Senza via di scampo Senza via di scampo

Senza via di scampo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Se «la vecchia» ha proprio con lui, Vladimir, un rapporto così speciale, è perché loro due si somigliano: provano entrambi un profondo disgusto per tutto quanto li circonda, e la medesima pietà per se stessi. Due mascalzoni infelici, intrisi di amarezza e di cinismo, questo sono. Perciò, lasciando che gli scrocconi vaghino annoiati nella grande villa, Jeanne Papelier si ubriaca insieme a lui; finisce sempre che si mettono a piangere, e poi vanno a letto insieme. Un equilibrio apparentemente perfetto, che si romperà allorché farà la sua comparsa una donna giovane e bella, la figlia della vecchia Papelier. Per Vladimir comincerà allora una storia diversa, una storia in cui ci sarà prima il desiderio, poi il tradimento, poi il rimorso, e poi anche una sorta di delitto espiatorio. Per finire in un naufragio.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Senza via di scampo 2015-05-01 17:07:32 catcarlo
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    01 Mag, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Senza via di scampo

Simenon: “Senza via di scampo”
28/04/2015. Questo breve romanzo è l’ennesima conferma che, lontano da Maigret, Simenon è solito dare sfogo alla sua vena più pessimista ritraendo un’umanità di sconsolante pochezza, un mondo di mediocri che rotola senza reagire sui binari della propria infelice esistenza. Nessuna classe sociale è risparmiata: si tratti del mondo dei poveri cristi o di quello piccolo-borghese oppure ancora, come qui, dell’alta borghesia, non c’è, per l’appunto, via di scampo. Il risultato sono storie di un nero profondo che regalano un senso di disagio, anche quando la ciambella non riesce propriamente col buco come in queste centosettanta pagine scritte poco oltre la meta degli anni Trenta che raccontano la breve parabola di colpa ed espiazione di Vladimir, russo finito a fare il domestico e l’amante di una ricca e sfatta signora (alcolizzata come lui) con villa dalle parti di Cannes. L’arrivo della figlia di quest’ultima rompe il fragile equilibrio spingendo l’uomo ad allontanare con un sotterfugio Blinis, compatriota che ne condivide la manutenzione della (e la residenza sullo) yacht della donna. Vladimir non riesce a perdonarsela, anche perché la carognata pare aprirgli gli occhi su quanto sia insensata la sua vita attuale: la tragedia è tanto evitabile quanto ovvia prima di una sorta di catarsi in una fredda e umida città del nord Europa. Umidità che si ricollega alla pioggia che batte all’inizio sulla Costa Azzurra, annegando il banale tran-tran degli abitanti di Golfe-Juan: non che la loro vita cambi granchè quando il tempo migliora e le vacanze estive prendono il sopravvento, come del resto accade agli altri ospiti, anch’essi abbastanza debosciati, della grande dimora di Jeanne Papelier. Le figure che popolano questo romanzo sono difatti tantissime e la constatazione che tutti quanti, a qualsiasi livello della scala sociale, condividono il vuoto esistenziale non compensa il fatto che per la gran parte si tratti di personaggi solo abbozzati in cui il valore simbolico finisce per andare a discapito di una maggiore complessità. Il solo Vladimir si stacca nettamente perché lo scrittore ne indaga a fondo la psicologia narrandone, oltre che il presente, anche il passato e, in un certo senso, il futuro: assieme a un’ambientazione sospesa (in fondo, succede il minimo indispensabile) e gelida malgrado i molti giorni di sole, la sua avventura riesce a far ricordare il romanzo malgrado le sue imperfezioni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Senza via di scampo 2008-08-05 04:13:49 Silvia
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Silvia    05 Agosto, 2008

non so se mi é piaciuto

Personalmente ho letto suoi libri decisamente migliori e non ho trovato nulla di eccezionale in questo romanzo. La conclusione purtroppo é decisamente scontata ed il colpo di scena maestro era già percepibile due capitoli prima.. peccato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
La legge del sognatore
Valutazione Utenti
 
3.3 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri