Memorie di un rettile Memorie di un rettile

Memorie di un rettile

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Liv è una studentessa dall'infanzia travagliata, che annega il proprio disagio in serate a base di alcolici, heavy metal e canne con gli amici più stretti. Trova conforto nella compagnia di Nero, un piccolo di pitone moluro dal quale si sente profondamente attratta e con cui instaura una simbiosi oscura e sempre crescente. Quattordici anni dopo, in una cittadina della costa norvegese, Mariam è in giro a fare acquisti con la figlia Iben quando, dopo un banale litigio, la ragazzina si allontana facendo perdere le proprie tracce. L'ipotesi di una sparizione volontaria si trasforma per Mariam in un angosciante timore, le cui radici affondano in un altro luogo e in un altro tempo. A indagare sul caso c'è Roe Olsvik, un introverso ispettore di polizia con una condotta irreprensibile e una tragedia familiare alle spalle. Il suo comportamento improvvisamente ambiguo, però, inizia ben presto a destare dei sospetti. Che cosa lega Liv a Mariam? Quali sono i fantasmi che affliggono la vita di Roe? E qual è il ruolo di Liv all'interno dell'indagine? I personaggi di questo thriller caleidoscopico nascondono tutti un passato misterioso, qualcosa che li ha segnati e che non li abbandona. Le loro storie, in apparenza così lontane, si riveleranno intimamente legate, in un costante cambio di prospettiva dove niente è ciò che sembra, e nessuno è chi dice di essere.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Memorie di un rettile 2021-08-16 13:05:11 Bruno Izzo
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    16 Agosto, 2021
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Piton therapy

Questo è il romanzo d’esordio di una scrittrice norvegese, un thriller che magari ci sorprende, abituati come siamo a considerare i paesi scandinavi come il paradiso del vivere civile, la patria del socialismo ideale, dove educazione, correttezza, rispetto delle leggi ma anche molto di più, tolleranza, apertura mentale e progresso rappresentano i paradigmi indiscutibili su cui sono fondate l’etica ed il comune denominatore di vita della popolazione.
Dal che se ne deduce che il tasso di criminalità assuma un valore tale da non stuzzicare granché l’inventiva degli scrittori del genere. Manca la materia prima fonte d’ispirazione, quasi verrebbe da dire. Invece, molti autori che di recente vanno per la maggiore ci hanno mostrato che non è affatto così, sfornando testi gradevoli, piacevoli ed esemplificativi a mostrare che anche quelle società all’apparenza paradisiache nei comportamenti civili, celino storture comuni a quelli del resto del mondo. Partendo dai reati comuni, fino a giungere via via a quelli progressivamente più gravi come violenze e omicidi, i delitti, e di qui in diretta conseguenza il proliferare di racconti ad imitazione della realtà locale, quindi i gialli, i mystery, sono ormai divenuti di prassi, la regola e non l’eccezione.
In particolare, i romanzi di genere ultimamente si catalizzano sull’ osservazioni delle devianze giovanili, da un lato infatti le giovani generazioni nordiche hanno uno status economico sociale senza uguali rispetto ai coetanei d’altri paesi, dall’altra sempre più spesso al benessere fisico e sociale non s’accompagna pari gratificazione morale, con le conseguenze del caso.
Quello che caratterizza il libro della Ulstein è una certa originalità di interpreti, i suoi personaggi sono certamente quelli classici e comuni ad un tempo: un vecchio poliziotto, Roe, stanco e disincantato dalla professione, in cui pure eccelle per capacità di ascolto, sintesi e riflessione; una giovane ragazza, Liv, confusa su che direzione far prendere alla propria esistenza, persa tra progetti di studi, la convivenza con i giovani ed esuberanti colleghi con il conseguente corollario di feste e festicciole studentesche a base di alcool e fumo, le personali carenze affettive che la portano a distaccarsi finanche da un minimo di rapporto con la propria madre; Maram, donna in carriera abile, capace, professionale e di successo ma completamente frustata dal rapporto più che inesistente, sfuggente e fuori dalla sua abituale padronanza di luoghi e persone, con l’ unica figlia Iben prossima all’adolescenza, un rapporto talmente irriverente da spingere la donna, non abituata a simili reazioni, a puerili comportamenti stizzosi, che finiranno per ritorcersele contro.
Storie di ordinaria realtà, allora, storie di persone comuni che sembrano intersecarsi tra loro anche se su differenti piani narrativi temporali, quindi in apparenza nulla di particolare.
Se non fosse che a renderli e diversi, a caratterizzare libro e autrice, è il pet della storia.
Un pet in tutto e per tutto simile negli intendimenti e nell’economia della storia agli altri animali domestici che pullulano nelle storie poliziesche, inutile ricordare il cane lupo Rex o l’adorato siamese di Nero Wolfe. Solo che questo pet è un serpente, Nero, un bell’esemplare di giovane pitone.
Esattamente un pitone, uno di quelli che inghiottono un topolino in un solo boccone, tenuto in casa da Liv come il cucciolo di casa, e questo serpente fa un po' da trait d’union, unico e originale, tra tutti i protagonisti della storia, vengono sottoposti tutti ad una Piton therapy efficace da un punto di vista della risoluzione del giallo. Perché i serpenti hanno la particolarità che periodicamente cambiano pelle, fanno la muta, quasi si spogliassero delle vite precedenti e nascessero ogni volta purificati.
Un assassino, un delitto, invece no, il male per quanti abiti muti, sempre cattivo rimane.
Il male non è un qualsiasi serpente, anzi, un buon pitone.
È una costante, come tale riconoscibile con facilità, resta uguale a sé stesso, non si rivitalizza mutando pelle, resta sé stesso con la stessa veste decrepita.
L’idea di partenza quindi è buona, la storia è ben scritta, anche con bello stile, è come viene sviluppata che mi lascia più di una perplessità. Mi aspetto di più da un prodotto di genere.
La storia fluisce bene, all’inizio lenta, dettagliata ma non contorta e involuta, magari incuriosisce, ma ecco, non è avvincente in senso stretto, sembra sempre che prima o poi spicchi il volo per portarti in alto, tenendoti incollato alle pagine, magari ti consoli nel pensiero che il finale riscatti il tutto trascinandoti in un tourbillon di emozioni. Può piacere anche così, certamente, in sintesi non è una cattiva lettura, ma uno da un noir vorrebbe non dico farsi terrorizzare, ma farsi scuotere sì.
Ma non accade, e un poco mi spiace, ci contavo, dopotutto uno si affeziona a Nero.
Ma Nero è una cosa, un noir è altro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama i racconti gialli in genere.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri