, molto scorrevole e che tiene comunque e sempre il fiato sospeso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La traiettoria delle neve
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore

Mai far cazzate 2010-08-09 13:50:59 john64
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
john64 Opinione inserita da john64    09 Agosto, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lapidus: un narratore freddo, ma al tempo stesso a


Ho letto sia il primo romanzo della trilogia di Lapidus "La traiettoria della neve" (in realtà "Soldi facili") sia il secondo "Mai far cazzate". Li ho trovati romanzi di notevole interesse, anche se il primo mi è piaciuto e mi ha colpito più del secondo. Lo stile è molto freddo e analitico, sociologico, anche, direi, ma ha un suo fascino che ti prende... almeno, a me, perchè capisco che ad altri possa piacere meno. Comunque è ben scritto, mi pare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lapidus
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri