The chain The chain

The chain

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


"Mi chiamo Rachel Klein e fino a pochi minuti fa ero una madre qualunque, una donna qualunque. Ma adesso sono una vittima. Una criminale. Una rapitrice. È bastato un attimo: una telefonata, un numero occultato, poche parole. Abbiamo rapito tua figlia Kylie. Segui le istruzioni. E non spezzare la Catena, oppure tua figlia morirà. La voce di questa donna che non conosco mi dice che Kylie è sulla sua macchina, legata e imbavagliata, e per riaverla non sarà sufficiente pagare un riscatto. Non è così che funziona la Catena. Devo anche trovare un altro bambino da rapire. Come ha fatto lei, la donna con cui sto parlando: una madre disperata, come me. Ha rapito Kylie per salvare suo figlio. E se io non obbedisco agli ordini, suo figlio morirà. Ho solo ventiquattro ore di tempo per fare l'impensabile. Per fare a qualcun altro ciò che è stato fatto a me: togliermi il bene più prezioso, farmi precipitare in un abisso di angoscia, un labirinto di terrore da cui uscirò soltanto compiendo qualcosa di efferato. Io non sono così, non ho mai fatto niente di male nella mia vita. Ma non ho scelta. Se voglio salvare Kylie, devo perdere me stessa....".

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.1
Stile 
 
2.5  (2)
Contenuto 
 
2.0  (2)
Piacevolezza 
 
2.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
The chain 2019-12-01 16:17:29 ALI77
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    01 Dicembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un thriller senza emozione

Avete presente quei thriller che fanno vedere d'estate realizzati con un budget basso, poche risorse e attori alle prime armi?
Ecco questo libro potrebbe essere perfetto per questo tipo di film, una buona idea iniziale che incuriosisce, ma che alla fine risulta banale e scontata.
Rachel è una giovane donna che ha già sofferto moltissimo, si è separata, ha avuto un tumore al seno e ora ha ricevuto una chiamata che nessuna mamma vorrebbe ricevere; una donna le dice che ha rapito sua figlia Kylie di soli tredici anni.
"Rachel si interroga. Che cosa vogliono, quelli che stanno dietro tutto questo? La cosa più importante è che la Catena continui."
Inizialmente pensa che sia uno scherzo ma poi capisce che non lo è, le viene detto di versare dei soldi, comprare dei cellulari usa e getta e di rapire un altro bambino e solo dopo verrà liberata Kylie. Se qualcosa va male, il rapitore ucciderà sua figlia.
I soldi non sono importanti ma è fondamentale che la Catena non si interrompi.
E' impossibile scappare dalla Catena, ti osservano, ti seguono, ti ascoltano e anche se riuscirai a fare tutto quello che vuole, anche a distanza di anni ti potrebbero trovare e uccidere se qualcosa andasse storto.
"Per l'ennesima volta si chiede perchè sia stata scelta. Lei non l'avrebbe fatto. Neanche per idea. lei avrebbe scelto qualcuno con una situazione molto più solida. Una coppia sposata benestante."
Rachel cerca di fare del suo meglio per salvare la figlia e per riuscire a non interrompere la Catena.
La donna viene descritta come una persona che nonostante tutto ha sempre trovato la forza per andare avanti, ha paura come madre per la figlia, ha dei momenti in cui pensa di non farcela.
Non giudico il dolore che possa provare una madre, anche perché non lo sono e non lo posso capire, ma a mio avviso Rachel viene descritta come una persona che soffre e che ha paura ma non è così.
Solo sulla carta lo è, ma poi era completamente diversa, nel suo atteggiamento e in alcuni momenti non ha avuto nessun momento di esitazione.
La costruzione di questo personaggio a me non è piaciuto molto, mi è sembrata molto irreale e alquanto eccessiva sia nei momenti difficili che in quelli in cui era richiesta più azione.
In alcuni punti mi sembrava tutto molto prevedibile e tutto troppo facile, nessuno ha visto nulla di strano in Rachel o in tutti questi rapimenti che succedevano?
Nessuno ha mai sbagliato qualcosa?
I sensi di colpa e i rimorsi che sente Rachel non la portano mai a cercare una soluzione alternativa e a cercare aiuto in qualche modo? A me sembra che lei assecondi la Catena invece di spezzarla.
La prima parte è sicuramente più interessante rispetto alla seconda, anche se l'intero libro è molto scorrevole e si legge molto velocemente. Nel mio caso, continuavo a leggerlo perché volevo sapere cosa sarebbe successo, se fosse arrivato qualche colpo di scena, purtroppo però non è accaduto nulla di così eclatante.
Alcune volte l'autore tende a dedicare qualche riga a personaggi o a descrivere dei passaggi inutili per la narrazione, che a mio avviso, non centrano molto con la storia.
A mio avviso questo libro ha un'ottima idea iniziale, una bella cover e ho apprezzato la scelta di tenere lo stesso titolo dell'edizione originale, ma i complimenti finiscono qui.
L'ufficio stampa della casa editrice ha fatto bene il suo lavoro, molta pubblicità e poca sostanza come accade moltissime volte.
Ho visto moltissime persone che hanno parlato di questo libro e la curiosità di leggerlo era veramente tantissima ma come penso sempre, a volte è meglio evitare i romanzi troppo osannati perché la maggior parte di loro è un flop, anzi un bluff editoriale.
Un thriller scontato e banale, l'unica punto forte è il fatto che si legge velocemente.
Un autore che, secondo me, ha molto potenziale ma è una storia che poteva essere originale e avvincente ma che risulta essere piatta e senza colpi di scena.
Un thriller senza emozione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

The chain 2019-09-09 14:58:12 Bruno Izzo
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    09 Settembre, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Giochi a premio

Le idee più geniali sono spesso le più semplici, e questo vale anche per il crimine.
Lo scoprirà ben presto, dolorosamente a sue spese, Rachel Klein, la protagonista di “The chain”, l’originale e avvincente thriller di Adam McKinty.
Conosciamo tutti, più o meno, il meccanismo delle moderne catene di sant’Antonio, un sistema assai semplice che consiste nel diffondere a macchia d’olio ad una platea di utenti una lettera, questo ai tempi remoti ante computer, una e-mail oggigiorno, in cui si richiede di copiare una missiva identica a quella appena ricevuta e inviarla a propria volta ad altri contatti, per diffondere il più possibile un messaggio più spesso di natura delirante su base simil fanatico-religiosa, vantando l’avverarsi di eventi fortunati al felice esito della trasmissione in catena del messaggio, o in caso contrario minacciando supposte acclarate punizioni divine con l’avverarsi di eventi infausti.
Successivamente tale fastidioso, ma tutto sommato innocuo meccanismo di spam, è stato sostituito dalla trasmissione in catena di una struttura piramidale, in verità un modo truffaldino di tirar su un po' di denaro da parte di persone di dubbia moralità. Il meccanismo è una struttura piramidale in quanto al suo vertice vi è una sola persona, che vende ad altre persone la possibilità di entrare a far parte della piramide a dei livelli sottostanti, promettendo a loro volta guadagni in cambio del pagamento di una quota d’ingresso. Una volta pagato l’accesso alla struttura, a loro volta queste persone introdurranno altre persone nella piramide e così via. In realtà è una truffa,
Secondo questo meccanismo, guadagna delle singole quote di ingresso versate solo chi sta al vertice della piramide, per le altre persone che accedono alla struttura, diventa difficile – se non impossibile – convincere altre persone ad accedere alla piramide, anche promettendo lauti guadagni.
Il crimine perpetrato ai danni della povera Rachel è esattamente una catena piramidale forzata sul ricatto: le viene chiesto di versare una sostanziosa quota d’ingresso, ed il premio promesso è.…la salvezza della vita della proprio figliola Kyle, rapita a questo solo scopo di costrizione. Non solo: ma il rapitore di Kyle, a sua volta, non è un bieco criminale, è invece a sua volta una vittima innocente, costretto giocoforza a delinquere, anche a lui è stata rapita una persona cara, la cui liberazione dipende dalla creazione dall’anello successivo della catena. Per cui, il compito di Rachel non è solo quello di pagare la quota d’ingresso, ma anche di scegliere a sua volta un anello successivo, a cui rapire una persona cara e costringerlo a fare altrettanto di ciò che è stato fatto a lei, perché la catena possa continuare al solo esclusivo vantaggio dell’unico colpevole reale che siede al vertice della piramide.
Un gioco semplice, come si vede, ma sottile e crudele, insieme.
“The chain” basa la sua fortuna non solo sull’originalità dell’idea di partenza, quanto nell’abilità a delineare crudamente ma assai efficacemente, in una conseguente atmosfera di sottile angoscia, lo scontro tra il calore dell’amore di una madre, il suo istinto protettivo caldo e rovente di amore oltre ogni limite e a qualsiasi costo nei confronti del proprio figlio, e la freddezza artica, agghiacciante, di un meccanismo ludico reso assai più rigido dal crudele carattere gelidamente lucroso che esula dal gioco in sé, tramutandolo in efferatezza fine a se stessa.
Ma il calore, più spesso, scioglie i ghiacciai.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama il genere, il thriller, fine a se stesso, a solo scopo distensivo. Nessuna tensione alla Stephen King o alla Donato Carrisi, per intenderci, ma un piccolo svago sotto l'ombrellone, senza infamia e senza lode.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Anello di piombo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.1 (3)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri