Nel bosco Nel bosco

Nel bosco

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Il protagonista, detective con una "cicatrice" emotiva tanto profonda quanto misteriosa risalente alla sua infanzia, investiga assieme a una collega sul misterioso omicidio di un'adolescente nei pressi di un sito archeologico alla periferia di Dublino. Non molto lontano da lì era stato trovato lui stesso, tanti anni prima, selvaggiamente avvinghiato al tronco di un albero, mentre dei suoi compagni non era stata trovata mai più traccia, e sull'accaduto l'amnesia del bambino e l'infruttuosità dell'indagine avevano fatto calare un velo di silenzio. Mentre le varie piste seguite dai due investigatori portano alla luce una trama di intrighi e inquietanti segreti in seno alla comunità d'origine della ragazzina, il protagonista non potrà fare a meno di confrontarsi con il suo passato e di ricordare.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 7

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.6  (7)
Contenuto 
 
2.3  (7)
Piacevolezza 
 
2.6  (7)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Nel bosco 2017-10-10 14:23:56 Mirella Milanese
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Mirella Milanese    10 Ottobre, 2017

Idea interessante ma mal sviluppata

Trovo il romanzo troppo lungo. La psicologia dei personaggi è troppo spesso preponderante sulla trama rendendo il racconto pesante, a volte inutile. L’intreccio delle due indagini, una sul presente e l’altra sul passato, è un’idea interessante ma l’indagine sul passato rimane marginale e si sviluppa più che altro nel dramma psicologico del protagonista la cui mente ha cancellato quel pezzo di passato ondeggiando fra il riemergere e lo scomparire di ricordi a volte vividi e nostalgici ma comunque non determinanti. Il risultato è che questo continuo vagare nella continua ricerca di se stesso e nella paura di ritrovarsi finisce per rompere quel filo che unisce le due indagini e che avrebbe reso il romanzo interessante fino alla fine. E infatti da un certo punto in poi tutta la suspense di questo parallelismo sparisce e il romanzo rimane monco. Ne va avanti solo una metà mentre l’altra viene abbandonata e mai più ripresa. Al punto che non si saprà mai che cosa è accaduto ai due bambini scomparsi. Questo mistero avrebbe potuto avere un senso e inserirsi in un finale senza soluzione ma solo se ci fosse stato un filo conduttore che l’avesse reso presente nel racconto fino alla fine e non solo nel continuo e astratto vagare della mente del protagonista.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Nel bosco 2014-07-28 20:56:20 mariodb
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da mariodb    28 Luglio, 2014

Delusione

Avendo letto la breve trama riportata dietro al libro ne rimasi davvero colpito, pensando che stessi acquistando un thriller degno di questo nome. La storia inizia, a passo lento, lo stile di scrittura risulta piuttosto pesante. Ma poi prende il via e il lettore comincia a entusiasmarsi piano piano al testo. Il rapporto tra il protagonista e la collega detective fa da cornice a una storia che, sebbene non stimolante come dovrebbe, innesca la curiosità del lettore a saperne sempre di più. E poi si arriva al punto morto. La storia si infanga. Il colpevole viene identificato ma il finale è enigmatico e sconcertante. Tanta carne al fuoco, piste sempre nuove ma totalmente irrilevanti. Il mistero che affascina il lettore nel retro del libro, all'improvviso, senza un vero perchè, viene archiviato come, del resto, viene meno l'entusiasmo di chi legge. Insomma, un libro che del thriller ha solo il nome, purtroppo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Nel bosco 2013-07-11 15:31:26 LolloP
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
LolloP Opinione inserita da LolloP    11 Luglio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Decisamente...NO!

Se dovessi stilare una classifica dei libri che non mi sono piaciuti, piazzerei " Nel bosco" sicuramente nei primi posti.
La trama brevemente riportata nel retro copertina mi aveva in effetti colpito: un efferato omicidio in uno scavo archeologico celtico , un detective che proprio in quello stesso luogo aveva subito un violento trauma da bambino, tanto da non ricordare cosa fosse accaduto, le nebbie dell'Irlanda a fare da cornice alla vicenda. A prima vista sembrano esserci tutti gli ingredienti per un thriller ben costruito.
Peccato che manchi davvero tutto il resto.
Caratterizzazione dei personaggi alquanto scialba, trama piuttosto piatta e poco coinvolgente. Preferisco non addentrarmi oltre nel descrivere quelle che, a parer mio, sono le tante mancanze riscontrate.
Ciò che tuttavia più ho davvero odiato, dopo aver chiuso l'ultima pagina del libro , è stato non capire nulla di ciò che fosse avvenuto al detective da bambino, non capire in che modo la sua infanzia venisse ricollegata alle vicende raccontate ( piuttosto banali tra l'altro), nè in che cosa consistesse questo famigerato trauma tanto ricorrente.
Non ho capito tutto ciò non perchè non avessi prestato attenzione al testo. Nè è possibile sostenere che venga lasciato al lettore facoltà di immaginazione. Bensì , semplicemente, nulla viene detto in merito.
Ebbene sì. Si apre un intreccio e lo si lascia sospeso nel vuoto.
I primissimi capitoli sembrano tratteggiare una trama misteriosa e complessa per poi concludersi nel nulla più assoluto. Come se l' autrice, dopo aver iniziato a scrivere, si fosse stancata e avesse sbrigativamente concluso il tutto, senza dare spiegazioni di alcun tipo.
Se mai aveste la tentazione di acquistarlo il mio consiglio è di non farlo, a meno che non vogliate capire come NON scrivere un thriller !

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Nel bosco 2012-07-25 16:50:26 Valentina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Valentina    25 Luglio, 2012

rapita

L'ho letto nell'estate 2007 e mi ha letteralmente rapita.
Ritmo serrato che ti porta a divorare il libro.
Fitta trama che io sinceramente non ho trovato così scontata.
Il finale lascia aperte molte possibilità, lasciando al lettore il compito di trovare una risposta in merito ai fatti successi nell'84.
Sotto questo punto di vista, il romanzo mi ricorda molto il film "pic nic ad hanging rock" (tratto dall'omonimo romanzo) per cui non si saprà mai cosa realmente sia successo alle protagoniste e che ti "lascia addosso", o almeno così è stato per me, un profondo senso di mi stero e curiosità... insomma: tutto da ragionare!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
Nel bosco 2012-03-06 17:30:28 Federico
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Federico    06 Marzo, 2012

Che delusione...

L'incipit del libro è molto interessante... L'autrice sapientemente collega l'omicidio di una ragazzina ad un fatto accaduto 20 anni prima, mettendo suspance nel lettore. Purtroppo andando avanti con la lettura ci si rende conto di quanto i 2 fatti viaggino su binari paralleli! La risoluzione del caso dell'omicidio della ragazzina è alquanto banale... E per giunta non si scoprirà mai cosa sia successo nell'84 ai ragazzini scomparsi nel bosco...
Peccato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Nel bosco 2011-05-29 18:23:02 lorypitt
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
lorypitt Opinione inserita da lorypitt    29 Mag, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non si fa così Tana !

So che puo' apparire contraddittorio il mio dare voti piuttosto alti a questo libro ma sconsigliarne la lettura. La mia delusione è dovuta dal fatto che ho ritenuto veramente senza senso che l'autrice abbia creato un alone di mistero ed una suspence veramente coinvolgenti fin dalle prime righe parlando di un mistero che alla fine non chiarisce. Ho avuto come l'impressione che abbia ricamato talmente tanto intorno a cio' che alla fine qualsiasi spiegazione sarebbe risultata deludente, pertanto ha deciso di non darne nessuna. Una specie di sindrome da Twin Peaks insomma, che lascia sconcertati e fa quasi dimenticare di quanto sia stato scritto bene il libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
41
Segnala questa recensione ad un moderatore
Nel bosco 2010-06-23 20:15:25 leadger
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
leadger Opinione inserita da leadger    23 Giugno, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non l'ho capito!!!

Un pomeriggio di agosto del 1984 tre dodicenni: Jamie, Adam e Peter scavalcano, come d'abitudine, il muro che separa la zona abitata di Knocknaree, per andare a svagarsi nel fitto bosco limitrofo.Per i tre ragazzini il bosco è come una seconda casa, un posto tutto per loro. Purtroppo però, quel giorno, solo Adam uscì dal bosco, sconvolto, con macchie di sangue e nemmeno un ricordo di ciò che era avvenuto a lui e ai suoi amici, misteriosamente scomparsi. Vent' anni dopo questo oscuro fatto Adam, diventato investigatore della sezione omicidi della polizia di Dublino, viene assegnato ad una caso di omicidio avvenuto a Knocknareee. Da quel momento è costretto a rivivere e ricordare gli sconvolgenti avvenimenti accaduti molti anni prima.
La trama è interessante, le descrizioni quasi perfette, peccato che, arrivati all’ultima pagina si scopre che tutto rimane in sospeso. L’autrice non dà infatti nessuna spiegazione su quanto accaduto a quei ragazzini nel 1984. Per questo motivo la mie note concernenti il contenuto e la piacevolezza sono così basse.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'unica storia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo che trema
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Isola di neve
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Khalil
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una di luna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Il figlio del secolo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo giro della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La coda del diavolo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Peccato mortale. Un'indagine del commissario De Luca
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'innocente
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'idiota
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I colori dell'incendio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri