Passato remoto Passato remoto

Passato remoto

Letteratura straniera

Classificazione

Editore


La sparizione di Rafael Morin Rodriguez, dirigente di un'azienda legata al ministero dell'Industria di Cuba ed ex compagno di scuola del tenente Mario Conde, sembra destinata a restare un mistero: l'uomo apparentemente non aveva nemici, non è fuggito con un'amante, non ha tentato di lasciare l'isola. L'indagine è affidata al riluttante Conde, con l'ordine di trovare una veloce risoluzione senza disturbare troppo le alte sfere che Rodriguez era solito frequentare. Ma è proprio lì che le indagini finiscono per concentrarsi, dopo aver portato alla luce alcuni aspetti non proprio limpidi nella carriera del dirigente scomparso.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Passato remoto 2011-07-01 11:24:07 Stefp
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Stefp Opinione inserita da Stefp    01 Luglio, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Passato remoto

L'Avana, primi giorni del nuovo anno, il 1989. Uno stimato ed irreprensibile dirigente di un'azienda legata al Ministero dell'Industria, Rafael Marin Rodriguez, scompare improvvisamente ed inspiegabilmente alla vigilia di un importante incontro con una delegazione giapponese. L'indagine è affidata al tenente Mario Conde, valido quanto tormentato investigatore della polizia cubana che indagherà con sofferenza anche sul suo passato. Rafael è stato infatti suo compagno al liceo e ha sposato Tamara, altra sua compagna di classe, suo grande amore mai confessato. Rafael, il primo della classe, dell'intera scuola, ben voluto e apprezzato da tutti e Tamara che, ancora oggi, quando la rivedrà per interrogarla, susciterà in lui grandi turbamenti.
Leonardo Padura Fuentes ci regala un romanzo affascinante, un noir ambientato in una Cuba che non siamo abituati a conoscere, quella dei primi giorni di gennaio, freddina, piovosa e grigia. Una vicenda che non presenta colpi di scena apocalittici e situazioni adrenaliniche. Una storia che fila via liscia e limpida come i rhum che “il Conde” si concede con molta generosità assieme al suo amico “Magro”. Viviamo tutta l'indagine assieme al protagonista, passo dopo passo, con naturalezza, con un finale logico, quasi scontato ma assolutamente non banale.
Dialoghi molto curati. Tutti i personaggi sono ben caratterizzati, ma è profondo e apprezzabile in maniera particolare quello di Mario Conde, scrittore mancato, poliziotto per caso, introspettivo, intimista, malinconico, al quale questa indagine, mettendolo di fronte al suo passato attraverso le figure di Rafael e Tamara, costringerà a ricordare e ad interrogarsi sulla sua vita, su perché di certe scelte, sul destino che ci guida o sulla possibilità cha abbiamo di guidarlo. Disilluso, ma ancora pieno di speranze e di voglia di vivere.
Nonostante Padura Fuentes abbia da tempo vinto diversi premi letterari e sia un notevole esponente della letteratura contemporanea cubana, per me è stata una scoperta, grande e piacevole.

P.s.: la serie di Mario Conde (quattro romanzi, uno per stagione), è stata stampata per la prima volta a Cuba nel 1991, è stata pubblicata da Tropea in Italia otto anni dopo, nel 1999, e ci può stare, anzi grazie a Tropea per averla scoperta. La domanda che mi pongo ora però è: perché far andare fuori catalogo questa serie e ripubblicarla oggi, dopo 12 anni dalla prima pubblicazione, con una nuova veste editoriale e un prezzo più alto? Non bastava ristamparla? Non sarebbe stato più basso il prezzo di copertina? “Passato remoto”, in brossura, costa 16,50 euro. In rete, la prima pubblicazione, quella del 1999 fuori catalogo, si può comprare scontata a euro 4,88.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il gioco del killer
Il lungo addio
La mia bottiglia per l'oceano
I ragazzi di Biloxi
La stella del deserto
Il segreto di Inga
Le ombre
Il treno per Istanbul
Un cuore nero inchiostro
Agatha Raisin. Campane a morto
Il caso Agatha Christie
La casa nell'ombra
Fairy Tale
Trappola di sangue
Niente orchidee per Miss Blandish
Brave ragazze, cattivo sangue