Torno a prenderti Torno a prenderti

Torno a prenderti

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Emily si è rifugiata in un disabitato luogo di villeggiatura. Un giorno mentre fa jogging lancia uno sguardo incauto al bagagliaio dell'auto del vicino... e si risveglia saldamente legata nella cucina di lui, in procinto di essere torturata e fatta a pezzi come la vittima che aveva casualmente adocchiato. Immobilizzata e indifesa, senza nessuno che possa sentirla nel raggio di chilometri, Emily tenta disperatamente di escogitare un piano prima che il mostro torni a prenderla.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.5  (6)
Contenuto 
 
4.0  (6)
Piacevolezza 
 
4.2  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Torno a prenderti 2015-08-12 14:40:12 sonia fascendini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    12 Agosto, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Hai voglia di giocare?

Emily deve affrontare la morte dela sua bambina. Decide che lo vuole fare da sola. Le uniche sue compagne saranno delle scarpe da ginnastica. Perchè quando smettere di piangere non è possibile, il dolore non vuole saperne di smetterla di morderti furiosamente e il suicidio è un'alternativa da scartare, ci vuole qualcos'altro. Allora Emily inizia a correre con rabbia, sempre più veloce fino a quando cade sfinita.
Quando anche la corsa non basta più si rifugia in un'isola semideserta, perchè non frequentata in quella stagione dai vacanzieri.
Il suo tran tran è sempre quello: corse estenuanti, lacrime, di nuovo corse.
Poi, i suoi occhi cadono sulla cosa sbagliata. Da qui in avanti è il lettore a correre a perdifiato col cuore in gola. Il libro cambia registro: da triste cronaca di vita di una donna diventa un ottimo thriller. Ogni riga ci fa sperare che Emily abba fatto la scelta giusta e si sia liberata dal suo aguzzino. Prima di girare pagina la incitiamo a corere più veloce a non cedere. Vorremmo quasi intervenire e fare lo sgambetto all'inseguitore.
Racconto lungo di un centinaio di pagine, ma capace di catturare il lettore. Pochi personaggi, trama semplice e lineare, ma con tanta tensione. Questo è uno degli esempi della genialità di King: prendere qualcosa d semplice, che visti gli ultimi fatti di cronaca potrebbe succedere a tutti, e farne un gran bel momento di intrattenimento.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Torno a prenderti 2011-11-20 18:49:23 alexmai
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
alexmai Opinione inserita da alexmai    20 Novembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gerald reload

Questo racconto lungo sembra una rivisitazione de Il gioco di Gerald, più rabbiosa e meno riflessiva. Probabilmente poteva diventare un romanzo, ma forse proprio l'esperienza precedente lo ha fatto desistere... per sei euro si può leggere!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
22
Segnala questa recensione ad un moderatore
Torno a prenderti 2011-04-12 19:04:10 Frax90
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Frax90 Opinione inserita da Frax90    12 Aprile, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alta velocità ed intense emozioni

Sono cento pagine di brevità,sfuggevoli eventi e passaggi emotivi ed esistenziali estremamente(ma non eccessivamente)celeri, si susseguono a ruota per tutta la durata del romanzo.La bellezza è proprio insita qui,in quella velocità sovrumana che in poche opere di King ho potuto riscontrare;è la rapidità che rende fantastico questo"racconto", precipitazione che lascia boccheggiante il lettore, ancora coi pensieri ancorati alla riga precedente.Il Phatos...indubbiamete è enfatizzato all'ennesima potenza!!!Come Emily,anche il lettore, è sempre di corsa tra le parole,fagocitando eventi, personaggi e situazioni non poi così Kinghiane(tutt'altro che irreali, anche se terribilmente drammatiche).Cosa succederà alla giovane ed incoscinete(storpiata dal dolore della morte assai prematura della figlioletta) protagonista? Domanda che affolla la mente di chi legge fin dalla genesi.Molto avvincente è la prevalenza della razionalità sull'istinto durante la prigionia a casa dell'assassino,quella mancanza di annebbiamento mentale dovuto al terrore e la fredda lucidità calcolatrice dell'adrenalina che scorre nelle vene sono descritte magistralmente,facendo in modo che ci si auto-impersonifichi con la sfortunata ma matematicamente mordace Emily.Altro aspetto del romanzo pregevole e degno sicuramente di encomio,è il vuoto di pensieri che caratterizza la figura di Jim Pickering.Niente ossessioni maniaco-compulsive manifestate apertamente,niente strane norme consuetudinarie, ma "solo" una bramosa,sfrenata, intemperante voglia di uccidere...ovviamente priva di una "ratio" basale.Invece dei pensieri turbinosi di Jim,immagino esserci milioni di nuvole chiare e trasparenti che gli coprano il capo, come (paradossalmente)un quadro di Magritte. Una vera e propria "maratona letteraria" di turbamenti,esili commozioni ed "ordinaria follia"...tipica del grande maestro!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Torno a prenderti 2010-09-06 13:20:43 Celia
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Celia Opinione inserita da Celia    06 Settembre, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Torno a prenderti

Veramente un libro da leggere tutto d'un fiato. é uno degli unici racconti di Stephen King in cui l'angoscia sale sin dalla prima pagina e questo lo rende davvero eccezionale.
Lo stile del Re è inconfondibile e l'ansia febbrile ti rimane addosso fino alla fine del libro creando una specie di legame empatico con la protagonista.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama il "Re del brivido"
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Torno a prenderti 2009-04-14 11:34:54 fabiomic75
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
fabiomic75 Opinione inserita da fabiomic75    14 Aprile, 2009
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Breve ma intenso

Solo King riesce a coinvolgere il lettore fino al punto di sentire l'angoscia montare dentro. Anche questo racconto seppur breve è carico di pathos. Netta la somiglianza con "Il gioco di Gerald", altro libro del "Re" che ho amato molto. Lettura consigliata!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Torno a prenderti 2008-12-11 15:50:50 kabubi81
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
kabubi81 Opinione inserita da kabubi81    11 Dicembre, 2008
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

pathos alla king...

Se vi parlo di una lingua di terra isolata e semi-deserta, di una giornata piovosa, di una donna sola e di un' auto dal bagagliaio aperto a lasciar intravedere un cadavere, il solo titolo non vi mette angoscia?! King è un re, si sa, e lo dimostra anche in questo piccolo libro da leggere tutto d' un fiato, grazie alla sua capacità di tenere il lettore letteralmente incollato alle sue pagine, e come con le ciliege, una tira l' altra fino alla fine!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
intensity di koontz
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oryx e Crake
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri