Un luogo incerto Un luogo incerto

Un luogo incerto

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Diciassette piedi tagliati, ancora con le scarpe. Ritrovati davanti al più famoso e macabro cimitero londinese. Adamsberg tra Londra, i dintorni dell’Haut-de-Seine e la Serbia. La storia vera di Peter Plogojowits, un serbo riesumato nel 1725 in un piccolo villaggio col sospetto che fosse un vampiro. Quasi trecento anni dopo i vampiri non hanno smesso di infestare il mondo. Humour, erudizione e fantasia in un romanzo che flirta col gotico e l’orrore, e che attraverso i suoi personaggi ormai culto risale alle origini del mito del vampiro.



Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 12

Voto medio 
 
3.2
Stile 
 
3.8  (12)
Contenuto 
 
2.7  (12)
Piacevolezza 
 
3.2  (12)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Un luogo incerto 2013-09-01 18:28:39 Pelizzari
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    01 Settembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'uomo dalle dita d'oro

Il giallo si apre con l'immagine assurda di tante vecchie scarpe, con dei piedi dentro, che tentano di entrare in un antico cimitero. Prosegue poi con il ritrovamento di un cadavere spezzettato in centinaia di frammenti, dispersi e frantumati non solo secondo una follia indiscriminata, ma secondo un preciso criterio logico, anche se assurdo. In questo viaggio attraverso quel continente ignoto della follia umana siamo accompagnati da quel personaggio così singolare e caratteristico del commissario Adamsberg. Ironico, intelligente, schivo, ombroso, stralunato: un vero gioiellino della letteratura poliziesca. Fra i personaggi minori, particolarmente degno di nota è l'osteopata, l'uomo dalle mani d'oro, che ci permette anche di conoscere qualche lato nascosto del famoso commissario. Contenuto un pò sottotono rispetto ad altri romanzi dell'autrice.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un luogo incerto 2012-08-25 13:20:00 Francj88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Francj88 Opinione inserita da Francj88    25 Agosto, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Morbi vampireschi

Un luogo incerto è la penultima (se non sbaglio) avventura del caro commissario Adamsberg, lo "spalatore di nuvole". E già in apertura vi dico che, se posso darvi un consiglio, sarebbe meglio cominciare dal primo libro poichè anche se le storie non sono collegate tra loro, spesso vengono citati fatti o personaggi che, senza aver letto i libri precedenti, non si riescono a ricollegare al complesso della storia. La trama è questa:

Davanti al famosissimo e macabro cimitero londinese di Highgate vengono ritrovati diciassette piedi tagliati, ancora con le scarpe. Adamsberg collabora con Scotland Yard per le indagini e viaggiando tra Londra e la Serbia, tra realtà e leggenda si trova a dover fare i conti una strana vicenda che lo porterà sulle piste di un caso reale di vampirismo, una inchiesta tanto intrigante quanto complessa.

Il mio primo pensiero di fronte a questo libro è stato : "ecco anche la Vargas è stata colpita dal morbo vampiresco!". Buona trovata commerciale un libro del genere di questi tempi, strizzando l'occhio alle twilight fans più accanite. Tuttavia questo libro in comune al genere urban fantasy gotico adolescienziale non ha nulla a che vedere. Ci troviamo di fronte ad un giallo che mescola mistero, suspance, humor nero ed erudizione. Una delle cose che amo della scrittura della Vargas è la cultura che ci sta dietro, vi si legge ricerca personale ed approfondimento in ciò di cui si parla, anche in questo caso in cui la scrittrice si rifà a due note leggende di tradizione serbo-iugoslava che affondano le radici nella storia. La trama è interessante e questa avventura grottesca è arricchita dai personaggi incredibili e ben delineati che la penna della Varags sa creare. Non solo Adamsberg ma anche coloro che si trovano ad entrare nella sua orbita e rimanerne in un modo o nell'altro attratti, sono affascinanti. Il protagonista però è sempre lui. E al caro commissario non ci si può non affezionare. Inafferrabile, misterioso e sfuggente, questi sono alcuni dei motivi del suo fascino. In questo libro tuttavia, il suo passato torna e lo mette in difficoltà, così che possiamo scorgere un altro lato della sua affascinante personalità e come sempre si è portati a seguirlo per vedere se e come il nostro amato eroe riuscirà a salvarsi.

Detto ciò concludo dicendo che il libro mi è piaciuto abbastanza, forse non è uno dei miei preferiti della serie però da qui a dire che sia un brutto libro ce ne vuole. La Vargas rimane una delle mie autrici contemporanee preferite e Adamsberg uno dei personaggi letterari più interessanti degli ultimi tempi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un luogo incerto 2011-07-17 13:27:41 Luci Benni
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
4.0
Luci Benni Opinione inserita da Luci Benni    17 Luglio, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Adamsberg quasi irriconoscibile

E' un po' in crisi, questa Vargas, che costruisce attorno ad Adamsberg un caso che mostra segni di cedimento narrativo. Camille è al mare con Tom, si scopre che Danglard ha un lontano parente serbo che proviene proprio dal villaggio da cui tutto ha inizio, il villaggio che ha donato al mondo il potentissimo Poglojowitz. E c'è un figlio non riconosciuto che ha 29 anni di cui il buon Adamsberg non ha mai saputo nulla, un medico-mago, un collega che tradisce....
C'è un'aria da soap opera, nonostante il marchio della Vargas si riconosca per intero. Improbabile la trama, forzata la conclusione, faticose le spiegazioni. Si legge, sì, ma davvero non è all'altezza delle felici prove della nostra Fred....

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per chi conosce la Vargas, anche se non è il suo titolo migliore...
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un luogo incerto 2010-02-19 12:38:37 NRG
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
NRG Opinione inserita da NRG    19 Febbraio, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un luogo incerto

Seguo con passione la Vargas fin dal suo esordio e ho comprato il libro a scatola chiusa. Questa volta l'autrice delude pesantemente perchè l'intreccio è assolutamente incredibile, troppo forzato e fa perdere credibilità anche a personaggi solidissimi come il Commissario Adamsberg che segue piste e collegamenti più da fantascienza che da giallo. Troppi ingredienti " buttati nella pentola" quasi a casaccio ( il soprannaturale che nasconde invece una più reale credulità popolare, le manovre improbabili di qualcuno che conta e che non vuole minimamente che si scopra l'autore dei delitti, ....)e, come sempre accade in questi casi, il risultato è un piatto insipido. Peccato, la Vargas ha il dono di scrivere con apprezzabile ironia e dona ai personaggi grande spessore e credibilità...NON questa volta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Faletti e l'ha trovato geniale
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un luogo incerto 2009-08-25 16:17:58 Luigi
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Luigi    25 Agosto, 2009

Trama un pò forzata

Seppur si legga tutto d'un fiato con il consueto piacere dato dai romanzi di questa grande scrittrice, questo episodio della saga Adamsberg è un pò pretestuoso in vari passaggi della trama ed i collegamenti internazionali sono davvero improbabili. Peraltro, a mio parere,la traduzione del titolo dovrebbe essere: "un luogo insicuro".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gli altri episodi di Adamsberg ma non solo
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un luogo incerto 2009-07-01 19:09:26 giovanni
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da giovanni    01 Luglio, 2009

un luogo incerto

Come tutti i libri della Vargas mi sento di consigliarlo,ma non vivamente come gli altri della serie del commissario Adamsberg.
Concordo con qualche altro "recensore" che il libro risulta un po' più lento e veramente zeppo di nomi e di qualche avvenimento alquanto incredibile... ancora non l'ho finito ma lo trovo decisamente fuori dallo stile che mi (ci?)aveva abituato e quindi un po' noioso e ripetitivo per quanto riguarda la cospirazione vs. adamsberg.
Fred, per favore, ridacci gli "evangelisti"!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un luogo incerto 2009-06-15 14:02:26 Sara
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Sara    15 Giugno, 2009

Che delusione!

Della Vargas ho letto tutto quello che è stato pubblicato in Italia e ci sono stati dei libri che mi hanno veramente entusiasmato sia per lo stile che per il contenuto. Questo "un luogo incerto" mi ha veramente deluso!!!! Manca il tocco magico che fa vivere i personaggi resi bidimensionali da una trama macchinosa e troppo carica, mancano le loro strane peculiarità, così assurde da renderli alla fine reali e indimenticabili, tanto che, a volte, mi ricordavano Pennac.... Negli altri libri la storia era solo un contenitore neanche troppo presente, direi quasi trasparente,comunque indispensabile a valorizzare un contenuto secondo me vario e ben strutturato. Qui la trama incombe fastidiosamente su un contenuto scontato e inaridito dalla ripetizione di se stesso. Esistono libri di sola trama. Ma deve essere armoniosa e ben strutturata.... qui, neanche quello. Troppi interventi esterni poco credibili, troppi nomi su nomi. Insomma, l'ho finito e non mi ha lasciato niente. Peccato, a me lei piace tantissimo..... Ma l'avrà scritto lei questo libro? Oppure si è fatta aiutare? :-)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un luogo incerto 2009-05-30 13:10:59 Zimo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Zimo    30 Mag, 2009

Meno efficace dei precedenti ma sempre incalzante

Concordo sul fatto che la trama di questo libro è meno avvincente e sicuramente più prevedibile di precedenti romanzi. Infatti man mano che si abitua allo stile della Vargas, il lettore attento riesce poi anche a svelare i meccanismi soliti che lei utilizza per complicare la trama, usare diversivi che possano confondere il lettore fino alla scoperta del colpevole. Peccato che qui si intuisce quasi subito chi sarà il colpevole. E' intelligente, la Vargas, ad utilizzare le vicende personali del commissario come principale attrazione per i suoi lettori, svelando a poco a poco e di romanzo in romanzo le sue vicissitudini di vita. In questo è magistrale: leggere e fugaci pennellate che compongono di volta in volta il mosaico. Forse quasi più brava nella stesura del romanzo umano che come giallista, direi, ma sempre tra i più bravi scrittori di thriller contemporanei.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri libri del commissario Adamsberg
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un luogo incerto 2009-05-14 18:40:50 Antonio
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Antonio    14 Mag, 2009

Alla Vargas serve una pausa

Questa volta la Vargas si ripete e forza la trama inserendo situazioni (il complotto contro Adamsberg già visto in Sotto i venti di Nettuno) e personaggi (Veyrenc come deus ex machina)già comparsi in romanzi precedenti. Fra tutti i libri della Vargas è quello che scorre meno e francamente il più improbabile nell'intreccio. Secondo me l'errore è quello di voler creare un "sistema Adamsberg" con il rischio di cadere in un clichè. Naturalmente la prosa è sempre quella di una grande scrittrice.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un luogo incerto 2009-05-10 20:53:54 gianoulinetti
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
gianoulinetti Opinione inserita da gianoulinetti    10 Mag, 2009
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Di questo Adamsberg non se ne può più

"Non sopporto i gialli ultraviolenti che raccontano crimini complicatissimi (che in realtà non esistono): un delitto è sempre semplice" dichiara la signora Fred. Alla faccia della semplicità e della delicatezza! Morti spappolati tanto da non ritrovarne i pezzi, figli che compaiono improvvisamente dal nulla, personaggi improbabili. E tutto per cavalcare la moda dei vampiri. Se proprio non potete fare a meno di leggere la Vargas limitatevi a "L'uomo dei cerchi azzurri" e poi, se amate la semplicità intelligente, passate al buon vecchio Simenon.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Qualcun altro
I fantasmi dell'isola
Finestra sul vuoto
Sulla pietra
L'ultimo conclave
Prato all'inglese
Mio marito
Ti ricordi Mattie Lantry
C'era due volte
The turnglass
Il pericolo senza nome
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive